Le auto di Leo Messi: un garage da milioni di euro per la pulce

Una delle notizie che ha fatto il giro del mondo negli ultimi giorni, è quello dell’addio di Messi al Barcellona dopo circa 20 anni. In queste sue stagioni ai blaugrana, il talento argentino, visto anche il suo ingaggio monstre, non ha resistito a togliersi qualche sfizio automobilistico.

Messi a fianco della sua Audi Q7

I SUV TRA I SUOI PREFERITI

Essendo padre di 3 bambini, la “pulce” ha bisogno di spazio per spostarsi la sua famiglia e la sua scelta, è ricaduta su 5 Suv.

Il primo di cui parliamo è l’Audi Q7. Con un prezzo di base di circa 55.000€, il modello della casa tedesca è perfetto per dimensioni e per il lusso di cui un grandissimo calciatore come lui ha bisogno.

Un altro modello tedesco, ancora più lussuoso ma questa volta decisamente più sportivo, è la Mercedes GLE Coupé. Il prezzo parte dai 93.000€ e monta un turbodiesel da 330 CV  trazione integrale 4 Matic. Con le sue enormi dimensioni e la colorazione total black, non può che non attirare gli sguardi per le strade di Barcellona, o Parigi visti i roumor di calciomercato.

Restando nel mercato europeo, parliamo del Suv forse più amato dai campioni del pallone: la Range Rover Vogue. Essenza del lusso, presenta moltissimi optional tra cui il parcheggio assistito a 360o, o il sistema audio Surround Meridian. Il prezzo di partenza è di circa 90.000€.

Spostandosi invece oltre l’Atlantico, troviamo l’auto americana per eccellenza, la Cadillac Escalade. Tanto spaziosa, l’auto monta un potente V8 6.2 da 409 cavalli e velocità massima di 170 Km/h. Visto anche lo stile ricercato della vettura, il prezzo si aggira attorno agli 80.000€.

Sensibile alla tematica sull’ambiente, Leo Messi ha in garage anche 2 giapponesi “green”. La Toyota Prius, prezzo di 30.000€, e la Lexus RX, 54.000€.

Leggi anche https://f1ingenerale.com/le-auto-di-kimi-raikkonen-da-una-fiat-500-ad-una-488-pista/

SPAZIO ANCHE ALLE ITALIANE

La “Pulce” a bordo della sua Maserati

Partendo dalle 2 Maserati, sono diverse anche le vetture italiane nel garage del calciatore.

Quella in foto, la MC Stradale, monta un V8 da 4,7 litri ed è la Maserati più leggera e veloce dell’intera gamma del “tridente”, grazie ai 300 km/h che può raggiungere. Il prezzo parte da 156.000€

L’altra, la GranTurismo S, questa volta nera ha un prezzo di partenza di 109.000€ e raggiunge i 100 orari, in 4.8 secondi.

Non manca nemmeno la Ferrari. Ha il suo spazio nella ricca collezione, anche la F430 Spider. Con un V8 da 490 CV ed una velocità massima di 315 km/h, ha un prezzo di circa 170.000€.  La verniciatura scelta per questo modello non è il tipico rosso Ferrari, ma un grigio chiaro personalizzato, voluto dallo stesso calciatore.

Infine parliamo della vettura più costosa di tutte, la Pagani Zonda Roadster. Ha una base di 1.700.000€ ed è usata dall’argentino solo in pista, visto che per la strada non può girare questo modello.

Dodge, Audi, Mercedes e…una Mini.

Dopo il Q7, Lionel Messi possiede altre Audi. La prima è la RS6, una delle SW più potenti, supera i 300 orari grazie ai 600 CV che spingono sotto il cofano. Altre vetture della casa a “4 cerchi”, sono la lussuosa Audi A7 e la R8, presente sia nella versione Spyder, che in quella V10.

Altra tedesca, è la Mercedes SLS. Conosciuta per esser stata la Safety Car per diversi anni in F1, l’argentino ne possiede una bianca, il cui prezzo è di circa 230.000€.

Non manca nemmeno una “Muscle Car” americana, in questo caso la Dodge Charger SRT8. Comparsa nella saga di Fast&Furious, possiede un motore V8 sovralimentato, da 6.2 litri e 500 CV.

Infine parliamo di una delle prime macchine del 6 volte Pallone d’Oro: la Mini Cooper Cabrio. La compatta con cui girava spesso ai suoi primi anni al Barcellona, erogava 136 CV ed è senz’altro la più economica grazie al suo costo di 25.000€.

Dunque una collezione milionaria quella che possiede il probabile futuro giocatore del Paris-Saint Germain, ma sono sfizi da togliersi visti i circa 900.000€ a settimana che guadagna.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Youssef El Maniary

Scrivo per un blog riguardo il mondo delle automobili. Appassionato di F1 da quando vidi il mio primo GranPremio nel 2012.