MotoGP | GP Andalusia: Cronaca live dal circuito di Jerez. Quartararo vince la seconda gara di seguito

Seguite con noi il GP di Andalusia MotoGP grazie alla nostra cronaca LIVE. Fabio Quartararo vince davanti a Rossi e Vinales che completa un podio tutto Yamaha. Il dottore torna sul podio dopo ben 17 gare. Grande amarezza per Morbidelli e Bagnaia che hanno avuto problemi al motore.

fanpage.it

Dopo solo una settimana, si torna in pista per la seconda prova del campionato mondiale di MotoGP. Non prenderà il via della gara Marc Marquéz, ritiratosi dal GP durante le qualifiche. Per lo spagnolo il dolore al braccio rotto domenica scorsa si è dimostrato non sopportabile. Per rivedere in pista Marquéz bisognerà attendere il GP di Repubblica Ceca che si disputerà il 9 agosto.

Nel GP di Spagna, svoltosi sempre a Jerez settimana scorsa, ha trionfato Fabio Quartararo. Il francese ha dominato la gara dopo il primo errore di Marquéz. Dietro a lui è arrivato Maverick Vinales e un sorprendente Dovizioso.

La qualifica di ieri ci ha consegnato una griglia di partenza simile a quella di domenica scorsa. Quartararo ha conquistato la quarta Pole di fila seguito, ancora una volta, da Maverick Vinales. A chiudere la prima fila ci sarà Bagnaia, per la prima volta in prima fila nella classe regina. La seconda fila la apre Valentino Rossi che sembra aver trovato maggiore feeling con le gomme. Tuttavia, rimangono incognite sul suo passo gara. A chiudere la seconda fila ci sono Miguel Oliveira e Jack Miller. Qualifiche difficili per KTM che, dopo un venerdì e un sabato mattina al top, non hanno confermato le aspettative con Binder che partirà nono, e Pol Espargarò che, complice anche una caduta, partirà dodicesimo.

Cronaca live GP Andalusia


13:15 – Amici di F1inGenerale, benvenuti alla cronaca live del Gran Premio di Andalusia MotoGP. È da poco finita la gara di Moto2 che ha visto un podio composto da una fantastica tripletta italiana con Bastianini, Bezzecchi,  e Marini.

13:27 – Questo GP sarà la prima gara di MotoGP dal 2013 senza Marc Marquéz al via. Lo spagnolo, infatti, non ha mai saltato un GP dal suo debutto nella top class. Inoltre, Sarà il primo Gran Premio negli ultimi 15 anni con al via un solo campione del mondo. L’ultima volta era avvenuta al GP di Australia del 2005 in cui Valentino Rossi era l’unico campione del mondo al via grazie alla defezione di Kenny Roberts JR.

13:35 – I piloti iniziano a uscire dai box per schierarsi sulla griglia di partenza. Tra poco avremo le parole dei piloti a pochi minuti dalla partenza della gara.

13:44 – Tardozzi (Team Manager Ducati): “Pensiamo di esserci migliorati ma non sarà semplice essere tra i primi per via dei tempi compressi”.

13:46 – La maggior parte dei piloti monteranno la gomma dura al posteriore. Questo dovrebbe comportare dei tempi più alti all’inizio, ma meno cedimenti nella seconda metà della gara.

13:50 – Bagnaia (Ducati Pramac): “Le temperature sono estreme ma non siamo preoccupati. Abbiamo fatto di tutto per essere competitivi fino a fine gara”.

13:52 – Quartararo partirà con una gomma usata per 3 giri. In Petronas si aspettano così un minor surriscaldamento della gomma.

13:53 – Taramasso (Michelin) “Il rodaggio della gomma abbassa di 10°c la gomma. La scelta è motivata dalle alte temperature dell’asfalto registrate sul circuito nel corso di questo GP di Andalusia.”

13:58 – Inizia il giro di ricognizione. Al termine, il via al GP di Andalusia MotoGP.

14:00 – Si parte! Scatta bene Quartararo che passa davanti a tutti alla prima curva. Parte bene anche Rossi che si mette subito terzo. Cadono Oliveira e Smith.

1° giro – Scattato male Bagnaia. L’ex campione Moto2 si fa sorpassare da Rossi e da Miller.

1° giro – Lungo di Vinales alla 13. Lo spagnolo perde la posizione su Rossi e si trova insidiato da Miller.

2° giro – Bagnaia tenta il sorpasso su Miller alla 13 ma va lungo e subisce il sorpasso di Nakagami.

4° giro – In prima posizione troviamo Quartararo seguito da Rossi, Vinales, Miller e Bagnaia. Nona e decima le due Ducati ufficiali, Quattordicesimo Alex Marquéz

4° giro – Vinales sembra averne di più rispetto a Rossi. Lo spagnolo sta insidiando la posizione del dottore e potrebbe tentare il sorpasso sul rettilineo finale.

