IndyCar | Indianapolis 500-Alonso: ”Se non ce la facciamo, è perchè non lo meritiamo”

Alonso non è riuscito a qualificarsi alla 500 miglia di Indianapolis nella prima giornata. Avrà un ultimo tentativo oggi nel bump day 

Alonso Indianapolis 500
Fernando Alonso, Credit: indycar.com

È sicuramente una delle sfide più difficili che stanno mettendo a dura prova le qualità e il talento di Fernando Alonso. Alla sua seconda esperienza sull’ovale di Indiana, l’asturiano è a un passo dall’ esclusione dalla 500 miglia numero 103. Dopo i problemi tecnici che lo fanno fermato nella prima sessione di prove libere e l’incidente nella seconda giornata l’incubo si è materializzato. Alonso Indianapolis 500
A questo si è aggiunto anche la consapevolezza di avere un team giovane alle spalle e una vettura non assettata al meglio. La qualifica di ieri non è iniziata nel migliore dei modi per Fernando Alonso il quale è stato rallentato da una lenta foratura. I suoi tentativi però non sono mai sembrati in grado di garantirgli la qualificazione, ad eccezione dell’ultimo tentativo in 227.224 mph.


“Siamo dentro, per adesso.” [Gil de Ferran, Credit: indycar.com ] 


Purtroppo non sarà così; il tentativo di Hindebrand e di Rahal spezzano definitivamente le speranze di Alonso di ottenere la qualificazione nei primi 30. L’ultima ad essere qualificata è l’unica donna in griglia: Pippa Mann. Tra i rookie ottima 13° posizione per Marcus Ericsson mentre Rosenqvist 29°, penultimo dei classificati.      Alonso Indianapolis 500

Alonso Indianapolis 500
Credit: indycar.com

La beffa maggiore per Alonso è il fatto che a giocarsi la pole position nella Fast Nine della giornata di oggi saranno 6 piloti Chevrolet: i tre del Team Penske, Newgarden-Pagenaud-Power e i tre del Team Ed Carpenter Racing, Carpenter-Jones-Pigot. Quest’ultimo in particolare è stato il più veloce di giornata con una media sul giro di 230.083 mph. L’altro pilota ad essere andato oltre le 230 mph è Will Power, subito dietro. Gli altri 3 piloti che chiudono il cerchio della Fast Nine Shootout sono Sebastien Bourdais, Alexander Rossi e Colton Herta. Il giovane pilota è stato il più veloce dei motorizzati Honda e oggi avrà la possibilità di riscrivere la storia.

Ad Alonso invece non resta che sperare nel Bump Day di oggi; 6 piloti in lotta per le ultime 3 posizioni dell’ultima fila. A contendersi l’ultimo tentativo saranno: Fernando Alonso, Patricio O’Ward, Kyle Kaiser, Sage Karam , Max Chilton eJames Hinchcliffe. Il canadese #5 di Schmidt-Peterson, dopo l’incidente di ieri nel secondo tentativo ha provato a qualificarsi ma nulla da fare. Alonso ha così commentato la giornata di ieri: Alonso Indianapolis 500

”Non avevamo la velocità, quindi siamo dove meritiamo oggi. Spero che domani abbiamo un’altra possibilità di essere in gara. Se non possiamo farcela, non possiamo farcela, ed è perché non la meritiamo.” [Credit: indycar.com ]

Seguici anche su Twitter