Mini 2021, ecco l’icona britannica dopo il suo restyling

Aggiornamento? si, ma non rivoluzione. Mini nel 2021 presenta i restyling della 3 porte, della 5 porte e della Cabrio. Look moderno e tecnologie più avanzate, senza stravolgere le sue forme iconiche.

Forme uniche, morbide e giovanili, per strada, queste auto di certo non passano inosservate. Un’estetica moderna e tecnologie al passo con i tempi, queste le parole d’ordine del restyling di Mini nel 2021, se pur mantenendo la sua inconfondibile essenza.

ESTERNI

Nella parte anteriore colpisce subito la mascherina ottagonale, integrata in una cornice più ampia, che ingloba anche la presa d’aria inferiore. L’elemento sotto la griglia della mascherina diventa dello stesso colore della carrozzeria. Assenti i fari fendinebbia, sostituiti da prese d’aria verticali ai lati del paraurti che migliorano l’aerodinamica. La funzione dei fendinebbia è però svolta dai fari full led, caratterizzati da una particolare cromatura nera al loro interno. Gli indicatori di direzione laterale integrati nel fregio laterale, sono anch’essi a Led.

Nelle fiancate i passaruota, di colore nero, sono meno accentuati. Più sportivo il posteriore. La Union Jack tipica dei fari posteriori diventa di serie per tutti i modelli. E’ presente una cornice di plastica nera nel paraurti. Al centro della parte bassa del paraurti troviamo una piccola luce a led che ha la funzione di fendinebbia. La versione S ha il doppio scarico al centro.

La novità che incuriosisce di più è il nuovo Multitone Roof (tetto multitono opzionale). Presenta delle sfumature che vanno dal Blu San Marino al Pearly Aqua fino al Jet Black nel lunotto . Una tecnica di verniciatura sviluppata nello stabilimento di Oxford che, creando delle differenze  particolari di colore, rende il tetto di ogni vettura unico. (vedi foto)

INTERNI

Il volante sportivo in pelle , dotato di tasti multifunzione sulle due razze laterali, è di serie. Le versioni John Cooper Works Trim, Mini Yours Trim e Mini Electric Trim hanno una volante più sportivo con pelle nappa e poggia pollici più grandi. Optional il un nuovo cruscotto digitale da 5”(di serie solo nella Mini Cooper SE), posizionato dietro il volante.

Il display, a forma circolare, ospita un touchscreen a colori da 8,8 pollici grazie al quale si accede al sistema di infotainment nettamente migliorato rispetto alle precedenti versioni. Le luci ambientali sono disponibili in sei colori, nell’anello centrale, sulle aperture delle portiere, nei pannelli porta, nel vano piedi e nella parte anteriore della consolle centrale.  Nuovi tessuti e disegni anche per i sedili.

MOTORIZZAZIONI

Resta invariato il catalogo dei propulsori: a 3 cilindri da 1,5 litri con 75 CV, 102 CV e 136 CV(nella Cooper); a 4 cilindri da 2 litri con 178 CV( nella Cooper S) o 231 CV (nella John Cooper Works). Previsto per tutte un cambio manuale a sei marce. A richiesta lo Steptronic a sette rapporti o otto per John Cooper Works.

Possibile anche configurare la versione elettrica: la Mini Cooper SE. E’ dotata di un motore elettrico da 184 CV, e una batteria da 32,6 kWh , con un’autonomia di 203 km.

Leggi anche: https://f1ingenerale.com/kia-ev6-lauto-che-guarda-al-futuro-con-ambizione/

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter