Mate Rimac – Genio e visionario! Proprio come il DRAKE e Lamborghini!

Ci sono storie nate per lasciare il segno e quella che stiamo per raccontarvi nasce da un ragazzo croato. La maggior parte dei suoi coetanei è a far festa tra PUB e discoteche. Lui, Mate Rimac, mette su un’ hypercar da 2000 CV.

mate rimac

Immaginate una persona, appassionata d’auto, che crea un marchio e che diventa nel giro di pochi anni leader tra i pochi eletti. I più nostalgici avranno sicuramente pensato a Enzo Ferrari, Ferruccio Lamborghini o Alfieri Maserati. La storia di questi uomini la conoscete già. Oggi vorremmo raccontarvi di Mate Rimac. Mate, è un ragazzo di 33 anni, e mentre la maggior parte dei suoi coetanei è a far festa, lui fonda nel 2009 la “Rimac” arrivando nel 2021 ad acquistare parte delle quote della società Bugatti.

La Storia

Nasce nel 1988 in Bosnia e solo dopo essersi stabilito con la propria famiglia in Germania brevetta il primo guanto digitale “iGlove” in grado di sostituire mouse e tastiera in tempi ben lontani dagli attuali touch screen. Nel 2006 acquista una BMW M3 dell’84 ma il motore lo abbandona troppo presto. Decide così di equipaggiare la vecchia BMW con un motore elettrico da 600 CV, dando vita alla Rimac e-M3. Nonostante la concretizzazione del progetto, Mate Rimac, deve aspettare ancora qualche anno per aggiudicarsi dalla FIA alcuni record di velocità.

mate rimac

Nel 2010 Mate Rimac progetta DA SOLO la prima hypercar elettrica. Con l’aiuto di un designer riescono a presentare alcuni bozzetti ufficiali, riuscendo ad ottenere alcuni fondi da note famiglie reali arabe. La Rimac Concept One debutta nel 2011 al Solone di Ginevra con una potenza stimata di 1088 CV. Dopo diversi anni di ricerca e sviluppo la Rimac conta quasi 1000 dipendenti e si prepara a far debutta ufficialmente la Rimac Nevera  che alza l’asticella della potenza a 1914 CV, limitata a 150 esemplari.

Rimac Nevera

La Rimac Nevera è la punta di diamante di tutte le hypercar. Un mix di tecnica sopraffina che traslata ai motori endotermici solo Ferrari può pareggiare. Vi basterà aprire il sito della Rimac per capire quanta passione c’è nella realizzazione di questa vettura. Una passione che viene tramandata attraverso file cad e simulazione perfettamente scaricabili. Non vi nascondiamo che con i giusti programmi ed occhi sembrava essere lì di fianco a tecnici ed ingegneri. Provare per credere.

mate rimac

La Rimac Nevera monta un pacco batteria da 120 kWh con il sistema di raffreddamento che è inglobato nel telaio. Ed è proprio quest’ ultimo ad essere una vera chicca per gli appassionati. Con un peso di soli 200 kg il telaio della Nevera si assicura la massima rigidità torsionale fra tutte le auto attualmente sul mercato. Complessivamente la Rimac Nevera arriva a pesare  2.150 kg con una distribuzione dei pesi di 48-52.

2000 CV senza ESP

Sembrerebbe da pazzi avere quasi 2000 CV sotto il pedale dell’ acceleratore senza ESP, ma Mate Rimac ha studiato un sistema ad hoc. L’ All-Wheel Torque Vectoring 2 sostituisce il normale controllo della trazione, modulando costantemente la coppia alle ruote, a seconda del grip tra pneumatici ed asfalto. A frenare la vettura ci pensa l’ impianto frenante Brembo con dischi da 390 mm. La vettura sfrutta sempre comunque prima la frenata rigenerativa. Questo non solo per recuperare potenza, ma anche per evitare il surriscaldamento dei freni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tanta potenza  rimane per i non piloti difficile da sfruttare. Così la Rimac ha progettato un software “Driver Coach” che attraverso 2 sensori a ultrasuoni, 13 telecamere, 6 radar e al sistema operativo NVIDIA Pegasus massimizza le prestazioni su circuiti standar attraverso l’ intelligenza artificiale.

mate rimac

Mate Rimac aveva dei sogni, probabilmente in parte ora realizzati. Suona strano paragonare certi personaggi di un’ epoca totalmente differente. Eppure con un sound molto diverso, senza olio, benzina o grasso, Mate Rimac ha in comune almeno una cosa con quegli uomini che tempo fa fondarono quelli che oggi sono i più gradi costruttori d’auto. La passione per le auto e per l’innovazione. Perché se oggi critichiamo Rimac per costruire auto senza sound ed anima, ricordate che Enzo Ferrari fu accusato di costruire auto troppo veloci ed per l’epoca inutili e pericolose. Vogliamo forse dire che ha sbagliato?

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter