MotoGP | Analisi inizio stagione: Ducati in crescita

La Ducati si è mostrata sempre più in crescita in ogni sessione di test affrontata, riuscirà la Rossa a tornare a vincere il Mondiale dopo 13 anni?

analisi ducati motogp
motogp.com

Nell’ultima giornata di test in Qatar i due piloti Ducati avevano compiuto un’intera simulazione di gara con un buon passo. Ed entrambi si erano detti decisamente più sollevati rispetto ai test in Malesia, non proprio esaltanti. Il passo gara era buono, vicino ai migliori, il giro secco un po’ meno, ma il margine di miglioramento di Ducati è ampio. analisi ducati motogp

Il problema più grande per la Rossa era stato l’adattamento alle nuove gomme posteriori Michelin. Tuttavia al termine dei test in Qatar, questo problema sembrava diventato meno grave del previsto. La Ducati in Qatar ha portato anche la nuova invenzione di Borgo Panigale: l’Holeshot, il sistema per abbassare la moto in fase di accelerazione. L’uso dell’Holeshot è ancora da perfezionare, e le gomme Michelin vanno ancora capite al meglio; ma la Ducati sembra in grande crescita per provare a lottare per il Mondiale, in un’annata dove tutti sono migliorati molto, e il campionato sarà più aperto che mai.

Dovizioso: “In troppi vanno forte

Il Dovi, reduce da un infortunio in motocross e dalla successiva operazione alla spalla, arriverà a Jerez non al massimo della forma. Inoltre la situazione di stallo per il rinnovo con Ducati non aiuterà di ceto l’ambiente. Nonostante ciò Andrea Dovizioso partirà con un solo obiettivo, vincere il Mondiale.

Le parole di Dovi dopo i test: “La velocità nel passo gara c’è, ma le Yamaha e le Suzuki sono più veloci. Alcuni dettagli li vedi solo nel weekend di gara, soprattutto nel lavorare con le nuove gomme. Noi miglioriamo, ma in tanti stanno andando forte e sono competitivi. Per questo è difficile oggi fare previsioni sul campionato.”

Petrucci: “Siamo più indietro del 2019

Danilo Petrucci inizierà la sua ultima stagione in Ducati da separato in casa. Dopo l’annuncio della promozione di Miller in Ducati, il Petrux ha firmato un accordo con KTM, per accasarsi dal 2021 nel team Tech 3.

Petrucci dopo i test ha sottolineato come il team si trovi un po’ più indietro rispetto al 2019, ma che la simulazione di gara non era male, e che la moto era in crescita.

Le parole di Ciabatti, Direttore Sportivo:

Le gomme Michelin sono diverse sulla gomma posteriore, stiamo lavorando soprattutto sull’adattamento. Credo che queste nuove gomme siano particolarmente sfruttabili dalle moto che hanno grande percorrenza in curva (Yamaha), c’è qualche problema in più per noi.

Sull’Holeshot adottato dalle Yamaha: “E’ fonte di orgoglio che le nostre idee vengano adottate anche da altri costruttori, a volte dà fastidio non poter mettere un brevetto su delle idee ma questo fa capire che siano intelligenti e valide“.

analisi ducati motogp dovizioso petrucci 2020

Cliccate qui per seguire tutti gli aggiornamenti del Motomondiale sul nostro canale Telegram!

MotoGP | Jorge Lorenzo conferma la trattativa con Ducati

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1