MotoGP| Assoluzione in vista per Iannone?

Dopo giorni di silenzio in attesa di un verdetto, arrivano novità sugli sviluppi della vicenda che è giunta alla corte disciplinare della FIM.

iannone aprilia 2019
foto: motogp.com

Le tappe della vicenda

il 17 dicembre scorso Iannone si è visto sospendere la licenza in seguito a un controllo antidoping risultato positivo effettuato nel corso del weekend di Sepang. La sostanza a cui è risultato positivo, il Drostanalone, è uno steroide anabolizzante spesso presente nelle carni malesi. La cosa particolare di questo esito è che la sostanza non migliorerebbe le prestazioni del pilota. Gli anabolizzanti, infatti, aumentano la massa muscolare che “appesantiscono” i movimenti di un pilota motociclistico. Aprilia, credendo sempre nella innocenza del suo atleta, si è vista costretta sin da subito a cercare un sostituto. Il 9 gennaio sono stati pubblicati gli esiti delle contro analisi che hanno confermato la positività dell’atleta alla sostanza sopra citata.  Da allora le notizie sono cessate fino a oggi, quando è stato comunicato lo slittamento di 10 giorni del verdetto da parte della commissione della FIM.

Leggi anche:

MotoGP | Anche il campione B di Iannone è risultato positivo

La novità di oggi

Lo slittamento del verdetto è dovuto alla presentazione, dalla parte della difesa,  di una nuova prova che potrebbe cambiare profondamente le carte in tavola. La difesa ha presentato il risultato del famoso “test del capello” che permette di tracciare una sostanza di cui si è fatto uso fino a 5-6 mesi prima. Questo test, effettuato al Centro Antidoping Regionale di Torino, è risultato negativo. Questo esame potrebbe scagionare Iannone o dimostrare che la quantità ingerita era esigua e, di conseguenza, involontaria e comunque irrilevante. Conseguentemente, la corte disciplinare ha optato per un rinvio di 10 giorni per permettere alle due controparti di elaborare le prove e le strategie da adottare.

Questo rinvio non permetterà al pilota Vasto di prendere parte ai test Malesi. ma, vista la valenza di questa nuova prova, l’assoluzione sembra più vicina. La corte disciplinare si dovrebbe pronunciare definitivamente entro l’inizio della nuova stagione.

Seguici su Telegram

MotoGP | Fissata la data per l’udienza di Iannone: salterà i primi test