IndyCar | Imposto un limite di giri per le gomme in Texas

L’IndyCar è pronta a ripartire, ma la chiusura della fabbrica Firestone ha portato a un limite all’uso delle gomme nella prossima gara al Texas Motor Speedway

IndyCar Texas gara
Credit: NTT IndyCar

L’IndyCar riprenderà a correre sabato 6 giugno con la Genesys 300 al Texas World Speedway, prima corsa stagionale dopo la cancellazzione di St. Petersburg.

La serie ha organizzato l’evento attorno alle restrizioni anti-COVID-19, correndo a porte chiuse e in un solo giorno prove libere, qualifiche e gara. indycar texas gomme

Per tornare in pista è stato però necessario risolvere un altro problema: la chiusura della fabbrica Firestone ha impedito di produrre le gomme specifiche per questa gara. Di conseguenza saranno utilizzate gomme “di riserva” dello scorso anno.

Secondo gli ingegneri le gomme destre, specifiche per il Texas, avranno un grip non troppo diverso dallo scorso anno, mentre quelle di sinistra, specifiche per Indianapolis, si consumeranno più in fretta. Questo, insieme al nuovo baricentro della vettura causato dall’introduzione dell’AeroScreen, ha portato alla decisione di imporre un limite massimo di utilizzo: 35 giri per ogni treno. indycar texas gomme

Rompicapo strategico per i team

Ogni concorrente avrà a disposizione 9 treni di gomme per completare prove libere (due ore), qualifiche (due giri secchi) e gara (200 giri). Questo implica l’uso di almeno 6 set di gomme per completare la gara, e 5 pit stop. Lo scorso anno le strategie per 248 erano state di quattro o tre pit stop, con ogni treno che durava almeno 60 giri tra un rifornimento e l’altro.

Sarà quindi estremamente interessante vedere quali strategie i team introdurranno per far fronte a questo limite, un po’ artificioso ma necessario sui superspeedway. In 35 giri le auto arriveranno a circa metà serbatoio, quindi si potrebbe partire con un po’ meno carburante, non rifornire ad un pit stop, o sfruttare le immancabili bandiere gialle caratteristiche di questo ovale.

La produzione di pneumatici per le corse è un vero problema in questa fase di ripresa: essendo prodotti “just in time”, non sarà facile produrli nella quantità e nei tempi adeguati. La Pirelli ad esempio ha bloccato la scelta libera delle gomme da parte dei team nel 2020.

Seguici su Telegram

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.