MotoGP | GP Aragon – Sintesi gara: prima vittoria per Bagnaia

Il torinese piega Marc Marquez per ottenere la prima vittoria in MotoGP al GP di Aragon. Sul podio anche Mir, davanti ad Espargaro.

MotoGP GP Aragon

Prima vittoria per Francesco Bagnaia in MotoGP al GP di Aragon, e che vittoria! Il pilota Ducati finalmente si prende il gradino più alto del podio dopo un corpo a corpo estenuante con Marc Marquez, secondo al traguardo. Lo spagnolo ha provato per tre giri consecutivi ad attaccare Bagnaia, ma è sempre andato troppo largo, fino al fatidico attacco dell’ultimo giro alla curva 12. Marquez lungo per l’ennesima volta e finalmente arriva il primo sigillo iridato per Bagnaia in classe regina. Terza posizione per Joan Mir.

Fuori dal podio un superlativo Aleix Espargaro, che arriva vicino al secondo podio consecutivo per Aprilia, ma si accontenta del 4° posto. Chiude la top 5 Jack Miller, che ha corso metà gara in terza posizione, ma un errore all’ultima curva lo ha relegato in quinta posizione. Altra super prestazione è quella di Enea Bastianini: il rookie di casa Esponsorama Racing conquista un sudatissimo 6° posto dopo una gara in rimonta e piena di bagarre.

Settima posizione per la KTM di Brad Binder, che precede Fabio Quartararo, in difficoltà fin dai primi giri della corsa, ma comunque si porta a casa un’ottima ottava posizione in ottica mondiale. Chiudono la top 10 Jorge Martin e Takaaki Nakagami.

Unidcesimo Iker Lecuona, che ha corso una prima parte di gara di grandissimo livello, fino ad un errore ingenuo verso la fine della gara che lo ha relegato fuori dai 10. Alex Rins non va oltre il 12° posto dopo una qualifica orribile. Pol Espargaro è 13°, davanti alla coppia KTM di Miguel Oliveira e Danilo Petrucci, che si porta a casa un punto.

Cal Crutchlow è appena fuori dai punti, davanti ad un opaco Johann Zarco, Maverick Viñales, Valentino Rossi e Luca Marini 20° e ultimo.

Sintesi della gara

Semaforo verde! Bagnaia tiene la testa, ma parte benissimo Marc Marquez. Lo spagnolo è già in seconda posizione. Brutta partenza per Quartararo, ora 6° con Martin alle spalle. Intanto cade Alex Marquez, a terra pure stamattina nel corso del Warm-Up. A terra anche Jake Dixon, che chiude qui la sua esperienza in MotoGP.

Giro veloce per Miller: l’australiano cerca di ricucire il gap dal duo di testa. Marquez suona la carica: giro veloce ed ora è incollato a Bagnaia. Nel frattempo un super Lecuona supera Quartararo, ora 8° e sempre più in difficoltà. Il francese perde la posizione anche su Binder, ora è sotto attacco da Bastianini.

Bagnaia e Marquez cercano lo strappo: entrambi hanno girato circa mezzo secondo più forte degli inseguitori. Errore per Miller, che finisce largo all’ultima curva e perde due posizioni da Espargaro e Mir. Proprio il #36 un paio di curve dopo si mangia l’Aprilia e sale virtualmente sul podio.

Attacco di Bastianini ai danni di Quartararo, che finisce leggermente lungo e prova a resistere all’esterno dell’ultima curva. Il francese resiste poi alla prima curva, finendo oltre i limiti della pista: ne approfitta Nakagami, che passa l’italiano di casa Esponsorama, salvo poi riprendersi la posizione sul nipponico il giro successivo.

Errore per Lecuona: lo spagnolo arriva lungo e perde molte posizioni, ora è 10°. Intanto a centro gruppo finalmente Bastianini passa Quartararo per la 8^ posizione.

Primo attacco di Marquez. Con tre giri alla fine della gara lo spagnolo prova ad infilare il torinese in curva 5, salvo poi finire largo. Altro attacco dello spagnolo prima del rettilineo, ma la Ducati incrocia bene per resistere. Marquez ci riprova in curva 5 il giro successivo, ma ancora nulla da fare.

Attacco in curva 1 di Marquez, che finisce ancora lungo. Stessa storia alla 5, con Pecco che resiste. Ancora Marquez alla 12, fuori dai limiti della pista, ormai è fatta. Bagnaia vince ad Aragon! Sul podio Marquez e Mir.

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

Moto2 | GP Aragon – Sintesi Gara: Fernandez vince nonostante l’infortunio! Out Bezzecchi

Aggio Valentino

19 anni, amante di MotoGP e Superbike.