MotoGP | Conferenza Stampa GP Aragon: tutti a caccia di tutti. Dovizioso dice la sua sul caso Zarco-KTM!

Back-to-back per il Motomondiale. Con la consueta conferenza stampa del giovedì comincia ufficialmente il weekend del Gran Premio di Aragon. Presenti Marc Marquez, Andrea Dovizioso, Alex Rins, Maverick Vinales, Fabio Quartararo ed Alex Marquez: vediamo i pensieri dei piloti, compresa l’opinione del pilota italiano sul bollente caso Zarco-KTM. conferenza stampa gp aragon

conferenza stampa gp aragon
Foto: MotoGP

Back-to-back per il Motomondiale a sei gare dal termine della stagione. Con la consueta conferenza stampa del giovedì comincia ufficialmente il weekend del Gran Premio di Aragon. Presenti Marc Marquez, Andrea Dovizioso, Alex Rins, Maverick Vinales, Fabio Quartararo ed Alex Marquez: vediamo quali sono stati i pensieri dei piloti in sala stampa, compresa l’opinione del pilota italiano sul bollente caso Zarco-KTM. conferenza stampa gp aragon

Marc Marquez conferenza stampa gp aragon

“Ovviamente l’obiettivo per questo fine settimana è arrivare in cima al podio o quanto meno essere sul podio; poi cercherò di lottare per la prima posizione naturalmente. L’ultimo weekend è stato ottimo – non facile – è stata dura ma alla fine ce l’abbiamo fatta, siamo finiti davanti e abbiamo guadagnato altri punti per il campionato che sono importanti. Abbiamo aumentato quindi il divario tra me e Andrea (Dovizioso, ndr).”

E’ il momento di buttarsi a capofitto in ogni gara, di godersela e provare anche a divertirsi. Questa gara di casa è un tracciato che mi piace tanto il che non significa che il fine settimana sarà semplice perchè sono tutti velocissimi, sarà dura ma noi daremo il massimo.”

L’obiettivo resta sempre lo stesso come la prima gara della stagione: cercare di essere davanti ed essere sul podio da qui alla fine della stagione. Questo è l’obiettivo – è un bell’obiettivo – lo è sin dall’inizio; continueremo con la stessa mentalità, cercheremo di affrontare ogni weekend di gara nello stesso modo, di spingere al massimo nelle libere e in gara. Non importa chi c’è o non c’è, non importa su quale circuito siamo, l’obiettivo è quello di lottare per la vittoria.

Andrea Dovizioso conferenza stampa gp aragon

Dopo i test di Misano, sapevamo che sarebbe stato impossibile lottare per la vittoria e anche per il podio a differenza dell’anno prima. Ci siamo concentrati sul fare il possibile e una prova libera dopo l’altra abbiamo migliorato e siamo riusciti a fare la seconda fila.”

Non sono soddisfatto della sesta posizione perchè con la mia velocità avrei potuto lottare per la quarta e quello sarebbe stato il massimo. Però abbiamo tutti avuto difficoltà sull’anteriore e tutti abbiamo cercato di frenare più tardi possibile bloccando però il divario rispetto a Marquez e Quartararo c’era ed era considerevole. Quindi è andata così: le condizioni di Misano sono state strane rispetto all’anno precedente, abbiamo sofferto moltissimo.”

Qui ad Aragon sicuramente il tracciato non è ideale per noi però l’anno scorso siamo riusciti a lottare con Marc (Marquez, ndr) e una Suzuki. Credo che possiamo essere più competitivi rispetto a Misano e vogliamo tornare sul podio. Sappiamo però quanto è difficile, tutti gli altri sono sempre più forti, anche i piloti Yamaha nelle ultime gare e in particolar modo a Misano sono riusciti ad essere davvero veloci. Come sempre il gruppo sarà numeroso e dovremo lavorare bene come abbiamo fatto a Misano.

E’ una mentalità che abbiamo già da qualche gara: prepararci per il prossimo anno. Abbiamo avuto un po’ di sfortuna in qualche occasione, non è stata colpa nostra, però Marc (Marquez, ndr) è sempre riuscito a lottare per la vittoria in tutte le gare. E’ l’unico che ci è riuscito. Se si vuole lottare per il campionato bisogna fare qualcosa di più rispetto a quello che abbiamo fatto noi. Dobbiamo migliorare la nostra condizione.”

La seconda posizione in campionato è importantissima, ce la metteremo tutta fino all’ultimo ma sappiamo che Yamaha ed Alex (Rins, ndr) possono essere molto forti da qui alla fine della stagione. Dobbiamo essere attenti, fare punti e ovviamente lavorare per il futuro al meglio.

Alex Rins

Il weekend in Misano è stato particolarmente difficile rispetto all’anno scorso; l’asfalto è cambiato moltissimo e di questo credo che ci siamo tutti lamentati. Però ho avuto parecchia difficoltà a superare Pol (Espargaro, ndr) e alla fine, quando ci sono riuscito, ho commesso un errore: sono caduto, la colpa è mia al 100%. Detto questo, siamo qui e siamo pronti a combattere.”

