Lo stato del GT Italiano dopo il COVID-19: ne parliamo con il campione Giorgio Roda

Qualche tempo fa, F1ingenerale vi aveva portati alla scoperta di pregi e difetti del mondo GT Italiano, con le sue contraddizioni e i suoi punti di forza. Abbiamo avuto l’occasione di tornare sul tema con il neolaureato campione di categoria Giorgio Roda. gt italiano roda

GT Italiano Roda

gt italiano roda

Giorgio, il Campionato GT Italiano rimane fra i più importanti a livello internazionale, ma non vede più i fasti di una volta. Come ha inciso sulla situazione il COVID-19?

Per numero di macchine siamo calati parecchio, non c’è più la griglia piena, con 30 macchine, che avevamo qualche anno fa. Il livello però è aumentato, forse anche a causa del COVID: molti hanno preferito non spostarsi nei campionati europei e competere qui in Italia. Abbiamo avuto anche qualche ospite internazionale di alto livello: Sims, Spengler e Krohn da BMW, ad esempio. Il vantaggio dell’avere meno macchine, però, è vedere una guida più pulita, senza grossi incidenti già dalla prima curva. L’eccezione a questo trend positivo è stata l’ultima gara della stagione, abbastanza movimentata, ma io ero già abbastanza avanti da poter evitare i guai!

Perché il vivaio piloti italiano sta morendo, e cosa può salvarlo

In termini di circuiti, anche la selezione pareva essere più ricca qualche anno fa. Non vediamo più piste minori, ma interessanti, come ad esempio Magione o Adria. Dalla tua prospettiva di pilota, questo è un bene o una perdita?

Devo dire che da pilota sono contento dell’attuale selezione dei circuiti. Francamente, preferisco correre due volte al Mugello piuttosto che in piste ormai gestite meno bene, per quanto siano interessanti come tracciati. L’infrastruttura è molto importante, soprattutto per queste vetture. Le GT moderne hanno bisogno di spazio e lunghezza per esprimersi, i circuiti minori potrebbero essere un po’ limitanti.

La nostra lunga chiacchierata con Giorgio Roda non finisce qui: seguici sul nostro canale Telegram per rimanere aggiornato su queste e altre notizie dal mondo Endurance e GT!

mm

Aurora Dell'Agli

Classe 1997, studentessa di Giurisprudenza, blogger su @theracingchick. Ho un occhio di riguardo per Endurance, competizioni GT, Formula 1 e Formula E.