Mini 2023, un piccolo assaggio della nuova tre porte britannica

Dopo le immagini della Countryman si fa vedere la nuova Mini 3 porte, è attesa per il 2023: tecnologia, motorizzazioni ibride e molto altro

Mini tre porte

La nuova generazione di Mini è attesa per il 2023, dopo le prime prove su strada per la Countryman, iniziano i test anche per la tre porte. Come ogni muletto, la vettura è interamente camuffata e si scorgono pochissimi dettagli. Le dimensioni dovrebbero restare invariate rispetto al modello attualmente in commercio.

In linea con la “lotta alle emissioni” sarà proposta anche con motorizzazioni ibride e totalmente elettriche. Sono attese delle grosse novità all’interno dell’abitacolo, che sarà completamente rivoluzionato, più tecnologico e personalizzabile.

Il modello di punta della casa britannica, sarà in prima linea nella transizione verso la mobilità completamente elettrica, che ha come data limite il 2030. La nuova Mini sarà costruita sempre nello stabilimento di Oxford. Quest’ultimo  ospiterà anche la produzione della variante Convertible, attualmente costruita da VDL Nedcar nei Paesi Bassi.

Mini aggiornerà la versione 3 porte, Cooper S, John Cooper Works, e successivamente anche la Cabriolet. Tutte nasceranno sulla piattaforma FAAR, come anche farà Countryman.

Leggi anche: Mini Countryman, si lavora alla nuova generazione: ecco le prime foto spia

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma le novità più importanti riguardano la gamma di modelli che si aggiungeranno all’attuale. Accanto alla Mini tre porte si affiancheranno due nuovi modelli sviluppati in Cina. Saranno disponibili oltre che con i motori a combustione, anche in versione elettrica. Uno di questi dovrebbe essere una vettura più piccola della Mini; l’altra sarà un crossover di ridotte dimensioni che si andrebbe a posizionare al di sotto della Contryman (Che sembrerebbe aver aumentato le sue dimensioni). Questi due nuovi modelli saranno entrambi prodotti dalla Great Wall, una società cinese che ha stipulato una joint venture con  Mini.

Bugatti Rimac: una joint venture per un futuro di hypercar elettriche?

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Raffaella Pappa

Studentessa di Giurisprudenza presso LUISS Guido Carli, amante dei motori e responsabile della redazione Automotive di F1ingenerale