IndyCar | Rosenqvist e Hunter-Reay i più veloci nelle libere di St Petersburg

Al via il primo appuntamento della stagione 2019. Felix Rosenqvist all’esordio è stato il più veloce nella prima sessione di libere mentre nel pomeriggio Ryan Hunter-Reay ha dettato il passo. Prove libere di St Petersburg

Credit: Indycar (Brian Cleary)

Fp1

Nella prima sessione di prove libere a St Petersburg Felix Roseqvist, debuttante in IndyCar con Chip Ganassi, ha fatto segnare il miglior tempo in 1:01.82158 secondi. Dietro di lui Ryan Hunter-Reay e l’altro debuttante svedese Marcus Ericsson.  Un buon esordio per  lo svedese ex Alfa-Romeo Sauber, considerando che il suo compagno di squadra allo Schmidt-Peterson Team, James Hinchcliffe, ha chiuso la prima sessione di libere solo al 13° posto.

Il compagno di squadra di Felix Rosenqvist e campione in carica, Scott Dixon, ha compiuto solo 15 giri ma è comunque riuscito a far segnare il 4°miglior tempo davanti ad Alexander Rossi. Prove libere di St Petersburg
Il primo pilota del Team Penske è stato Josef Newgarden col 7° tempo, a sandwich tra i due piloti del Rahal Letterman Lanigan Racing, Takuma Sato e Graham Rahal. Gli altri due piloti del team Penske, Will Power e Simon Pagenaud, hanno chiuso la prima sessione di prove libere in 10° e 12° posizione. Prove libere di St Petersburg

Fp2

Nella seconda sessione di prove libere il Team Andretti è riuscito a dettare il passo con la Dallara-Honda #28 di Ryan Hunter-Reay che in mattinata aveva chiuso alle spalle di Felix Rosenqvist. Alle sue spalle Spencer Pigot e Marco Andretti. Prove libere di St Petersburg
Un buon quarto posto quello di Colton Herta prima che la sua macchina lo abbandonasse di colpo. In risalto anche la Carlin con il 5° e 8° tempo di Max Chilton e Charlie Kimball, separati da Alexander Rossi e James Hinchcliffe.

Indietro il Team Penske, con Josef Newgarden 9°, Will Power 10° e Simon Pagenaud 17° e il Team Ganassi con Scott Dixon e Felix Rosenqvist 13 ° e 14 °. Prove libere di St Petersburg
Marcus Ericsson invece dopo aver ottenuto il 3° posto in mattinata ha chiuso in 19° posizione dopo aver sfiorato il muro con il set di gomme morbide.

MotoGP | GP Qatar – Giro record per Marquez nelle FP2