Luca Corberi chiede scusa sui social: “Non ci sono scusanti, non prenderò mai più parte ad una competizione motoristica”

Dopo gli episodi di ieri, Luca Corberi si scusa sui propri profili social scrivendo una lunga lettera di pentimento.

luca corberi scusa

Dopo il folle gesto di ieri a Lonato durante le finali mondiali di Karting FIA, Luca Corberi chiede scusa attraverso i propri account social con una lunga lettera.

Il 23enne italiano ammette le proprie colpe e si batte il petto: “Vorrei scusarmi con la comunità del motorsport per quello che ho fatto”, esordisce.

“Non ci sono scuse – continua Corberi – per spiegare perché ho commesso un atto così vergognoso. È qualcosa che non ho mai fatto in 15 anni di carriera e spero davvero che non venga visto da nessun altro in futuro”.

“Dopo la gara, una volta convocato dai giudici, ho chiesto loro di togliermi la licenza perché ero pienamente cosciente dei miei irreparabili errori. Come mi hanno dimostrato però, non hanno il potere di farlo, ed è scritto nelle regole internazionali, per cui non adiratevi contro di loro. Stavano facendo il loro lavoro nel miglior modo possibile”.

Successivamente Corberi annuncia: “Per questo motivo ho deciso di non prendere parte a nessun’altra competizione sportiva motoristica per il resto della mia vita”.

Non è una giustizia personale, è semplicemente la cosa giusta da fare”, continua il giovane bresciano.

“La mia famiglia – scrive Luca Corberi – è nel mondo dei kart dal 1985, lo abbiamo visto crescere e abbiamo visto la parte migliore e quella peggiore. Questo episodio sarà ricordato come uno dei peggiori del nostro sport ed è qualcosa che non dimenticherò“.

“Non chiedo indulgenza alcuna, perché non ne merito. Sarò totalmente d’accordo con punizioni richieste”, continua il ragazzo.

“Scrivo oggi per chiedere scusa anche se non basta, perché dopo tutte le brutte cose accadute durante questo evento, la cosa peggiore di sempre l’ho fatta io, un ragazzo che ama questo sport e che dopo il peggior giorno della sua vita continuerà a ricordare i suoi bei momenti sui kart, grazie”.

 

Seguici anche su Instagram

 

F1 | Il Gran Premio di Turchia si disputerà a porte chiuse

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.