MotoGP | Ducati in piena corsa per il titolo Mondiale costruttori

Ad una sola gara dal termine del campionato, la Ducati ha buone possibilità di diventare Campione del Mondo costruttori dopo 13 anni di attesa, ma dovrà vedersela con Yamaha e Suzuki. classifica mondiale costruttori motogp ducati

classifica campionato mondiale costruttori motogp ducati suzuki yamaha ktm portogallo portimao
motogp.com

Domenica in Portogallo la MotoGP disputerà l’ultima gara della stagione, sull’inedito circuito di Portimao. Il Mondiale piloti ha già un suo vincitore, Joan Mir, e lo stesso vale per il Mondiale dei Team, vinto quest’anno dal Team Suzuki Ecstar. Mentre per quanto riguarda il Mondiale Costruttori, la MotoGP non ha ancora un vincitore, con Ducati, Suzuki e Yamaha che si giocano la vittoria finale.

Per la Ducati sarebbe il secondo titolo costruttori della propria storia nel Motomondiale, a 13 anni di distanza dal primo, conquistato con Stoner e Capirossi.

Situazione di classifica

La classifica del mondiale costruttori di MotoGP vede Suzuki e Ducati in testa a pari punti: 201. Dietro di loro Yamaha, con un ritardo di 13 punti, dopo le penalizzazioni inflitte per il cambio delle valvole dei motori ad Jerez. KTM, quarta in classifica ha un ritardo di 26 punti da Suzuki e Yamaha, e quindi per un solo punto è fuori dalla lotta per il titolo.

La sfida molto probabilmente sarà proprio tra Ducati e Suzuki: chi avrà il pilota meglio piazzato al traguardo, sarà campione! Per Yamaha le speranze sono ridotte al veder vincere uno dei propri alfieri, sperando che nessun pilota Ducati o Suzuki arrivi nei primi 4 al traguardo: difficile, ma non impossibile.

Costruttore Punti
SUZUKI 201
DUCATI 201
YAMAHA 188
KTM 175
HONDA 133
APRILIA 43

Come si assegnano punti nella classifica costruttori MotoGP

Per chi non lo sapesse, i punti in classifica ottenuti da un costruttore di MotoGP al termine di una gara, derivano dal punteggio ottenuto dal proprio miglior pilota al traguardo. Questo per evitare che le case che corrono con quattro o sei moto diverse, siano avvantaggiate su chi corre con sole due moto in griglia.

Dunque se un costruttore ha un pilota vincitore di un GP, e un altro che è arrivato secondo, non prenderà i punti di entrambi, ma solo i 25 del vincitore. Per fare un’esempio, se Jack Miller dovesse vincere in Portogallo, e Dovizioso dovesse arrivare quarto, la Ducati otterrebbe solo i 25 punti di Miller.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

MotoGP | Aprilia: chi sostituirà Iannone nel 2021? Ecco i nomi dei candidati

classifica campionato mondiale costruttori motogp ducati suzuki yamaha ktm portogallo portimao

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1