E’ il mio gran premio di gara, cercherò di dare del mio meglio. Sicuramente ogni volta cerco di dare il massimo e cerco di mettere la Suzuki davanti, l’anno scorso la gara è andata benissimo – tutta la gara fino agli ultimi due/tre giri – sempre davanti, nella lotta con Andrea (Dovizioso, ndr) e Marc (Marquez, ndr).”

Quest’anno cercherò di fare lo stesso ma lo sappiamo che sarà difficile: tutti i Costruttori e i piloti sono sempre più simili come prestazioni, sempre più veloci e dobbiamo cercare comunque di essere nelle prime posizioni.”

Maverick Vinales

Misano è stata una gara particolarmente buona per noi. Nonostante un paio di problemi, abbiamo tenuto un buon passo, siamo riusciti a recuperare verso la fine. La moto sta migliorando molto così come noi e dobbiamo cercare di mantenere questa tendenza.”

Aragon per me è un buon tracciato, mi piace moltissimo: qualche anno fa sono riuscito quasi a lottare per la vittoria e anche questa volta cercherò di spingere. “

Fabio Quartararo

Misano è stata la migliore gara in tutta la mia carriera finora. Questa gara si gioca su un tracciato su cui la Yamaha nel 2017 con Maverick (Vinales, ndr) ha fatto la pole, Valentino (Rossi, ndr) era anche in prima fila: quindi su questo tracciato la moto sembra andar bene. A me piace. Come sempre, noi spingeremo al massimo. Spero di poter lottare per una buona posizione.”

Dall’inizio dell’anno l’obiettivo era quello di essere Rookie dell’anno. L’anno scorso non è stato un anno semplice per noi; anche nei test di Sepang, credo che Bagnaia fosse secondo ed era un secondo più veloce di noi. E noi abbiamo lavorato tanto, passo dopo passo, e alla fine in Qatar eravamo pronti. Da lì, siamo riusciti a fare piccoli progressi capendo anche come migliorare dai piloti migliori.”

Chiaramente non mi aspettavo di fare molte pole e quattro podi, dobbiamo continuare su questa strada ma anche stare calmi perchè comunque siamo novellini ed ogni tracciato per noi è un tracciato nuovo. Continuo a migliorare e cerco di imparare ogni volta.”

Alex Marquez

Sono abbastanza soddisfatto. E’ vero che dopo le libere ci aspettavamo di essere un po’ più vicini, però tutto sommato non eravamo neanche tanto lontano. Nel primo settore ho sofferto tanto e durante la gara le cose non sono state semplici, però sappiamo quali sono i problemi. Le prossime gare potrebbero essere migliori per noi.”

Abbiamo cercato di migliorare costantemente su singoli fattori. So comunque che dobbiamo continuare a spingere anche se c’è comunque un certo divario sul secondo ma dobbiamo continuare a dare il massimo e cercare di fare il massimo dei punti possibili.”

“In realtà mi aspetto che Fernandes possa dare dei “problemi” perchè è stato forte fin dall’inizio, ha avuto delle difficoltà dopo l’Argentina a causa di qualche problema ma io mi concentro su me stesso e cerco di migliorare quelle che so essere le mie debolezze. So che cosa devo fare, so che la strada comunque è lunga, sei gare sono tante.”

“Come detto, ci sono stati alti e bassi per tutti. Sono felice perchè dall’Argentina siamo sempre riusciti a lottare per il podio e a farne tanti. Cerchiamo di continuare così, di essere forti in tutte le condizioni e vediamo che cosa succede. La stagione sicuramente è stata ottima e dobbiamo continuare così.

Per concludere, al pilota italiano è stato chiesto un parere sul divorzio anticipato tra Zarco e KTM:

Andrea Dovizioso:Credo che per ciascuno la storia sia diversa. Se parliamo della mia carriera, io ho cambiato tre costruttori: ognuno aveva delle caratteristiche molto diverse ma ogni pilota ha una sua impostazione che è differente. Bisogna essere molto aperti di testa. Quando io sono passato dalla Honda alla Yamaha ho fatto tante gare che sono andate bene ed è molto importante il livello della moto su cui sali in quel momento.”

“In quel periodo la moto non era la migliore, non era la più veloce però era molto stabile e costante ed io sono riuscito ad adeguarmi in fretta. E sono riuscito ad essere tra i più veloci. Ogni volta le cose sono diverse, non posso sapere i dettagli della KTM.”

Credo che il passaggio da una Yamaha ad una KTM sia enorme; è un po’ strano vedere queste difficoltà così pronunciate. Zarco non è riuscito a migliorare con la moto ma sicuramente c’è una ragione che loro conosceranno e dall’esterno è molto difficile fare un’analisi. Credo che Zarco sia un grande talento e lo ha dimostrato l’anno scorso con la Yamaha; sicuramente questo talento c’è, però se manca il feeling è difficile.

 

Seguici su Instagram!

 

MotoGP | GP Aragon – Anteprima e orari TV della gara in diretta su Sky e in chiaro su TV8

mm

Mariangela Picillo

Studentessa di ingegneria meccanica. Da grande vorrei fare del motorsport la mia vita quotidiana.