MotoGP | Conferenza stampa GP Jerez – Valentino Rossi: “Punto a vincere il mondiale”

La conferenza stampa a Jerez apre le danze al GP di Spagna 2019. Molti gli argomenti trattati: il nuovo asfalto della pista, il malore del portiere spagnolo Iker Casillas per poi parlare della leggenda della Formula 1 Ayrton Senna. Conferenza stampa GP Jerez

Conferenza stampa GP Jerez
Valentino Rossi

I piloti presenti sono Marc Marquez, Andrea Dovizioso, Alex Rins, Jack Miller, Jaume Masiá, pilota di Moto 3, e Valentino Rossi, che detiene un record di 7 vittorie e 12 podi su questa pista. Conferenza stampa GP Jerez

La parola viene data al ducatista Andrea Dovizioso:

“Sono contento del risultato ottenuto negli Stati Uniti, in gara abbiamo fatto uno splendido recupero. Per quanto riguarda il campionato penso che non ci siamo solo io e Marquez a contenderci il titolo, ci sono molti altri piloti veloci.
Podio qui a Jerez? Non lo so, dipende tutto dalle condizioni dell’asfalto.”

Valentino Rossi: “Sin dall’inizio della stagione abbiamo portato aggiornamenti sulla moto, questo GP sarà cruciale per capire se sono efficaci.
Ad ora sono contento di come sia iniziata la stagione e dei risultati raggiunti. Voglio lottare per il mondiale.”

Alex Rins: “La vittoria ad Austin è stata incredibile e sorprendente, ma dopo stavo già subito pensando alla gara qui a Jerez. Sfortunatamente ho avuto poche occasioni per correre qui in gara – nel 2017 ero infortunato – ma ho compensato allenandomi nei test. L’obbiettivo è rimanere in testa al gruppo per cercare di concludere a podio.”

Marc Marquez: “Austin è stata una gironata difficile per me, stavo facendo una buona gara e poi sono caduto. Riguardando la gara abbiamo capito qual è la ragione dietro questo errore: non posso entrare troppo nei dettagli, ma è un problema della moto che fortunatamente abbiamo risolto.
Qui a Jerez mi sono sempre trovato bene, la pista si adatta al mio stile di guida, bisogna, però, capire come si comporterà il nuovo asfalto.”

Jack Miller: “Il terzo posto ad Austin è stato un ottimo risultato, finire sul podio è sempre bello. Il nuovo asfalto è una grande incognita che rende la sfida ancora più avvincente, soprattutto nella scelta delle gomme. Il feeling con la moto è buono, qui a Jerez ho sempre avuto un buon passo gara e spero di poter ripetere il risultato di Austin.”

Jaume Masiá: “Sono molto contento di correre qui in casa in veste di leader del mondiale.”

Ai piloti viene poi chiesto un commento sull’infarto avuto da Iker Casillas, portiere della nazionale spagnola.

Rossi: “È davvero triste, ma fortunatamente ha fatto sapere su Instagram che sta bene e spero che torni presto in campo. Dimostra che questo malore può colpirw chiunque in qualsiasi momento, anche uno sportivo che conduce una vita regolare.”

Marquez: “È strano ed è difficile da capire come possa capitare ad un atleta, che è costantemente sotto controllo medico. È un segnale che bisogna godersi la vita e fare le cose immediatamente, senza rimandare ad un futuro incerto.”

E poi si passa al mondo delle auto: cosa lascia Senna ai motociclisti?

Dovizioso: “Era speciale, amato da tutti, per la sua personalità e lo stile di guida. Il giorno della sua comparsa lo ricordo ancora, è stato davvero triste. In quel perido auto e moto erano più pericolose e meno sicure di ora, dopo il suo incidente molte cose sono cambiate. Il pericolo fa parte della nostra vita.”

Rossi: “Senna è una delle icone del motorsport, una fonte di ispirazione. Ricordo il giorno del suo incidente: la Formula 1 era pericolosa e lui lo aveva detto poco prima di scendere in pista. Abbiamo perso uno dei migliori di sempre.”

Rins: “Io non ero ancora nato, ma ho visto molti video su internet. Era un pilota incredibile, è davvero un peccato averlo perso.”

Marquez: “Conosco la sua storia, il suo stile di guida, ho visto l’ncidente ma non seguivo ancora la Formula 1 come Valentino. In una cosa mi piacerebbe assomigliare a lui: il fatto che metteva tutto se stesso in pista non solo per vincere, ma anche perché amava correre.”

W Series | Anteprima della prima gara a Hockenheim

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.