Moto3 | GP Portogallo: Tris di KTM sul podio, con Garcia che vince davantia Masia e Sasaki

Sergio Garcia, dopo una gara estremamente combattuta e sfiancante, trionfa nel GP del Portogallo classe Moto3. Lo spagnolo precede il connazionale Masia e il giapponese Sasaki. Podio tutto KTM, seppur con marchi diversi, che vede esclusi Sasaki e Oncu, protagonisti nel gruppo dei primi. Migno e Foggia oltre la top 5.

GP Portogallo Moto3
Credit: Twitter

La Moto3 arriva al termine del GP del Portogallo con una gara che, come sempre, è stata estremamente appassionante. La classifica generale, prima della gara odierna, recitava così: Foggia primo a 74 punti, seguito da Garcia a quota 58. Migno, in terza posizione, era fermo a quota 41.

Anche in questa tappa lusitana la line up vede delle variazioni rispetto alla normalità: insieme a Riu Male, chiamato a fare da supplente all’ancora non sedicenne Munoz, troviamo Syarifuddin che sostituisce l’infortunato Surra in Snipers e Salvador che sostituisce ancora McPhee in Sterilgarda Max Racing.

Le FP1, che hanno inaugurato il weekend, hanno visto Holgato cogliere la migliore prestazione sotto una pioggia abbastanza battente, stando davanti a Fellon, Migno e Guevara. Foggia, che fatica spesso sul bagnato, si è dovuto accontentare  della diciassettesima posizione. La seconda sessione, corsa ancora in condizioni di bagnato, ha visto i tempi abbassarsi di due soli decimi. A strappare la migliore prestazione è stato Aji, seguito da Moreira, Rossi e Tatay. Garcia ha colto l’ottavo tempo, Foggia il ventesimo e Migno il ventiquattresimo.

Le FP3, corse il sabato mattina, hanno visto peggiorare i tempi sul giro e sono state inutili ai fini della qualificazione al Q2. Il miglior tempo è andato a Garcia, seguito da Guevara e Sasaki

Le Qualifiche, ancora sul bagnato, hanno visto Oncu, un sorprendente Foggia viste le condizioni, Nepa e Whatley. Artigas è stato l’escluso eccellente. Il Q2 ha consegnato la Pole Position a  Oncu, affiancato da Aji e Fellon che completano una prima fila inedita. Tatay, Suzuki e Garcia hanno conquistato la seconda fila, Ogden, Guevara e Sasaki oggi sono partiti dalla terza fila mentre Sasaki, Migno e Foggia hanno segnato un tempo valevole solo per la quarta fila.

Sintesi GP Portogallo Moto3


La gara si è corsa in condizioni di asciutto, con temperature di 17°C per l’atmosfera, e di  23°C per il tracciato.

La partenza vede Oncu partire a missile, con Aji che sale secondo dopo una super staccata alla uno. Tuttavia, Garcia si infila subito su Aji e torna secondo. Garcia e Oncu fanno subito uno strappo e cercano di allontanarsi dalla scia del gruppone capitanato dall’indonesiano di Honda. Migno è risalito fino all’undicesima posizione, mentre Foggia ha faticato e si trovava diciassettesimo dopo il via.

Giro 2 – Il vantaggio dei primi due è di oltre un secondo. Nel gruppone, sono Guevara e Tatay a comandare l’inseguimento ai due di testa. Garcia sorpassa poi Oncu e mette sei decimi sul turco che viene raggiunto d Guevara.

Giro 3 – Giro veloce per Garcia in 1.48.929. Guevara, dopo aver sorpassato Oncu sul rettilineo, si fa riprendere alla uno e resiste agli assalti della GasGas dello spagnolo. Nelle retrovia, se Foggia rimane diciassettesimo, Migno crolla in quattordicesima.

Giro 4 – Sul traguardo Garcia gode di un secondo e tre su un Oncu che fa da tappo su Guevara. Sasaki, invece, gira in 1.48.558 e segna il miglior tempo stando in quinta posizione, dietro anche a Tatay. Il giapponese infila il pilota prustel e si mette quarto.

Giro 5  – Sul traguardo la classifica era la seguente: Garcia, Oncu, Guevara, Sasaki, Tatay, Fellon, Ogden, Masia, Moreira, Rossi, Aji, Migno, Kelso, Suzuki, Holgado e Foggia. Sul traguardo la situazione si rivoluziona tra gli inseguitori: Guevata e Sasaki infila un Oncu che non aveva chiaramente il ritmo per ricucire sullo spagnolo al comando.

Giro 6 – Nonostante la nuova trazione nel gruppone, Garcia mantiene il vantaggio intorno al secondo e mezzo. Successivamente, Tatay perde la quinta posizione ai danni di un Masia in risalita. Inoltre, Guevara e Sasaki mettono quattro decimisu Oncu.

Giro 7 – Masia segna il giro veloce e cerca di raggiungere Oncu. Garcia, inseguito dal duo Guevara-Sasaki, vede il suo vantaggio scendere a un secondo.

Giro 8 – Scende soto il secondo il vantaggio di Garcia. Mentre Oncu si mantiene a sei decimi dalla coppia all’inseguimento di Garcia. Tutto questo prima che Masia rompesse gli indugi sul turco e non si mettesse all’inseguimento del duo nippo-spagnolo. Dietro a Oncu, si crea un lungo vuoto di due secondi e mezzo dove poi si trovava Moreira e Rossi. Ortola, che navigava nelle retrovie, cade alla otto.

