MotoGP | Conferenza stampa Yamaha: “Sarà una stagione emozionante”

Dopo la presentazione della nuova moto, i due piloti ufficiali, Lin Jarvis e Jorge Lorenzo hanno preso parte ad una conferenza stampa. Conferenza stampa Yamaha

Conferenza stampa Yamaha
Foto: Monster Energy Yamaha

Al termine della presentazione del team ufficiale Monster Energy Yamaha e del team satellite, Yamaha Petronas, Valentino Rossi, Maverick Viñales, Lin Jarvis e Jorge Lorenzo hanno preso parte ad una conferenza stampa per le loro prime parole sulla stagione. In conferenza stampa è presente anche Jorge Lorenzo. Conferenza stampa Yamaha

Le parole di Lin Jarvis

“Utilizzando una parola italiana, potremmo dire che abbiamo effettuato una “prenotazione” per il 2021 con Fabio Quartararo, assicurandoci una coppia di giovani piloti con Maverick Viñales. Credo che sarà una stagione molto emozionante, questa nuova moto permetterà a Rossi di tornare al top. Quartararo? C’erano troppi team affamati sul mercato, cosi ci siamo dovuti muovere in anticipo sui giovani talenti dopo aver parlato con Rossi che ci ha detto di avere bisogno di un po’ di tempo. Se Rossi dovesse decidere di continuare a correre in MotoGP nel 2021, avrà il totale supporto della Yamaha”.

Le parole di Valentino Rossi

“Da una parte è stato difficile prendere la decisione di smettere con il team ufficiale nel 2021, ma dall’altra parte non è stata una decisione difficile dato che non voglio continuare se non sono competitivo. Per provare a restare al top, in qualunque sport, soprattutto quando non sei più molto giovane, hai bisogno di un grande sforzo, devi lavorare al massimo ogni giorno nella MotoGP moderna. Questo è quello che puoi fare se hai ancora motivazioni e gioia di correre: il risultato è l’aspetto più importante”.

“In caso di un eventuale passaggio alla Petronas, non sarà per forza per due stagioni come 2021 e 2022. Deciderò anno per anno, credo sia la cosa migliore e anche la Yamaha è d’accordo”.

La Yamaha ha fatto la scelta giusta, Fabio è stato impressionante nell’ultima stagione. Tutti nel paddock a inizio stagione si aspettavano che Quartararo fosse un pilota molto competitivo, ma non a questi livelli, è stata una sorpresa per tutti. E’ giovanissimo ed è molto forte, quindi penso che puntare su di lui sia una decisione corretta da parte della Yamaha. Portare alla Yamaha Petronas tutto il mio team di collaboratori nel 2021? Non ne abbiamo ancora parlato, dipenderà molto anche dalla decisione di Quartararo riguardo il suo team, se deciderà di portare nel team ufficiale qualche componente, ma non ne abbiamo ancora parlato. La cosa importante è che la Yamaha sia contenta di continuare a lavorare insieme, che abbia ancora fiducia in me. Inoltre, sarà importante per me sapere di avere eventualmente una moto ufficiale e il massimo del supporto anche nel 2021″.

“Lorenzo è perfetto per noi e per la Yamaha. Ho spinto molto con Jarvis e con la Yamaha per poter parlare con Jorge prima del suo arrivo, prenderlo è stata una decisione intelligente. Forse qualcuno poteva avere dei dubbi, dato che Lorenzo l’anno scorso ha avuto dei problemi con la Honda, ma io ho sempre pensato che lui possa essere comunque un pilota competitivo. L’arrivo di Lorenzo è importante perché nella MotoGP di oggi è fondamentale avere un buon test team che fornisca dati. Ma per avere un buon test team, hai bisogno di un buon pilota che sia veloce, quindi credo che Lorenzo ci darà una grande mano per migliorare in breve tempo”.

Le parole di Maverick Viñales Conferenza stampa Yamaha

“L’arrivo di Jorge Lorenzo in Yamaha come collaudatore per me è importante. Arriviamo quasi dallo stesso posto, parliamo la stessa lingua, le nostre caratteristiche sono simili. Per me sarà semplice lavorare con lui. Lui è diventato campione del mondo con questa moto, quindi sa cosa fare per vincere con la Yamaha. Avere il suo supporto sarà molto importante per lo sviluppo della moto”. Conferenza stampa Yamaha

Le parole di Jorge Lorenzo 

“Sono contento di essere tornato a casa, la mia vera casa, la mia casa professionale. Mi trovavo molto a mio agio con questa moto, con cui sono riuscito a diventare campione del mondo. Sono contento di poter aiutare la Yamaha nel tornare a vincere titoli. Alberto Puig è stato molto corretto con me, mi ha sempre dato il massimo supporto nell’anno che ho passato in Honda. Lo ringrazio perché non si è avvalso di nessuna clausola per impedirmi di correre con un’altra moto quest’anno. Avrebbe potuto farlo, ma non l’ha fatto, permettendomi di diventare collaudatore Yamaha”.

“La mia prima idea quando mi sono ritirato era di ritirarmi completamente. Ho speso 19 anni della mia vita provando con tutto me stesso a vincere, per competere, per riuscire nella mia missione. Credo di essere arrivato a una tappa diversa della mia vita, anche se devo ammettere che mi sono divertito tanto in sella alla Yamaha nello shakedown di Sepang. Ho sentito di nuovo quella felicità che non provavo da tanto tempo. Se a Valencia ho detto che al 99% non sarei più tornato a gareggiare, adesso direi che la percentuale si è abbassata al 98%”.

Seguici anche su Instagram. Se non vuoi perderti nessuna notizia sul mondo delle due ruote unisciti al nostro canale Telegram!

MotoGP | Rossi e Viñales svelano la nuova Yamaha

mm

Silvia Maestrelli

Ragazza appassionata del motor sport da sempre, in particolare di Moto Gp, Moto 2, Moto 3 e F1. Sono uno degli amministratori del gruppo Facebook VALENTINIANIDOC46.