IndyCar | Honda Indy GP of Alabama – Sintesi qualifiche: la prima pole della stagione va a Pato O’Ward

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Il messicano della McLaren O’Ward è stato il più veloce nella sessione di qualifiche del GP di Alabama di IndyCar. Sorprendente Grosjean, che al primo weekend in IndyCar sfiora la Fast Six ed è 7°. 5° il campione in carica Dixon.

 

Qualifiche GP Alabama IndyCar
Foto: Arrow McLaren SP

 

Le qualifiche del GP di Alabama si sono svolte con il solito format IndyCar diviso in 3 parti, una iniziale con due gruppi di 12 piloti dai quali i migliori sei di entrambi sono avanzati alla seconda fase. Da questi 12, i sei piloti più veloci sono avanzati alla terza fase dove viene decisa la pole position. Nel primo gruppo, tra gli altri, erano presenti a giocarsi l’accesso alla seconda fase Power, Newgarden, Hunter-Ray, Sato e Scott McLaughlin, rookie proveniente dal campionato australiano Supercars che aveva già ben figurato durante le prove libere.

Da subito è stato proprio McLaughlin ad andare molto veloce, che insieme a Ericsson e Palou sono stati i primi a scendere sotto 1’7”. Ha faticato per tutta la sessione Jimmie Johnson, che dopo i sette titoli nella NASCAR Cup Series si è voluto mettere alla prova con le monoposto. A fine turno il migliore è stato lo spagnolo Palou, con un tempo di 1:05.903. A seguirlo nella secondo fase sono stati Newgarden, Power, Ericsson, Harvey e McLaughlin. Eliminati Jones, Pagenaud, Hunter-Ray, Sato, Johnson, Sato e Kellet.

Nel secondo gruppone figurava Romain Grosjean, al primo anno in IndyCar dopo l’addio alla F1. Insieme a lui il campione in carica Dixon, gli altri ex-F1 Rossi e Chilton e il giovane messicano della Arrow McLaren O’Ward. Hinchcliffe, che è tornato quest’anno ad essere pilota a tempo pieno in IndyCar, ha concluso la sua qualifica contro le barriere senza far segnare un giro cronometrato. In una sessione ridotta a soli 5 minuti a causa dell’incidente, il migliore è stato O’Ward con un tempo di 1:06.069. Insieme a lui hanno passato il taglio Grosjean, Dixon, Daly, Rossi e Herta. Fuori Chilton, Rahal, VeeKay, Bourdais e Hinchcliffe. Non è passato alla fase successiva nemmeno Rosenqvist, a causa di un testacoda a 30” dalla fine.

I 12 che sono andati ad affrontarsi nella seconda fase sono stati Palou, Newgarden, Power, Ericsson, Harvey, i rookie Mclaughlin e Grosjean, O’ Ward, Dixon, Daly, Rossi e Herta. Sin dall’inizio sono andati forte O’Ward e Dixon, mentre ha faticato di più Palou rispetto al turno precedente. Dopo il primo stint , davanti a tutti si era piazzato Herta con un tempo di 1:06.417. A fine sessione, con un colpo di reni, si è messo in testa O’Ward in 1:05.501.

Con lui sono passati alla Fast Six Power, Palou, Ericsson, Dixon e Rossi, che all’ultimo ha scalzato Grosjean dalla sesta posizione. Eliminati, oltre a Grosjean (7°), Newgarden (8°), Herta (9°), Daly (10°), Harvey (11°) e McLaughlin (12°). Da notare il predominio Chip Ganassi, tutte e tre le sue auto principali hanno passato il taglio.

Fast Six Shootout

I piloti si sono giocati la pole nell’ultimo minuto e mezzo della sessione, disputata su gomme option usate. A spuntarla, a conferma della velocità avuta già nei turni precedenti, è stato uno strepitoso Pato O’Ward in 1:05.847.

È la seconda pole position in carriera in IndyCar per il pilota messicano, che domani scatterà davanti a Rossi (2°). Bravissimo anche Palou (3°) che in seconda fila troverà Power (4°). A chiudere la Fast Six sono stati Dixon (5°) e Ericsson (6°).

Clicca qui per vedere i risultati completi delle qualiche dell’ Honda Indy GP of Alabama.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

IndyCar | Anteprima Team e Piloti della stagione 2021