Mick Schumacher re del Nürburgring: la tripletta tedesca lo porta in lotta per il campionato F3

Il pilota tedesco domina il weekend, aggiudicandosi tutte e tre le gare dell’ottavo appuntamento del FIA F3 European Championship. Mick Schumacher

Mick Schumacher
Foto: fiaf3europe.com

All’inizio del fine settimana nella foresta di Eifel, la classifica generale vede al comando il pilota britannico Dan Ticktum del team Motorpark , seguito da Jüri Vips (Motorpark), Marcus Armstrong (PREMA Theodore Racing) e Mick Schumacher (PREMA Theodore Racing).

Il figlio diciannovenne del grande Michael mostra agli avversari la sua competitività già dalle prove libere combinate del Sabato, percorrendo i 3.629 kilometri del circuito sprint del Nürburgring in 1:20.179 min, miglior tempo assoluto della sessione.

Le qualifiche 1 vedono invece in pole position il pilota rookie della Ferrari Driver Academy Robert Shvartzman, che precede Schumacher di poco più di quattro centesimi di secondo.

La prima gara all’Eifel è però nuovamente dominata dal pilota tedesco che, subito dopo il via, guadagna la posizione su Shvartzman e rimane in testa per tutta la gara. La vittoria gli permette di portarsi in seconda posizione nella classifica piloti.

Schumacher si rende poi autore di due pole position nelle qualifiche 2 e 3, che gli assicurano altrettante vittorie nella ventitreesima e nella ventiquattresima gara del campionato. In entrambe, Schumacher non abbandona mai la prima posizione, mostrando stoffa e risolutezza.

La tappa della F3 all’Inferno Verde del Motor Sport si chiude così con Ticktum ancora in testa alla classifica piloti,;staccato però di sole tre lunghezze dall’ormai più diretto contendente al titolo Mick Schumacher,;autore della fantastica rimonta che lo ha visto passare dal quarto posto in classifica al secondo in un solo fine settimana.

Per il giovane Mick si aprono dunque le porte della lotta al titolo F3. Il figlio del sette volte campione del mondo di F1 è al suo secondo anno nella categoria che dal;2019 confluirà insieme alla GP3 nel FIA Formula 3 Championship. Dopo una stagione 2017 piuttosto anonima, che lo vede salire sul gradino più basso del podio una sola volta, e una non esaltante prima metà di stagione 2018, il pilota classe 1999 ha iniziato ad emergere proprio nella pista che ha “battezzato” suo padre, l’iconica Spa Francorchamps, dove si è reso autore della sua prima vittoria di categoria.

Foto: fiaf3europe.com

Mick è poi salito sul gradino più alto del podio per altre due volte, rispettivamente a Silverstone e;a Misano, recuperando posizioni in classifica piloti e facendo sentire la sua voce (e quella della sua Prema) agli avversari. Tutto ciò prima della fantastica tripletta al Nürburgring. A seguito della stessa, il giovane pilota, che ha iniziato la sua carriera nei kart nel;2008 sotto lo pseudonimo “Mick Betsch” (cognome da nubile di sua madre, ndr);per evitare il clamore che il suo vero cognome avrebbe comportato,;ha voluto esternare la sua gioia e spendere parole di ringraziamento per il team:;Sono davvero felice della mia vittoria, ottenuta con una grande macchina. La mia squadra ha fatto un grandissimo lavoro”.

I motori delle monoposto della terza categoria FIA si riaccenderanno all’ombra del toro Red Bull di Spielberg il prossimo 22 Settembre per il penultimo appuntamento del campionato F3 2018. Vedremo se il giovane Schumacher, dopo essere diventato il re del castello del Nürburg, riuscirà nell’impresa di espugnare anche l’austriaca Stiria (regione di Spielberg, ndr).


Euro F3 | Mick Schumacher trionfa per la prima volta a SPA, proprio come il papà