MotoGP Qualifiche – Crutchlow si prende la pole. Dovi 8°

Dopo le prove libere 3 con il record della pista di Marquez in 1:37.702, tutti pensavano che in qualifica il pilota Honda prendesse con autorità la Pole, ma nel motociclismo non succede sempre così. Pole position per Crutchlow, seguito da Pedrosa e Zarco.

Foto MotoGP
Q1: Dovi e Vinales passano il taglio, ma lo spagnolo col brividi

I due top riders devono affrontare la Q1 dopo la deludente prestazione in FP3, specialmente per il Dovi. Il pilota Ducati, però, sin da subito ha dettato legge, facendo un 1:38.4. Molti più problemi per il pilota Yamaha col primo set di gomme, non facendo mai un tempo degno della Q2. A cinque minuti dalla fine inizia la tirata. Dovizioso si prende la Q2 definitivamente con un 1:38.0, mentre il secondo posto è conteso da vari piloti. Vinales segna un 1:38.3 che sembrava sufficiente, ma Aleix Espargarò, pilota Aprilia, stava per soffiargli il posto, ma non ci è riuscito per soli 40 millesimi.

Da segnalare l’ottima prestazione di Franco Morbidelli, che ha cercato di prendersi il secondo posto per la Q2, ma non ci è riuscito per poco. Il pilota del team Marc VDS domani partirà quindicesimo in griglia. Pian piano il pilota italo-brasiliano sta conoscendo la categoria e i risultati non tarderanno ad arrivare.


Q2: Crutchlow vola, male le Yamaha

Per la prima volta a Jerez, durante le qualifiche c’è stato un miglioramento delle prestazioni. Questo è derivato dall’asfalto nuovo, il quale non soffre tanto le alte temperature.

Il secondo taglio caratterizzato dall’assolo di Cal Crutchlow. Il pilota Honda del team di Luccio Cecchinello ha dettato il passo sin da subito, prendendosi la pole. Marquez, rispetto alle prove libere, non è mai riuscito a fare la differenza nel T4, dove perdeva molto dall’inglese.

Male le Yamaha che non si sono proprio viste nel Q2. Rossi, partirà decimo, si è visto che soffriva molto lo spinning della gomma e non faceva delle linee pulite in curva e perdeva tanto in uscita dei lunghi curvoni; stesso discorso vale per Vinales. Male Dovizioso, partirà ottavo, che non è riuscito a dare la zampata per prendersi la prima fila. Per la prima volta in stagione ha subito dal compagno di squadra, Jorge Lorenzo.

E’ risaputo che il campione spagnolo della Ducati conosca benissimo la pista e l’esegue al meglio, ma per la prima volta in stagione si è visto un Lorenzo dei vecchi tempi. Risultato? Un’ottimo quarto posto sulla griglia per festeggiare i suoi 31 anni.

 

Da segnale il terzo posto di Zarco, il quale ormai è costantemente il pilota Yamaha (tra ufficiali e non) più della griglia. Tra il pilota francese, che ricordiamo ha la Yamaha 2016, e le due Yamaha ufficiali ci sono più di due decimi.

Griglia di partenza del Gran Premio di Spagna
Foto Yamaha MotoGP
mm

Nicoletta Floris

Studentessa di economia appassionata al mondo del motorsport (specialmente Formula 1 e MotoGP). Blogger della pagina Instagram (laragazzadelmotorsport).