Mercato Piloti F1: l’attuale Line Up 2019 [4 Agosto 2018]

Ultimati i test successivi al GP di Ungheria, la F1 va ufficialmente in vacanza per tre settimane. Test importanti per la stagione in corso, ma utili anche in prospettiva 2019, con lo scopo di avvantaggiarsi dal punto di vista tecnico dato che invece la situazione piloti per il prossimo anno è ancora poco chiara, salvo rare eccezioni. mercato piloti F1

In questa pausa, andiamo quindi ad analizzare squadra per squadra il piano 2019. Come detto i posti già assegnati ufficialmente sono ancora pochi, ma potrebbe esplodere il mercato da un momento all’altro, scatenando una sorta di effetto domino per i sedili non ancora ufficializzati.

Ultimo aggiornamento: 4 Agosto 2018

Williams

Per quanto riguarda lo storico team inglese, c’è innanzitutto da chiarire il futuro della squadra, dato l’abbandono del main sponsor Martini a fine stagione, il probabile addio di Stroll e la disastrosa situazione tecnica. Come detto, Lance Stroll potrebbe lasciare il team per prendere altre direzioni, mentre su Sergej Sirotkin non c’è alcuna notizia.

Il russo, nonostante la pessima monoposto è riuscito alle volte a stare davanti al suo compagno di squadra con un anno di esperienza in più. Sulla sua conferma potrebbe pesare il suo pesante portafoglio e il bisogno necessario della Williams di ricevere denaro. Resta alla finestra, Robert Kubica, terzo pilota del team e già vicinissimo ad un clamoroso ritorno in F1 all’inizio della stagione. Da tenere d’occhio anche un possibile inserimento di George Russell: se la collaborazione tra la Williams e la Mercedes si farà più forte, il pilota inglese attualmente in testa nella Formula 2 e già terzo pilota Mercedes.

Alfa Romeo Sauber

Dati i grandi progressi del team svizzero, i sedili iniziano ad essere molto ambiti da parte di diversi piloti. Non sembra però esserci molto spazio, data la quasi certa riconferma di Marcus Ericsson, con i suoi importanti sponsor (Tetrapack), che hanno salvato dal fallimento la scuderia svizzera. Potrebbe partire invece Charles Leclerc, per ambire a qualcosa di importante per la sua ancor breve carriera. Il suo posto potrebbe essere preso da Antonio Giovinazzi, terzo pilota del team e soprattutto anche terzo pilota della Ferrari, che ha la facoltà di poter scegliere un sedile all’interno del team. Potrebbe essere l’occasione ideale per ritrovare finalmente un pilota italiano in F1, dopo le due gare disputate da Giovinazzi stesso ad inizio 2017. Altri rumors parlavano di un ritorno alle origini per Kimi Raikkonen, lì dove aveva esordito nell’ormai lontano 2001. Sembra comunque difficile questa opzione, ma mai dire mai in F1.

Toro Rosso

Foto: Toro Rosso

Come spesso accade, il junior team della Red Bull è un cantiere aperto. Dovrebbe essere confermato Pierre Gasly, ma il dubbio non è sulle sue prestazioni che invece si stanno rivelando essere positive, ma il dubbio viene sua una sua eventuale partenza verso la casa madre Red Bull, dove non è ancora chiaro il piano per il 2019.

Sembra invece essere fuori dal team Brendon Hartley, con alcuni rumors che lo davano già fuori dal team nel corso di questa stagione per poter far posto a Lando Norris, “prestato” dalla McLaren. Suoi possibili sostituti potrebbero essere Dan Ticktum, attualmente impiegato in F3 e facente parte del vivaio Red Bull, così come si era parlato di un pilota giapponese sostenuto dal motorista Honda, con i nomi di Nirei Fukuzumi e Tadasuke Makino, entrambi impegnati in F2. Sembra però difficile questa strada, date le scarse prestazioni di entrambi e il non raggiungimento dei requisiti per ottenere la superlicenza in F1. Da tenere d’occhio Sean Gelael, che ha guidato la Toro Rosso in diverse occasioni, recentemente proprio nei test successivi al GP d’Ungheria.

McLaren

Situazione parecchio complessa invece per il team di Woking. Dopo l’ennesima annata deludente, potrebbe esserci una rivoluzione, che in parte è già iniziata a livello organizzativo del team, con l’addio di Eric Boullier. Anche i due piloti potrebbero cambiare, con Fernando Alonso indeciso se continuare per un altro anno o prendere la strada che porta alla Indycar per raggiungere l’obiettivo della Triple Crown.

Stoffel Vandoorne non ha convito il team, anche se sembra che i suoi problemi prestazionali possano essere dipesi da un problema sulla sua McLaren, sta quindi a lui guadagnarsi la riconferma per;il 2019 nella restante parte di stagione. I nomi che sono circolati in ambito McLaren sono diversi, a partire dall’improbabile Ricciardo per passare poi ad una promozione di Lando Norris, che potrebbe essere più plausibile, passando per;un ingaggio di Carlos Sainz, che vedrebbe il team inglese tutelarsi in caso di partenza dell’altro spagnolo, prendendo un pilota di sicuro affidamento ma;allo stesso tempo ancora molto giovane.

