Moto2 | GP Teruel – Sintesi Gara: Lowes vince e si laurea dominatore del weekend

Sam Lowes, dopo aver conquistato la Pole, si prende la vittoria finale, il giro veloce e la vetta della classifica mondiale in questo GP di Teruel Moto2. Bastianini chiude terzo, mentre è una gara da dimenticare per Marini che termina solo in undicesima posizione.

GP Teruel Moto2
Foto: profilo Twitter @TeamEG00MarcVDS

Il GP di Teruel Moto2 ha visto partire Sam Lowes davanti a tutti. Il pilota inglese ha preceduto nei tempi Jorge Navarro e Remy Gardner. L’inglese, cha sabato ha girato in 1.51.296, si candidato così alla vittoria della gara che, nel caso, lo avrebbe innalzato al vertice della classifica iridata.

La seconda fila del GP di Teruel Moto2 è stata  composta da Di Giannantonio, Ramirez e Bastianini. Insieme a Bastianini, gli altri contendenti al titolo iridato scattano undicesimo (Marini) e quattordicesimo (Bezzecchi). Proprio Bezzecchi è stato protagonista, con Martìn, di un brutto screzio al termine delle qualifiche. Martìn, da tempo fuori dalla lotta per il mondiale, è partito dalla dodicesima casella.

Il cielo oggi era sereno con qualche nuvola che ha fatto capolino sulla pista aragonese, le temperature si sono aggirate intorno ai 20°c per l’aria, e intorno ai 15°c per l’asfalto.

Sintesi GP Teruel Moto2


Alla partenza scatta malissimo Navarro che impenna e perde diverse posizioni. Parte bene, invece, Di Giannantonio che sorpassa Gardner, che subito dopo, perde la posizione su Dixon.

Gli italiani, oltre a Di Giannantonio, sono partiti molto bene. Bastianini si è messo subito in quinta posizione, mentre Marini si attesta in ottava posizione. Dopo essersi impennato al via, Navarro scivola subito nell’oblio della metà classifica.

Lowes, che ha mantenuto la prima posizione al via, mette nei primi tre giri un secondo e tre su Di Giannantonio.

Nel terzo giro Bastianini e Gardner rompono gli indugi ed entrambi sorpassano in due curve Dixon e si mettono all’inseguimento di Di Giannantonio che, nei primi giri, è di otto decimi più lento rispetto a Lowes.

Alla curva uno del quarto giro scivola Bezzecchi. Per il pilota del Team Sky è il secondo zero consecutivo che, di fatto, vede terminare le sue ultime speranze iridate.

Al quinto giro Lowes gode di due secondi e uno su Di Giannantonio che, a sua volta, ha 9 decimi di vantaggio su Gardner e Bastianini.

Nello stesso giro Bastianini attacca e supera sul contro rettilineo Gardner che, dopo un buon via, ha iniziato a girare più lento di Di Giannantonio e stava permettendo a Dixon di rimontare.

Nei primi sei giri Marini non trova il ritmo gara e scivola in una deludente dodicesima posizione, ed è insidiato da Roberts e Vierge.

Tuttavia, anche Bastianini non sembra avere il ritmo per andare a prendere Il pilota Speed Up che, al nono giro, gode di un secondo e otto di vantaggio. Invece, Lowes è ormai tranquillo e amministra il vantaggio di tre secondi e mezzo sull’italiano.

In una gara con poche scintille, una delle poche luci che si accendono sono quelle su Martìn. Lo spagnolo nel decimo giro si prende la quinta posizione ai danni di Dixon.

All’undicesimo giro termina la gara di Garzo che, mentre era in ottava posizione, scivola alla curva otto e si ritira.

Al tredicesimo giro di ventuno, Lowes rimane in vetta con quattro secondi e quattro di vantaggio su Di Giannantonio che continua a vantare due secondi e mezzo su Bastianini. Navarro, dopo aver perso tante posizioni a inizio gara, risale fino alla sesta posizione, scavalcando anche Martìn. Invece, Marini si è stabilizzato in quattrdicesima posizione.

Leggi anche:

Moto3 | GP Teruel – Masia vince anche la seconda gara ad Aragon. Quarto Arenas, quinto Vietti.

Al quindicesimo giro Navarro conferma di aver ritrovato il ritmo e sorpassa anche Fernandeze e si avvicina a Gardner.

A partire dal decimo giro Bastianini si è tarato su tempi in fotocopia rispetto a quelli di Di Giannantonio, rischiando di far spegnere le speranze di andare a prendere il connazionale di Speed Up.

Al sedicesimo giro cade Baldassarri alla curva cinque e si ritira. Peccato per il pilota del team Pons che occupava la nona posizione.

Sam Lowes, dopo ventuno giri in testa e sette secondi e sette di vantaggio su Di Giannantonio, vince il GP di Teruel Moto2 e domina il weekend dopo aver preso la Pole, il giro veloce e la vittoria finale.

Chiude in terza posizione Bastianini che limita i danni di Lowes e allunga su Marini che, grazie a un colpo di coda, chiude la gara in undicesima posizione.

A completare la top ten ci sono Gardner, Navarro, Martìn, Dixon, Fernandez, Ramirez e Joe Roberts.

Gli altri italiani terminano quindicesimo (Corsi), diciassettesimo (Bulega) e diciannovesimo (Dalla Porta). Cade nelle ultime curve Manzi che navigava nelle ultime posizioni a punti.

La classifica generale vede un cambio al vertice: Lowes corona lo strepitoso weekend prendendosi la vetta della classifica con 7 punti di vantaggio su Bastianini. Marini, grazie alle posizioni conquistate negli ultimi giri, limita i danni e si stabilisce terzo con 23 punti dall’inglese. Come già detto, esce dai giochi Bezzecchi che ora accusa 48 punti di ritardo.

Il Motomondiale e la Moto2 torneranno in pista  tra due settimane per la prima delle due prove di Valencia.

Seguici su Telegram

MotoGP | GP Teruel – le parole di Morbidelli: “Oggi è stato come fare un bellissimo viaggio”

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico