MotoGP | Dall’Igna sulla separazione tra Ducati e Dovizioso: “Nel 2019 sapevo già che sarebbe finita così”

Il responsabile dei progetti Ducati per la MotoGP e la SBK Gigi Dall’Igna racconta qualche retroscena sulla separazione tra Dovizioso e la squadra di Borgo Panigale, commentando anche la stagione 2020 e la line up per quella futura nel motomondiale.

dall'igna dovizioso
Credits: Motosprint

In un’intervista a GPOne Gigi Dall’Igna ha parlato di Dovizioso e della stagione 2020 di MotoGP, che ha visto Ducati vincere il titolo mondiale costruttori. Il responsabile della Ducati crede che il team di Borgo Panigale avrebbe potuto avere un ruolo maggiore nella contesa del campionato piloti, se fossero riusciti ad interpretare meglio le gomme.

“Le nuove gomme Michelin sono state un cambiamento importante per la categoria. Se fossimo riusciti a testarle di più e a trovare il giusto set-up il campionato piloti sarebbe potuto andare diversamente.”

Ducati nel 2021 cambierà completamente line up, puntando su Miller e Bagnaia. L’ingegnere è soddisfatto della loro scelta e crede molto nei giovani talenti, come testimonia la scelta dei piloti per il team Esponsorama.

“Siamo soddisfatti della scelta dei piloti per il 2021. Jack Miller ha finito la stagione al top, con due fantastiche prestazioni. Pecco è andato molto forte nella parte centrale del campionato. Stiamo investendo nei giovani, aiutati anche dai team satellite che hanno preparato i giovani per diventare piloti ufficiali Ducati.”

Gigi dall’Igna svela poi qualche dettaglio sulla separazione di Dovizioso dalla Ducati.

Credo che già a metà del 2019 fosse chiaro che il duo Dovizioso-Ducati sarebbe presto arrivato ad una fine. Ho avuto questo presentimento dopo una riunione nel mio ufficio. Non siamo riusciti a raggiungere il nostro obiettivo insieme, ovvero il titolo piloti, e il rapporto è andato deteriorandosi. Insieme però abbiamo ottenuto tanto, non ho mai avuto un rapporto così stretto e così a lungo come con Andrea.”

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | Crutchlow: “La Honda mi voleva come pilota di riserva”

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.