Giro 9 – Sul rettilineo Sasaki si fa vedere negli scarichi di un Guevara che mantiene un ritardo di otto decimi sul compagno di squadra. Inoltre, Masia e Oncu si riportano sul duo di inseguitori originali. Migno, nel mentre, risale in nona posizione, mentre Foggia supera il compagno di team e Aji per cogliere la tredicesima posizione.

Giro 10 – Guevara raggiunge Garcia e, alla uno, non ci pensa due volte e infila il compagno di team. In questo modo si crea un gruppo di cinque piloti al comando della gara. Dietro alle due GasGas si trovavano Sasaki, Masia e Oncu. Dietro di oltre quattro secondi si trovava il gruppone comandato da Tatay e Migno.

Giro 11 – Guevara prova a mettere qualche decimo e riesce a difendersi dagli attacchi degli altri sul rettilineo. Alla uno Masia infila Garcia e si mette secondo, mentre Sasaki si accontenta ancora della quinta posizione. Nel mentre, Whatley si becca un Long Lap Penalty per essere andato più volte sul verde.

Giro 12 – Alla uno Sasaki approfitta di un contatto tra Masia e Garcia e Guevara e si mette a comandare. Lo spagnolo di KTM, sale in seconda posizione e relega le moto Aspar al limite del podio. Sasaki mette subito dei preziosi decimi sugli altri e prova a replicare quello visto in Qatar.

Giro 13 – Le scie portano Garcia nuovamente in vetta, davanti a Masia, Guevara e Sasaki. Oncu, forse facendo strategia, rimane in quinta posizione. Il ritmo degli inseguitori, invece, si attestava sui cinque secondi di ritardo. Migno perde una posizione a favore di Moreira, mentre Foggia si attestava in undicesima posizione.

Giro 14 – Nuovo passaggio sul traguardo e nuovo rivoluzionamento delle prime quattro posizioni: Masia passa primo, con le due Aspar as inseguirlo e Sasaki virtualmente fuori dal podio. Continuano, nelle estreme retrovie, i Long Lap Penalty. Questa volta viene comminato ad Alonso. Sasaki, alla nove, infila Guevara e si mette nel centro della scia sul rettilineo.

Giro 15 – Masia esce male dall’ultima curva e viene subito affiancato da Garcia che, però, viene sverniciato dalla Husqvarna di Sasaki che sale al comando della gara.

Giro 16 – Tutta o quasi l’attività si concentra sul rettilineo e alla curva uno. Gevara e Garcia salgono nuovamente in cattedra, relegando Sasaki e Masia in terza e quarta posizione. Oncu, invece, continua ad osservare la bagarre dei quattro piloti che lo precedono.

Giro 17 – A cinque giri dal termine si accende Oncu che, alla uno, si mette al comando davanti a Garcia, Sasaki, Masia e Guevara. Nelle retrovie, Foggia supera anche Holgado e Ogden per salire in decima posizione.

Giro 18 – Oncu arriva sul traguardo con Oncu davanti a tutti, ma non immune alla scia degli altri. Garcia sale per l’ennesima volta in prima posizione. Sasaki, secondo, prova a impensierire lo spagnolo nel corso del giro. Alla cinque, invece, scivola Holgado in staccata. Lo spagnolo ha immediatamente ripreso la moto e la gara. Tuttavia, il pilota è stato costretto al ritiro per dei problemi tecnici.

Giro 19 – Garcia e Sasaki mantengono la leadership alla uno, con Oncu in terza posizione, Masia in quarta e Guevara in quinta. Nel gruppo degli inseguitori, che è sceso a tre secondi e sette dai primi cinque, fioccano i Track Limits Warning, comminati a Rossi (ottavo) e a Fellon, Aji e Toba, posizionati dalla quattordicesima e sedicesima posizione.

Giro 20 – Migno infila nuovamente Moreira e si mette all’inseguimento di Tatay, mentre Foggia prova a insidiare Rossi per prendere la nona posizione. Ancora più nelle retrovie, Salvador riceve un Long Lap Penalty. Mentre Migno e Tatay vanno in solitaria, davanti Sasaki supera Garcia e mette qualche decimo.

Ultimo giro – Garcia svernicia Ssaki sul rettilineo. Il giapponese perde anche la seconda posizione alla uno ai danni di Masia. Fuori dal podio virtualmente Oncu e Guevara. Mentre Fellon si vede comminati tre secondi di penalità per non poter scontare un Long Lap Penalty, Masia si attacca come un magnete al posteriore di Garcia. Questo permette a Sasaki e Oncu di avvicinarsi allo spagnolo.

La gara si risolve con Garcia che taglia il traguardo e vince il GP del Portogallo Moto3 con qualche decimo di margine su Masia che riesce a difendere la seconda posizione dell’ultimo attacco di Sasaki. Oncu e Guevara si devono accontentare della quarta e quinta posizione. Tatay e Migno chiudono in solitaria davanti a Moreira, Foggia e Kelso che chiude la top ten.

GP Portogallo Moto3
motogp.com

La Moto3 tornerà in pista il prossimo weekend sulla pista di Jerez de la Frontera per il GP di Spagna.

Seguici su Telegram

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico