IndyCar | Indianapolis GMR GP – Anteprima e Orari TV

Finalmente inizia il mese di Maggio per l’IndyCar, che corre sul circuito stradale dell’Indianapolis Motor Speedway per il GMR GP: l’anteprima e gli orari TV della quinta gara stagionale

indycar indianapolis gp orari
Photo: Chris Owens/INDYCAR

Is it May yet? La risposta è affermativa: con questo weekend entriamo ufficialmente nel mese più rovente per l’IndyCar, che culminerà il 30 maggio con la 105ª edizione della 500 miglia di Indianapolis. Ma prima delle due spettacolari settimane sul più prestigioso ovale del mondo, i team e i piloti dovranno affrontare la prima delle due gare in calendario previste sul tracciato stradale dell’Indianapolis Motor Speedway.

Il circuito indycar orari indianapolis gp

indycar indianapolis gp orari
Lo stradale dell’Indianapolis Motor Speedway è lungo 3925 e conta 14 curve

Costruito nel 2000 per la F1, e poi teatro fino al 2019 anche della MotoGP, il tracciato stradale dell’Indianapolis Motor Speedway è il fratellino minore dell’ovale, di cui sfrutta la pit lane, il rettilineo principale e le immense tribune.

Il tracciato, lungo 3925 m da percorrere 85 volte, è piatto, e considerato piuttosto anestetizzato per gli standard rustici dell’IndyCar: dal rettilineo principale si va sulla chicane iniziale, che si ricongiunge all’Hulman straight con una curva lunga e una chicane. A differenza del circuito da F1 si evita la sezione di tornanti mista interna, e si va dritti alla curva a 90° in fondo al rettilineo, poi una chicane veloce porta alla curva a gomito che riporta sullo Speedway tra curva 2 e curva 1. Tuttavia i piloti non affronteranno Curva 1, ma una chicane a metà del corto rettilineo, che immette infine sul rettilineo principale.

Le vie di fuga sono comunque quasi tutte naturali, e le possibilità di sorpasso sono ottime, con molte manovre che procedono per parecchie curve.

L’IndyCar corre sullo stradale dal 2014, quando venne aggiunto come “aperitivo” della Indy 500. L’unica eccezione è stata nel 2020, quando si corse per ben 3 volte, una a luglio e 2 a Ottobre come “Harvest GP”.  Quest’anno invece i piloti lo affronteranno ancora il 14 agosto, in un double header con la Nascar Cup Series, che ha sostituito la tradizionale Brickyard 400 con una gara sullo stradale.

Power re dello stradale dello Speedway

Will Power ha vinto qui ben 4 volte (2015/17/18/20), mentre Pagenaud conta tre vittorie nel 2014, nel 2015 e nel 2019, quest’ultima con una spettacolare rimonta in condizioni miste. A rompere il dominio dei due piloti Penske è giunto Scott Dixon, che vincendo a luglio dello scorso anno ha continuato a costruire il suo sesto titolo, e infine Josef Newgarden nell’Harvest GP dell’anno scorso, in una gara spettacolare caratterizzata dalla battaglia tra Herta e VeeKay.

Anteprima Piloti e Squadre

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’entry list conta 26 vetture, due in più delle 24 auto full-season:

  • Juan Pablo Montoya farà il suo ritorno in IndyCar dopo 4 anni di assenza, e lo farà non con Penske, con cui ha corso in IMSA nelle ultime tre stagioni, ma con la McLaren, con cui il rapporto si era interrotto bruscamente proprio a Indianapolis nel 2006, quando annunciò il suo ingresso nella NASCAR dal 2007 e venne licenziato in tronco da Ron Dennis e sostituito con De La Rosa. I tempi a Woking sono cambiati, e Zak Brown è stato piùche felice di accogliere il colombiano sulla #86 Arrow McLaren SP, con cui correrà l’Indy GP e sopratutto la 500 miglia di Indianapolis.
  • Anche Charlie Kimball sarà al via dell’Indy GP e della 500 miglia di Indianapolis sulla A.J. Foyt #11, dopo aver ridotto il suo impegno in questa stagione al solo Mese di Maggio.

Scott Dixon contro tutti  indycar orari indianapolis gp

indycar scott Dixon
Scott Dixon è in testa alla classifica IndyCar, per l’ennesima volta nell’ultima era geologica
Photo: Chris Jones/INDYCAR

Nell’anteprima stagionale avevamo previsto uno scontro tra l’arrembante gruppo di giovani piloti sotto i 25 anni e il gruppo dei veterani: finora il Team Giovani conta ben 3 vittorie su 4, con Alex Palou e Pato O’Ward pre la prima volta in Victory Lane, e Colton Herta che ha segnato una vittoria dominante al GP di St Petersburg. Ma in testa alla classifica c’è ancora lui, l’inossidabile Scott Dixon, che a 40 anni suonati ha iniziato la stagione nel suo classico modo: un 3° posto al Barber, un 5° in Florida, per poi emergere nel “suo” Texas dominando la Genesys 300, guidando in una gara più giri che nell’intera stagione 2020.

Guardando ai candidati alla Victory Lane, Pato O’Ward con la McLaren ha mostrato finora una velocità eccezionale, e se il team sarà con lui potrebbe essere di nuovo il pilota da battere, mentre McLaren potrebbe migliorare la gestione del povero Rosenqvist, a cui tutto sembra sempre andare storto.


Leggi anche: Indycar | Texas XPEL 375: Pato O’Ward e McLaren al primo trionfo!


Non va però sottovalutato Josef Newgarden, che con Penske finora sembra abbonato alla 2ª posizione, ma che troverà il tempo di emergere, così come i veterani Penske e plurivincitori all’Indy GP Pagenaud e Power.

indycar orari indianapolis gp

In casa Andretti al momento sembra tirare solo Colton Herta, fermato da un problema nella Genesys 300, con Alexander Rossi in crisi prestazionale e di testa, e già a 88 punti dalla testa della classifica, e Hinchcliffe e Hunter-Reay sfortunati o anonimi.

Chip Ganassi Racing potrebbe avere una seconda freccia all’arco oltre a Dixon con Alex Palou, mentre si aspettano risultati e fortune migliori per Ericcson.

Tra gli outsider più quotati troviamo infine Rinus VeeKay, autore della Pole e di una gara eccezionale con il suo primo podio all’Harvest GP 2020 ad appena 20 anni, Graham Rahal, che con RLL è sempre nelle prime posizioni, Sebastian Bourdais, che salvo le sfortune in Texas ha avuto un avvio consistente di stagione, Scott McLaughlin, giunto per la prima volta a podio in IndyCar e Romain Grosjean, che ritorna al volante della #51 Dale Coyne in un circuito decisamente più simile agli standard della F1. Dopo la pausa in Texas ritroveremo infine anche Jimmie Johnson, nel suo percorso di apprendistato a 45 anni in IndyCar sulla #48 Chip Ganassi.

Orari TV indycar orari indianapolis gp

L’IndyCar è disponibile in Italia in streaming sulla piattaforma DAZN, con il commento originale, ma solo la gara è trasmessa in diretta e in replay per una settimana. Potete inoltre seguire gli onboard sull’app IndyCar. Il livetiming è disponibile qui.

Venerdì 14 Maggio

  • 15.30 | Prove Libere 1
  • 19.00 | Prove Libere 2
  • 22.30 | Qualifiche (2 gruppi/Fast 12/Fast 6)

Sabato 15 Maggio

  • 20.30 | GMR Grand Prix (85 giri)

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

IndyCar | È morto a 87 anni Bobby Unser

Francesco Ghiloni

Studente universitario di Chimica e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.