MotoGP | Andrea Iannone: “Quella che è stata fatta non è giustizia”

Andrea Iannone torna a parlare della sua sentenza di squalifica nel programma de “Le Iene”.  Al pilota di Vasto mancano ancora 2 anni e mezzo di squalifica prima di poter tornare in pista in una competizione motociclistica. Squalifica Andrea Iannone

Squalifica Andrea Iannone

In un servizio andato in onda nel programma de “Le Iene”, Andrea Iannone torna a parlare della sentenza di squalifica per un presunto caso di doping. La sentenza prevede 4 anni di squalifica da qualsiasi competizione motociclistica e al momento ne ha scontati solo 1 anno e mezzo. Tuttavia il pilota di Vasto potrebbe tornare in pista se gli venisse concessa una sorte di grazia. L’unica persona che in questo momento potrebbe aiutarlo è il presidente della FIM Jorge Viegas, il quale ha espresso il totale appoggio al pilota italiano. Squalifica Andrea Iannone

Le parole di Andrea Iannone Squalifica Andrea Iannone

“Sono molto contento delle dichiarazioni di Viegas, mi fa piacere quello che ha detto e sono bene quale sia il suo pensiero. Mi ha sempre ribadito che crede nella mia innocenza. Mi auguro che come presidente della Federazione faccia qualcosa nei miei confronti. Quello che è successo oggi a me, domani può succedere ad un altro ed è una minaccia incredibile. Non possiamo permettere alla WADA di avere questo potere contro cui non puoi combattere. Se fai qualsiasi tipo di controlli, come quello del capello più approfondito, e risultano negativi, dimostri la tua estraneità. La WADA decide quello che vuole e questa è una minaccia allo sport, soprattutto al nostro io mi auguro che il nostro presidente faccia qualcosa per cambiare questa situazione”.

“Sono stato a Ginevra e ho parlato direttamente con Viegas. Lui è molto dispiaciuto perché conosce tutte le documentazioni e il nostro processo. Non si può non prendere in considerazione tutti gli argomenti scientifici portati e parlare di uno scontrino che non è una prova. Lo scontrino della cena non è riconducibile a nessun pezzo di carne, è impossibile farlo. Invece si è parlato solo di quello. Loro avevano già deciso che avrei preso 4 anni di squalifica perché non potevano perdere un altro processo per contaminazione alimentare”.

“Mi fa molto male andare nel paddock e vedere i miei avversarsi di sempre correre mentre io non lo posso più fare. Quella che è stata fatta non è giustizia”.

Seguici anche su Telegram

MotoGP | GP Italia – Orari TV e anteprima della tappa del motomondiale al Mugello

mm

Silvia Maestrelli

Ragazza appassionata del motor sport da sempre, in particolare di Moto Gp, Moto 2, Moto 3 e F1. Sono uno degli amministratori del gruppo Facebook VALENTINIANIDOC46.