MotoGP | Anche il campione B di Iannone è risultato positivo

Le contro analisi sul campione B di Andrea Iannone sono risultate positive, ma la quantità trovata di anabolizzante è piccola. Campione B Iannone positivo

Campione B Iannone positivo
Foto: Instagram Andrea Iannone

Ancora non c’è l’annuncio ufficiale da parte della Federazione internazionale, ma come era prevedibile anche il campione B usato per le contro analisi di Andrea Iannone è risultato positivo. La quantità di sostanza anabolizzante è minima. Campione B Iannone positivo

Da quanto è stato riportato dalla Gazzetta dello Sport il legale di Aprilia, Antonio De Rensis, ha rivelato che i valori di Drostonolone (steroide androgeno anabolizzante) sarebbero davvero bassi e questo lascerebbe aperto lo spiraglio della contaminazione alimentare dovuta alle carni trattate e mangiate in Asia. La difesa di Andrea Iannone si baserà su questo. Campione B Iannone positivo

Le parole di Antonio De Rensis alla Gazzetta dello Sport

“Le contro analisi dovrebbero attestare la presenza di metaboliti pari a 1,150 nanogrammi per millilitro, un quantitativo esiguo. Considerando che il pilota era da oltre un mese in Asia e che il test, eseguito subito dopo il GP, era relativo ad un campione di urine molto densa, pari a 1,024, per la forte disidratazione della corsa”.

“E’ un dato che ci conforta verso la tesi della contaminazione alimentare, anche perché gli steroidi sono assunti con cicli lunghi, non occasionali. Alla prima comunicazione ufficiale avvieremo le nostre attività per mostrare l’estraneità di Iannone e riconsegnarlo all’Aprilia, di cui apprezzo l’atteggiamento garantista”.

Siamo tutti annoiati senza i nostri sport preferiti, ma solo collaborando ANDRÀ TUTTO BENE.
Se non è indispensabile, RESTA A CASA!

Con molta probabilità Andrea Iannone non potrà prendere parte ai test di inizio Febbraio a Sepang, i tempi con cui saranno prese delle decisione potrebbero essere abbastanza lunghi. Per prima cosa, una volta notificata la positività della campione B, scatterà un deferimento e successivamente il procedimento alla Corte Disciplinare Internazionale che dovrà emettere una sentenza entro 45 giorni. Esiste anche la possibilità di fare successivamente ricorso anche al TAS.

Ci sono varie sanzioni che potrebbero essere applicate al pilota: da una squalifica di 4 o 2 anni ad una semplice reprimenda.

Seguici anche su Instagram e Twitter. Se non vuoi perderti le notizie sul mondo delle due ruote, iscriviti al nostro canale Telegram.

MotoGP | Iannone spera di essere presente nei test a Sepang

mm

Silvia Maestrelli

Ragazza appassionata del motor sport da sempre, in particolare di Moto Gp, Moto 2, Moto 3 e F1. Sono uno degli amministratori del gruppo Facebook VALENTINIANIDOC46.