La rubrica del lunedì | Imbucati alla festa

Torna ‘La rubrica del lunedì’. Ogni settimana commenteremo il weekend appena trascorso concentrandoci su un qualcosa di particolare. Al GP di Imola la doppietta Red Bull rovina quella che sarebbe dovuta essere una festa Ferrari. Imbucati alla festa.

gp imola red bull ferrari
Foto: unknown

Le condizioni per far sì che fosse una festa Rossa c’erano tutte. Biglietti andati sold out, entusiasmo ritrovato e una macchina finalmente competitiva. Il GP di Imola si è invece trasformato in un vero e proprio incubo per i Tifosi Ferrari, costretti a dover vedere una doppietta Red Bull accompagnata da una giornata ‘no’ del Cavallino.

Il primo weekend italiano della stagione portava con sé aspettative molto alte viste le prime uscite stagionali della F1-75. Una macchina che per caratteristiche si sarebbe dovuta sposare al meglio con il layout dell’Autodromo dedicato a Enzo e Dino Ferrari. Una macchina che nel venerdì sembrava volare in condizioni di bagnato, nonostante una qualifica per la Sprint che aveva fatto intravedere il pericolo all’orizzonte. Pericolo che portava il nome di Red Bull.

Il team guidato da Horner dopo i problemi avuti a Melbourne ha dimostrato di avere una macchina che, fatta eccezione per l’affidabilità, sembra avere pochi difetti. Il ritmo avuto da Max Verstappen durante la gara ha fatto sì che la vittoria non fosse mai in discussione. Un Gran Premio dominato in lungo e in largo grazie anche a un Sergio Perez che ha tenuto dietro un Charles Leclerc partito nel peggiore dei modi prima di costringerlo all’errore alla Variante Alta.


Leggi anche: La rubrica del lunedì | Effetto Ferrari


Il monegasco della Ferrari ha cercato di andare oltre quello che era il reale potenziale della sua Ferrari nel GP di Imola, finendo per compromettere un terzo posto che avrebbe sicuramente limitato i danni in ottica Mondiale visto soprattutto quanto successo a Sainz.

Lo spagnolo per il secondo weekend consecutivo non riesce a superare le primissime fasi di gara per troppa foga in Australia e per sfortuna a Imola. Due ritiri che pesano sul suo morale e sulla classifica del team, nella speranza che possa presto invertire la rotta delle ultime settimane.

Doveva essere una festa, si è trasformata in un incubo. L’entusiasmo è poi diventato delusione. Resta la consapevolezza di avere ancora una stagione davanti e una macchina e dei piloti all’altezza. In attesa di Miami, le due Red Bull rovinano la festa di Imola.

Tutti gli articoli della rubrica: ‘La rubrica del lunedì’

Seguici anche su Instagram