Force India

Foto Force India

La presenza del team anglo-indiano nel 2019 è ancora tutta da verificare, date le ormai note situazioni finanziare della squadra. Nel caso di acquisto da parte di Lawrence Stroll, uno dei sedili sarà sicuramente occupato da suo figlio Lance, in partenza dalla Williams.

Ocon sembra destinato ad abbandonare il team verso altre direzioni, invece Perez potrebbe anche restare, nonostante i problemi avuti con l’attuale proprietà.  Tra gli acquirenti della squadra, si era fatto anche il nome del padre di Nikita Mazepin, pilota russo impegnato in GP3 che ha già guidato la monoposto della Force India in diverse occasioni, quindi potrebbe essere uno dei papabili in caso di acquisto del team. Situazione molto ingarbugliata, fare ipotesi al momento sulla line-up del 2019 è molto difficile al momento.

Haas

Romain Grosjean GP Azerbaijan 2018 – Foto: Haas F1 Team

Ottima stagione finora per il team statunitense, con diversi risultati molto positivi. Kevin Magnussen è certamente una delle sorprese della stagione grandi risultati alternati ad aggressività in pista (a;volte anche al limite), guadagnando così probabilmente il rinnovo per la prossima stagione, che comunque non;è ancora ufficiale.

Diversa la situazione per Romain Grosjean, preso nel 2016 come pilota di punta per la Haas, ma deludente in questa stagione con diversi incidenti assolutamente evitabili e risultati non eccezionali, anche;se nelle ultime gare sembra essersi ripreso e vuole sicuramente il rinnovo per un altra stagione. Alcuni nomi sono circolati per sostituire Grosjean, a partire da;una promozione di Charles Leclerc da parte della Ferrari, oppure è circolato anche il;nome di Sergio Perez, il cui futuro in Force India è in dubbio.


Renault

Foto: Renault Sport

Con la firma di un biennale con Daniel Ricciardo, la Renault ha definito la line up per il campionato 2019. Anche se Nico Hulkenberg non è stato ancora confermato ufficialmente per la prossima stagione, sui social il pilota tedesco ha confermato che sarà lui a dividere il box con il pilota australiano. Sfuma quindi l’ipotesi Ocon, che in molti davano vicinissimo ormai all’accordo con la casa francese, per lui sarebbe stato un ritorno nel team dopo essere stato terzo pilota nel 2016, prima di approdare in Manor nel corso della stagione.

Red Bull

foto: redbull

Max Verstappen è stato già confermato da tempo per la prossima stagione, nonostante stesse attraversando un periodo di scarsi risultati e diversi errori in pista. Invece per quanto riguarda Daniel Ricciardo, il rinnovo è sfumato nei primi mesi di agosto. Il pilota australiano ha infatti annunciato che nel 2019 correrà con Renault, lasciando la scuderia che l’ha fatto esordire in Formula 1 nel 2011

La Red Bull ha dichiarato di non avere fretta nell’ingaggiare il nuovo compagno di Max Verstappen. Le ipotesi più attendibili sono Carlos Sainz, su cui ha ancora un opzione, oppure Pierre Gasly che sta ben figurando in Toro Rosso. Alcuni rumors parlano di un veto imposto da Verstappen sull’arrivo di Sainz, ma tale voce sembra davvero poco attendibile.

Ferrari

Sebastian Vettel in pista al Paul Ricard – Foto Ferrari

Sebastian Vettel è già confermato sia per il 2019 che per il 2020, essendo così un punto di riferimento importante per il team di Maranello. L’altro sedile invece è ancora una volta in dubbio, così come è successo nelle recenti stagioni, con un Kimi Raikkonen che;si sta guadagnando con le prestazioni in pista il rinnovo contrattuale, dopo un inizio di stagione tutt’altro che esaltante.

Proprio le prestazioni negative del finlandese, avevano fatto crescere voci importanti di una sua sostituzione con Daniel Ricciardo, voci che però sono scemate definitivamente. Invece la pista Charles Leclerc è ancora apertissima, anche se le quotazioni di un rinnovo di Kimi Raikkonen per il 2019 si stanno alzando vertiginosamente. Potrebbe arrivare l’annuncio per l’uno o per l’altro, in concomitanza del gran premio di Monza, nei primi di Settembre. Va segnalata comunque che ancora una volta è uscito fuori il fantomatico rumors di un ritorno di Fernando Alonso in rosso, ormai tradizione nel periodo estivo.

Mercedes

© Mercedes AMG F1

Il team campione del mondo ha invece scelto la strada della continuità, confermando recentemente entrambi i piloti per la prossima stagione, al momento è l’unica squadra ad avere certezze sui piloti del prossimo anno. La conferma di Lewis Hamilton era abbastanza scontata nonostante i tempi del rinnovo si siano allungati parecchio. Era invece da chiarire la presenza o meno di Valtteri Bottas, che si è comunque meritato la permanenza nel team con le ottime prestazioni in pista, rivelatosi essere un ottimo uomo squadra per il team di Stoccarda.

F1 | Test F1 Ungheria – Magnussen: “Giusto non partecipare ai test”

 

 

 

 

Mercato Piloti F1: l’attuale Line Up 2019 [4 Agosto 2018]
Lascia un voto
mm

Stefano Perinetti

Appassionato di F1, tifoso Ferrari. Seguo anche categorie minori e un pò tutto il motorsport in generale