Moto3 | Kenan Sofuoglu: “Per me la decisione nei confronti di Oncü non è giusta”

Kenank Sofuoglu difende il proprio pilota in merito alla penalità, secondo lui sbagliata, che è stata inflitta a Deniz Oncü dopo il Gran Premio delle Americhe. Moto3 Kenan Sofuoglu 

Moto3 Kenan Sofuoglu
Foto: motogp.com

A quasi due settimane di distanza dal  Gran Premio delle Americhe, le polemiche sulla penalità inflitta a Deniz Oncü non sono ancora finite. La penalità è stata data dopo l’incidente causato dal pilota turco durante le ultime fasi della gara. Oncü  dopo aver superato Alcoba, ha cambiato traiettoria in pieno rettilineo tagliando la strada al pilota spagnolo. Questo ha innescato una carambola pericolosa coinvolgendo anche altri piloti, fortunatamente senza gravi conseguenze. La direzione gara ha deciso di stoppare Oncü per le prossime due gare. Moto3 Kenan Sofuoglu 

Kenan Sofuoglu, in qualità di manager e mentore di Deniz Oncü, ha espresso il suo disappunto per questa penalità da lui ritenuta ingiusta ed esagerata. Moto3 Kenan Sofuoglu 

“Per me la decisione non è stata giusta”. 

“Anche in Formula 1, l’apice del motor sport, piloti come Lewis Hamilton e Max Verstappen guidano in modo molto aggressivo. Per avere successo devi essere aggressivo, fa parte di questo sport. Oggi i piloti si lamentano troppo”.

“Basta guardare i video, vedo manovre più pericolose di quelle di Deniz. Per me, il motivo principale per cui i piloti si lamentano dei miei ragazzi è perché sono così forti, perché non puoi batterli e quindi cercano motivi per lamentarsi”.

“Siamo tutti profondamente dispiaciuti per la perdita di Dean Viñales, ma ora Dorna ha fatti di Deniz e Bahattin (nipote di Sofuoglu che corre in Supersport 300) un esempio. Per dimostrare che chiunque guidi in modo aggressivo può essere punito in questo modo, ma non è giusto per i miei piloti. Devi guardare l’intera gara, ogni pilota, Deniz non se lo meritava. Questa caduta è stata causata dalla sfortuna”.

“E’ così che oggi si fanno le gare in Moto3 e nella Supersport 3oo. Tutti cercano di seguire il pilota davanti per usare la sua scia. Una cosa è certa sui miei piloti: ci alleniamo più degli altri e lavoriamo più degli altri. Guidiamo in modo aggressivo ma corretto. Per me è molto importante che non ci siano contatti, ma se segui solamente i tuoi avversarsi non vincerai mai una gara”.

 Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | GP Emilia Romagna – Orari TV SKY, DAZN e TV8 e anteprima della seconda tappa a Misano

mm

Silvia Maestrelli

Ragazza appassionata del motor sport da sempre, in particolare di Moto Gp, Moto 2, Moto 3 e F1. Sono uno degli amministratori del gruppo Facebook VALENTINIANIDOC46.