IndyCar | Texas 600-Takuma Sato partirà davanti a tutti

Nella qualifica della 600 miglia del Texas, la seconda gara sugli ovali della stagione, sul Texas Motor Speedway Takuma Sato ha avuto la meglio in qualifica davanti a Scott Dixon e Sebastien Bourdais.

Takuma Sato, Credit: NTT IndyCar

Takuma Sato, vincitore della 500 miglia di Indianapolis nel 2017, ha ottenuto la pole position nella 600 miglia del Texas; per il giapponese di Rahal Letterman Racing si tratta della prima pole stagione. Subito dietro Scott Dixon, vincitore lo scorso anno e campione in carica; il neozelandese di Ganassi ha mancato la pole per soli 20 millesimi mentre ha rifilato 1 decimo a Sebastien Bourdais, terzo sulla griglia di partenza. A chiudere la seconda fila la Dallara-Honda #28 di Ryan Hunter-Reay, miglior pilota Andretti in qualifica. Indycar Texas 600 qualifica
Terza fila per il vincitore della 500 miglia di Indianapolis, Simon Pagenaud che avrà al suo fianco un sempre più costante Spencer Pigot. Ad aprire la quarta fila il leader del campionato Josef Newgarden con al suo fianco il primo dei piloti Schmidt-Peterson, James Hinchcliffe mentre Marcus Ericsson solo 14°

Indycar Texas 600 qualifica
Credit: NTTIndyCar.com

5° fila per il compagno di squadra di Takuma Sato, Graham Rahal con accanto il primo rookie Colton Herta, il più giovane vincitore della storia dell’IndyCar. A ridosso della top ten Alexander Rossi che in Texas potrebbe conquistare la vetta del campionato ai danni di Josef Newgarden. Indycar Texas 600 qualifica

E’ invece sembrato in difficoltà uno dei piloti più competitivi in qualifica, Will Power, il peggiore del team Penske con 15° tempo alle spalle di Ericsson e con Felix Rosenqvist a partire accanto per completare l’8°fila.

La prima qualifica di Conor Daly con team Carlin, al posto di Max Chilton che completerà la stagione solo sui cittadini, non è andata nel migliore dei modi; il pilota americano, che ad Indianapolis con il team Andretti è arrivato 10°, ha conquistato solo la 19°posizione.

Seguici anche su Twitter

Esclusiva, Marta Garcia: ”La W Series può essere una grande opportunità”