IndyCar | Il campionato americano torna in pista…su iRacing

La IndyCar segue l’esempio della Formula 1; si correrà in pista…ma su iRacing. I piloti avranno modo di sfidarsi virtualmente nell’attesa dell’avvio della stagione.

INDYCAR iRacing Challenge
Credit: NTT IndyCar

Nel periodo di emergenza mondiale anche l’IndyCar va incontro ai tifosi del motorsport. Come per la F1 che ha lanciato ufficialmente gli Esports Virtual Grand Prix Series, allo stesso modo la IndyCar ha deciso di creare un torneo su iRacing, il più importante simulatore di corse automobilistiche. Indycar iracing

L’obiettivo dichiarato dalla IndyCar è quello di realizzare sei gare virtuali con durata di 90-120 minuti, a partire dal 28 marzo che saranno disponibili sia sul sito ufficiale che su altre piattaforma come Facebook, Youtube e Twitch. La prima gara si disputerà su un circuito scelto dai fan, attraverso un torneo di votazioni.

Le altre gare seguiranno il seguente calendario completo:

  • 28 marzo: pista scelta dai fan;
  • 4 aprile: Barber Motorsports Park;
  • 11 aprile: pista scelta dai piloti;
  • 18 aprile: pista scelta casualmente;
  • 25 aprile: Circuit of The Americas (CoTA);
  • 2 maggio: circuito non appartenente al calendario IndyCar

Oltre alla gara, i piloti avranno a disposizione una sessione di qualifica prima della partenza della gara è prevista una sessione di autografi virtuale per una durata di 15 minuti. Al termine della gara su Instagram è prevista una intervista live con il vincitore condotta da Katie Hargitt. Tutto questo per permettere ai fan di avere una migliore esperienza virtuale.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

I piloti invece avranno a disposizione sulle vetture l’aeroscreen, il dispositivo di sicurezza progettato dalla Red Bull ed approvato dai team dopo una serie di test. L’IndyCar ha scelto di utilizzare l’aeroscreen a partire da questa stagione. Inoltre, come accade di solito, i piloti e le squadre avranno la possibilità di modificare le livree a seconda degli sponsor.

La lista dei piloti partecipanti sarà disponibile a partire dalla prossima settimana e, al termine del torneo, si devolverà in beneficenza una parte dei ricavi.

Seguici anche su Instagram

F1 | La Formula 1 e la FIA potranno modificare il calendario senza l’approvazione dei team