MotoGP | Brivio e Rivola: entrambi d’accordo sui week end da 2 giorni

Due team della MotoGP, Aprilia e Suzuki, sarebbero d’accordo ad accorciare i week end di gara a 2 giorni visto l’aumento del numero delle gare. Brivio e Rivola week end da 2 giorni

Brivio e Rivola week end da 2 giorni
Massimo Rivola e Davide Brivio Foto: TuttomotoriWeb

Già a partire dalla stagione 2020 le gare del Motomondiale aumenterà a 20 grazie all’aggiunta di un nuovo circuito, il KymiRing in Finlandia. Il Motomondiale negli anni sta sempre più seguendo l’andamento della Formula 1 aumentando di anno in anno il numero delle gare fino a raggiungere le 22 gare il prossimo anno. A partire dal 2021 al calendario si aggiungeranno le tappe del Brasile, Ungheria e Indonesia con molto interesse da parte del Portogallo e del Vietnam. Brivio e Rivola week end da 2 giorni

A partire dalla fine della prossima stagione, il numero delle giornate dei test è stato notevolmente diminuito togliendo subito le due giornate di test a Valencia dopo l’ultimo week end di gara. Anche i test in Qatar prima dell’inizio della stagione nel 2021 sono già stati tolti dal calendario. Dalla prossima stagione ci saranno solo 2 test ufficiali prima dell’inizio della nuova stagione, a Jerez e a Sepang, per poi iniziare la stagione in Qatar.

L’idea di Davide Brivio e di Massimo Rivola, rispettivamente Team Manager Suzuki e Team Manager Aprilia, sarebbe quello di ridurre il programma del week end di gara in sabato e domenica. Brivio e Rivola week end da 2 giorni

Le parole di Davide Brivio, Team Manager Suzuki

“Certo, 22 gare diventano piuttosto difficili. Penso che sia difficile anche per i piloti mantenere la concentrazione e lo stress attraverso 22 gare. E anche per tutti quelli che lavorano qui è diventato un periodo molto lungo. Quando c’è stato detto che nel 2020 ci sarebbero state 20 gare abbiamo iniziato una discussione tra i team per pensare di ridurre le sessioni di test. Non è la stessa cosa annullare un test ed introdurre una gara, perlomeno stiamo cercando una soluzione per ridurre il grande stress. 22 gare saranno piuttosto impegnative per tutti. Ma è così che andremo, la Formula 1 ha appena raggiunto i 22 GP nel 2020 e stanno già parlando di portarli a 25. Forse l’idea di ridurre il week end di gara potrebbe essere un modo. Personalmente lo prenderei in considerazione e lo valuterei. Non so se sia fattibile o no, ma penso che sia qualcosa su cui discutere”.

Le parole di Massimo Rivola, Team Manager Aprilia

“Faremo 22 gare nel 2021, comprimere il programma del week end in sabato e domenica può essere un modo. Dobbiamo trovare una soluzione. Fortunatamente la MotoGP sta diventando sempre più popolare. Ci sono molte richieste di gare, e questo è positivo. In questo modo possiamo andare a scoprire più paesi. Sotto questo punto di vista siamo in un ottimo momento e proviamo a trovare il miglior compromesso. Sono passato dalla Formula 1 alla MotoGP per fare meno gare! Capisco l’opinione di Carmeno Ezpeleta di avere più gare e meno test. È positivo per il nostro sport. L’idea di un week end di gara di due giorni non è affatto male. In realtà l’avevo proposto 10 anni fa in Formula 1, ma chiaramente è stato rifiutato. Ad essere sincero penso che ne dovremo discutere. Sono preoccupato solo per il fatto, specialmente per i piloti giovano, hanno bisogno di stare un po’ più di tempo in pista, forse però con un format diverso ci possiamo pensare. Avere Moto3, Moto2 e MotoGP nello stesso week end di gara è bello e puoi davvero vedere il futuro. Questo è qualcosa che non dobbiamo perdere. Penso che sia una chiave per il nostro sport per vedere la prossima generazione in arrivo durante il fine settimana. Il week end di gara ridotto a 2 giorni è un punto molto valido e inizieremo a discuterne internamente.

Anche Aleix Espargaro, pilota Aprilia, esprime la sua opinione sulla riduzione del week end di gara

“Ogni pilota ha la sua opinione. Odio davvero i test! Per me siamo qui per correre. Posso capire che dobbiamo provare e riprovare, ma preferisco fare le gare. Sinceramente i test a Valencia con le basse temperature e poi i test in Qatar con temperature più alte, è ovvio che la moto si comporterà diversamente. Penso che sia buono il nuovo calendario che la Dorna sta facendo. Devo dire che ci chiedono sempre il nostro parere nella Safety Commission, quindi non è una novità o qualcosa che hanno pensato nelle ultime 24 ore. Ne abbiamo parlato negli ultimi 2 anni e ne sono più che soddisfatto”.

Seguici anche su Instagram e Twitter

MotoGP | Ducati svela la data di presentazione della moto del 2020

mm

Silvia Maestrelli

Ragazza appassionata del motor sport da sempre, in particolare di Moto Gp, Moto 2, Moto 3 e F1. Sono uno degli amministratori del gruppo Facebook VALENTINIANIDOC46.