MotoGP | Enea Bastianini correrà con una Ducati ufficiale nel 2023

Carlo Pernat, manager di Enea Bastianini, ha annunciato che il suo assistito avrà a disposizione una Ducati ufficiale per le stagioni 2023 e 2024.

Bastianini Ducati ufficiale 2023
Enea Bastianini alla guida della Ducati Desmosedici GP21 del team Gresini – Credit: Motorsport

Dopo aver vinto il mondiale Moto2 nel 2020, Enea Bastianini ha dato un saggio delle sue qualità già nella sua prima stagione in MotoGP dove, nonostante una moto vecchia di due anni, è riuscito a conquistare due podi ed altrettanti sesti posti. Le sue gare sono sempre caratterizzate da un’ottima gestione nella prima parte e grandi rimonte nella seconda.

Ma è quest’anno che il pilota di Rimini sta davvero sorprendendo tutti. Il passaggio alla Desmosedici GP21, la moto che ha dominato la parte finale dello scorso campionato, gli ha permesso di migliorare in qualifica, ed è riuscito così a conquistare ben 3 vittorie nelle prime 7 gare.

La sua trionfale prima parte di stagione gli è già valsa una promozione. Carlo Pernat, manager di Enea, ha annunciato di aver raggiunto un accordo con la casa di Borgo Panigale per le prossime 2 stagioni. Bastianini correrà dunque con una Ducati ufficiale nei mondiali 2023 e 2024. Non solo, perché, indipendentemente dal team, gli sarà anche riservato un trattamento da ufficiale: potrà cioè usufruire degli sviluppi nello stesso momento dei piloti del team interno.

Per sapere con quale squadra Enea prenderà parte al mondiale 2023 occorrerà attendere ancora qualche settimana. Paolo Ciabatti, direttore sportivo di Ducati Corse, ha infatti dichiarato che la casa bolognese comunicherà i suoi alfieri per il campionato venturo tra la prossima gara del Mugello e quella di Assen.


Leggi anche: MotoGP | Novità dal mercato piloti: Jack Miller verso la KTM nel 2023


Bastianini si gioca una sella del team ufficiale con Jack Miller e Jorge Martin. Tutto però lascia pensare che ad oggi sia lui il favorito. Il pilota australiano è infatti diretto verso la KTM, mentre lo spagnolo si è reso protagonista di qualche errore di troppo in questo primo terzo di mondiale, complice anche alcuni problemi fisici.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari