Moto2MotoGP

Moto2 | Tolti i veli alle due Kalex del team Gresini impegnate nel Mondiale 2022

Il team Gresini ha presentato le moto con telaio Kalex e motore Triumph che prenderanno parte al Mondiale Moto2 nel 2022. I piloti saranno i rookie Zaccone e Salac.

Il team Gresini, dopo aver presentato la Ducati con cui correrà in MotoGP insieme a Bastianini e Di Giannantonio, ha presentato moto, livrea e piloti che prenderanno parte al Mondiale 2022. La moto, ancora una volta una Kalex con motore, unico per tutta la categoria, Triumph tricilindrico da 765 cm3.

La livrea, come già visto per il progetto MotoGP, assume un colore azzurro pastello chiaro con inserti bianchi. Il colore bianco serve soprattutto per alloggiamento degli sponsor, tra cui primeggiano Modula e ACCR.

I piloti impegnati nel 2022 con Gresini in Moto2, saranno al debutto nella categoria. Si tratta di Alessandro Zaccone e Filip Salac. L’italiano è stato già presente nel Motomondiale negli ultimi due anni dove, con Gresini e Pramac, ha preso parte al Mondiale MotoE. Zaccone, nella categoria full electric, ha raccolto tre podi, una vittoria e, nello scorso campionato, ha chiuso in un’incoraggiante quinta posizione. Salac, invece, proviene dalla Moto3 in cui militava sin dal 2018. I quattro anni in Moto3 sono stati divisi tra Prustel e Snipers con cui, tra l’altro, ha diviso l’ultima stagione. Infatti, come molti ricorderanno, il pilota ceco ha lasciato il team Snipers dopo la morte di Dupasquier per prendere il posto di quest’ultimo sulla KTM Prustel. Dopo la metà stagione corsa nel ritrovato team che lo ha lanciato nel 2018, il pilota di Mlada Boleslav si affaccia alla classe di mezzo.

Per Salac i risultati in Moto3 sono stati prevalentemente incostanti; il pilota ha raccolto un solo podio (secondo Le Mans nel 2021), e ha concluso la sua migliore stagione (l’ultima) in sedicesima posizione con soli 71 punti raccolti. Il futuro ci svelerà se lo staff di Gresini Racing ci ha visto a lungo come spesso fece Fausto nella sua carriera da Menager, o se la scelta di puntare su un pilota che poco ha dimostrato finora è stata fin troppo audace.

Le parole dei piloti:

Filip Salac: “Per me sarà tutto nuovo dopo un anno difficile in Moto3, per quella moto ero troppo alto. Questo inverno mi sono allenato con una moto più simile alla Moto2 e posso dire che mi sento molto più a mio agio. Sarà una nuova avventura per me e dovrò fare molta esperienza, farò il possibile per imparare velocemente e darò sempre il massimo. Mi manca davvero tanto l’azione in pista, ma dovrò resistere ancora un po’ per i test di febbraio, non vedo l’ora di lavorare di nuovo con la squadra, mei primi test mi ero divertito molto con loro! In attesa mi sto concentrando sull’allenamento in palestra, ho bisogno di rafforzare la muscolatura e adattarla alla Moto2 che ha una struttura diversa.”

Alessandro Zaccone: “Sarà il mio primo anno nel mondiale Moto2 quindi la cosa più importante sarà cercare di capire nel minor tempo possibile le piste nuove: le prime quattro saranno un po’ difficili ma non vedo l’ora di girarci! La pausa invernale è sempre stata una lunga sofferenza, ma quest’anno davvero sembra non finire mai, forse perché è stato difficile trovare una Moto2, è come un sogno che sta per diventare realtà, dobbiamo solo aspettare i test. Nel frattempo mi sto allenando in palestra, con la moto da cross e con il motard, cercando di tornare al 100% dopo l’infortunio dell’anno scorso.”

Seguici su Telegram

MotoGP | Presentate le livree Red Bull & Tech3 KTM Factory Racing Team