5° giro – Dovizioso attacca e supera Petrucci alla curva 1 prendendosi la nona posizione. nel mentre, Quartararo mette 2 secondi e mezzo da Rossi che sta creando un tappo.

6° giro – Se la lotta per la prima posizione è, attualmente, inesistente, si scatena la lotta per la seconda e la quarta posizione. Protagonisti di questi duelli sono Rossi e Vinales, e Miller con Bagnaia.

6° giro – alla tredici cade anche la seconda Tech 3 di Iker Lecuona. Oliveira, caduto alla prima curva, sta bene e non è stato neanche trasportato alla clinica mobile.

7° giro – All’ultima curva arriva il sorpasso di Morbidelli su Nakagami. L’italiano conquista la sesta posizione.

8° gito – Binder si prende la 19° posizione superando Smith. Nel mentre insorgono problemi sulla moto di Vinales che viene avvicinato dalle Ducati.

9° giro – Cade Aleix Espargaro. Il pilota sta bene e si è alzato sulle sue gambe. Super Bagnaia che supera Miller e Vinales prima di andare lungo e ricedere la posizione al pilota Yamaha.

10° giro – Nello stesso punto del giro precedente, Vinales stacca forte e va lungo regalando la terza posizione a Bagnaia.

11° giro – Continua il crollo delle prestazioni di Vinales. Alla prima curva viene superato anche da Miller e, poco dopo, anche da Morbidelli.

11° giro – Alla nove entra forte Miller a cui gli si chiude l’anteriore e scivola. Gara finita per lui.

12° giro – Bagnaia supera Rossi prendendosi addirittura la seconda posizione. Nello stesso giro cade Petrucci che si trovava nono.

13° giro – Rossi inizia a soffrire sulle gomme. Dopo aver perso la posizione su Bagnaia, ora è insidiato da Franco Morbidelli.

14° giro – Caduta per Binder che subisce un forte High Side in curva 5. Nonostante gli sia arrivata addosso la moto, il sudafricano sta bene.

15° giro – Quartararo si è attestato su un vantaggio di 4 secondi e mezzo. Dietro di lui Bagnaia, Rossi, Morbidelli, Vinales, Nakagami, Mir e Dovizioso.

16° giro – La gara si sta tranquillizzando, con distacchi e posizioni abbastanza cristallizzate.

17° giro – COLPO DI SCENA! Sul rettilineo la moto di Morbidelli si guasta e rallenta vistosamente. Per il pilota del team Petronas è ritiro.

18° giro – Pit stop per Crutchlow. L’inglese, che ha subito un operazione chirurgica in settimana, stava girando in ultima posizione.

19° giro – Riprende la crisi della gomma posteriore di Rossi che è costretto a tirare delle forti staccate per tenersi distanziato da Vinales.

19° giro – Esce tanto fumo dalla moto di Bagnaia. Quasi sicura la rottura del motore del ducatista che sta spargendo olio sulla pista. Nel mentre Vinales tira la staccata su Rossi alla 13 ma va lungo e Rossi si tiene la terza posizione.

20° giro – Si ritira Bagnaia. Il fumo era dovuto all’olio che usciva dalla marmitta. Fortunatamente l’olio che usciva era già bruciato e non ha creato rischi per i piloti.

21° giro – Continua il duello tra Rossi e Vinales. Lo spagnolo è più veloce in percorrenza ma Rossi non demorde e, grazie a delle super staccate, riesce a tenersi alle spalle Vinales.

22° giro – Vittoria in tasca per Quartararo che, grazie alla rottura del motore di Bagnaia, ha un vantaggio di ben 8 secondi sul duo Rossi-Vinales.

23° giro – Vinales tenta l’attacco a Rossi alla quattro ma, ancora una volta, Rossi tira una staccata folle che gli permette di tenere molto lontano Vinales.

24° giro – Rossi in grossa difficoltà, il pesarese non ha più gomma al posteriore.

24° giro – Vinales supera Rossi alla 12. Il dottore non demorde e si tiene vicino per superarlo alla 13 nell’ultimo giro. Nel mentre si avvicina Nakagami.

25° giro – Fabio Quartararo VINCE il Gran Premio di Andalusia. Seconda posizione per Vinales. Chiude il podio Valentino Rossi.

15° giro – Quarta posizione per la migliore Honda di Nakagami, quinto Mir, sesto un impalpabile Dovizioso, settimo un deludente Pol Espargaro. Buon risultato finale per Alex Marquéz che si classifica ottavo, tenendosi dietro piloti esperti come Zarco, l’infortunato Rins, Rabat, Smith e Crutchlow.

14:47 – Termina qui la cronaca live del GP di Andalusia MotoGP. Continuate a seguire F1inGenerale per avere la trascrizione delle dichiarazioni dei piloti a podio. L’appuntamento con le gare del motomondiale è per il 9 agosto con il GP di Repubblica Ceca.

Seguici su Telegram

MotoGP | GP Andalusia – Sintesi gara: spettacolo Yamaha, vince Quartararo davanti a Vinales e Rossi

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico