Formula 1Interviste

F1 | Verstappen trionfa nella 24h di Daytona virtuale con il Team Redline

Max Verstappen, insieme al suo Team Redline, è riuscito ad aggiudicarsi la vittoria nella 24h di Daytona virtuale in classe GTD su IRacing

Max Verstappen inizia il 2024 nello stesso modo in cui aveva chiuso il 2023, ovvero vincendo. Il tre volte campione del mondo, che sta ormai diventando un vero e proprio portento anche ai giochi di guida al simulatore, è riuscito ad aggiudicarsi la vittoria nella 24h di Daytona virtuale insieme al Team Redline, alternandosi con Gianni Vecchio e Ole Steinbraten. Una grande iniezione di fiducia per l’olandese, chiamato a confermare il titolo in Formula 1 tra poco più di un mese.

Verstappen 24h Daytona
Verstappen vince anche nella 24h di Daytona virtuale © RN365

Verstappen vince anche nella 24h di Daytona virtuale

Il fuoriclasse olandese ha preso parte all’evento con il Team Redline, che lo accompagna ormai da anni nelle sue esperienze nel virtuale. Verstappen e compagni hanno gareggiato a bordo di una Mercedes AMG in classe GTD, la più lenta delle tre, con la lunghissima gara che ha preso il via Sabato pomeriggio. 

Max è entrato in azione in serata, conducendo magistralmente la propria vettura accumulando un netto vantaggio con l’avanzare degli stinti, nonostante il contatto con il compagno di squadra Josh Tompson.

Escluso questo piccolo intoppo, l’equipaggio capitanato da Verstappen ha tagliato agevolmente il traguardo in prima posizione, rifilando più di un giro alla Mercedes #199 Stormforce ART, guidata da Luke McKeown, Alex Dunne, Maxence Godinho e Jimmy Antunes. A completare il podio invece l’áltra vettura del Team Redline.

“Max Verstappen ha guidato non meno di quattro stint durante la notte, durante i quali si è impegnato a fondo”, ha dichiarato Atze Kerkhof in rappresentanza del Team Redline. ”È stata una gara molto buona, addirittura impeccabile”.


Leggi anche: F1 | GP Madrid, già grandi proclami: “Sarà il migliore di tutte le gare in calendario”


Mentre Verstappen festeggiava il trionfo in classe GTD, lo stesso non hanno potuto fare i suoi compagni in GTP, i quali hanno dovuto abbandonare i sogni di gloria a causa di problemi sulla piattaforma.

“A causa di un errore di iRacing, il pit-stop delle hypercar BMW ha richiesto cinque secondi in più rispetto alle altre vetture. Dopo aver implementato il Balance of Performance, per quanto riguarda la capacità di carburante, hanno dimenticato di equiparare i tempi di pit-stop”.

”Si tratta quindi di 31 pit-stop che durano cinque secondi in più, altrimenti avremmo potuto vincere anche lì, ma sono cose che capitano”.

L’evento disputato su IRacing è stato solamente un antipasto di quel che vedremo la prossima settimana, con la reale 24h di Daytona che prenderà luogo sul leggendario ovale in Florida Il 27 e 28 Gennaio, e che vedrà la partecipazione di parecchi piloti illustri.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter