IndyCar | L’ingegnere di Grosjean parla del suo primo test in Indy

L’ingegnere di Romain Grosjean, al suo primo anno in IndyCar, ha rilasciato un’intervista in cui parla dei primi test dell’ex pilota di F1.

Grosjean con la divisa ufficiale della Dale Coyne Racing – credits: unknown

L’ingegnere di Grosjean ha rilasciato un’intervista in cui parla dei primi test del francese in IndyCar. L’avventura statunitense di Grosjean non è iniziata nel migliore dei modi. L’ex pilota di Formula 1 è andato a sbattere violentemente contro un muro dopo meno di un’ora di corsa nel suo primo test. Ma quello che ha fatto Romain Grosjean dopo, dimostra quanto egli si sia dimostrato la scelta perfetta per Dale Coyne Racing.

“È uscito di pista, è tornato e la macchina era tutta sporca, quindi ha preso uno straccio e ha iniziato a pulire la macchina. I meccanici hanno apprezzato questo gesto!” ha detto l’ingegnere di gara di Grosjean, Olivier Boisson.

Ricordiamo, però, una cosa: Grosjean non ha avuto tempo di provare un simulatore specifico per IndyCar, quindi ha dovuto accontentarsi di scendere in pista lunedì per fare alcuni giri di ricognizione e abituarsi ad una nuova vettura prima delle prove del martedì. Grosjean è, quindi, salito su un’auto da corsa per la prima volta dopo il suo scioccante incidente in Bahrain l’anno scorso.

L’incidente avvenuto durante i test non lo ha scosso più di tanto, sebbene si sia trattata di una bella botta. Come ha spiegato lui stesso, ha reagito al comportamento della vettura come avrebbe fatto su una macchina di F1, ma questo è servito solo a destabilizzare la Dallara FW12 invece di risolvere il suo problema. È stato molto importante, però, capire che si tratta di qualcosa che è meglio evitare in IndyCar. D’altronde sbagliando si impara.

Le prime parole di Grosjean

Ogni volta che vieni a provare devi cercare di trovare il tuo limite, cosa che ho fatto questa mattina alla curva 1“, ha detto Grosjean. “Non ero abbastanza contento, ma è successo, e in realtà ho capito che è qualcosa che potresti fare in Formula 1 e che forse non puoi fare in IndyCar, quindi in realtà è stata una specie di buona esperienza di apprendimento.
Oltre a imparare i limiti del differenziale e come reagire alla macchina in un modo diverso da quello a cui è abituato, il suo raccogliere lo straccio per spolverare l’auto dopo l’incidente, come delineato da Boisson, è stato un gesto molto apprezzato da tutto il team.
Dale Coyne Racing è un piccolo gruppo con solo una manciata di personale per ogni macchina, ma può reggere il confronto con i grandi team come Andretti Autosport, Chip Ganassi Racing e Team Penske quando si riunisce come un’unità coesa, beneficiando di una maggiore agilità di piede rispetto alle squadre più grandi. Grosjean dice che Coyne è “una delle squadre più piccole del campionato” ma che non è “niente di male o di cui vergognarsi”.
“Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla sua personalità“, ha detto Boisson. “Non so se è perché siamo entrambi francesi ma andavamo abbastanza d’accordo”.

Le parole di Boisson su Grosjean

“E’ un ragazzo molto gentile, è molto facile andarci d’accordo ed è un ragazzo molto semplice anche in macchina. È professionale ma, sai, alcuni ragazzi sono super schizzinosi e onestamente è solo felice di essere lì à guidare, è veramente felice di questa sua nuova avventura”.

“Penso che a Romain piaccia una squadra affiatata. Mi ha detto che quando era in GP2 e in altre serie faceva parte di una piccola squadra, ma gli avevano insegnato molto”.

“A tutti i ragazzi del team piace quel tipo di sensazione familiare e tutti si prendono cura l’uno dell’altro e non c’è nessun dito puntato o altro: siamo tutti insieme e amiamo correre“.

Le prime immagini di Grosjean al volante – credits: gpfans.com

“Questo è quello che stiamo facendo, quindi cerchiamo tutti di fare del nostro meglio. Penso che tutti, Romain compreso, abbiano apprezzato il modo in cui è andata la giornata e il modo in cui, quando le cose vanno male, tutti cercano di aiutare.”

I primi test di Grosjean in IndyCar

Gli elementi chiave del programma di test erano di far sentire Grosjean a suo agio nell’abitacolo con i primi set di pneumatici, adattarsi inizialmente alla guida dell’auto e poi cambiare piccoli componenti per aiutarlo a capire cosa fanno quelle modifiche al comportamento e alle prestazioni dell’auto.

“In F1 non so quanto sia facile cambiare baricentro, ammortizzatori, allineamenti sull’auto”, afferma Boisson. “So che molto dipende dall’aerodinamica e dalla pressione dei pneumatici da quello che posso vedere”.

“Cerco di aiutarlo a metabolizzare la “cassetta degli attrezzi” in modo che possiamo avere una conversazione in futuro e dire ‘sì, mi è piaciuto l’ultima volta quando abbiamo fatto questa modifica, non mi è piaciuto l’ultima volta’. Quindi sapere cosa gli piace e cosa no era fondamentalmente l’obiettivo principale della giornata “. Per Grosjean, i cambiamenti sono davvero infiniti rispetto alla F1.

“È difficile guidare quelle auto, è un modo totalmente diverso rispetto alla Formula 1, dove l’unica cosa con cui combatti sono le forze G. Qui combatti fisicamente la pesantezza dell’auto”, dice Grosjean. “Ma non mi dispiace. È piuttosto interessante.”

Grosjean e Boisson hanno ammesso, forse come previsto, che non stavano guardando i tempi sul giro. Grosjean è stato l’ultimo delle 12 vetture in prova, ma a meno di un decimo dal compagno di squadra Ed Jones e meno di un secondo dal miglior tempo ottenuto da Rinus VeeKay.

Tuttavia, avere i dati del compagno di squadra Ed Jones ha aiutato, anche se il sistema di  analisi dei dati di IndyCar è diverso da quello della F1. Grosjean ha promesso a Jones la pace. “Gli ho detto che ero uno stronzo come compagno di squadra ai tempi, ma ora ho 35 anni e vorrei che fossimo amici”.

“In pista vuoi batterli, non c’è dubbio, ma al di fuori della pista penso che sarebbe fantastico essere amici”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Mario Isola in esclusiva: “Soddisfatti della scelta mescole nel 2020; riasfaltatura piste tema delicato nell’era Covid”

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.