Pubblicato il 5 Aprile, 2021 alle 20:13

MotoGP | GP Doha – Joan Mir parla del contatto con Miller: “Manovra pericolosa e intenzionale”

Joan Mir, dopo la gara, ha espresso il suo giudizio sul contatto avvenuto con il ducatista Jack Miller. “Manovre come queste sono oltre il limite. Jack non ha avuto rispetto e va sanzionato.”

Foto: Team Suzuki Ecstar Twitter

Non un grande week-end quello del GP di Doha per Joan Mir e Jack Miller, che, nel corso del tredicesimo giro, si sono resi protagonisti di un contatto, avvenuto all’uscita dell’ultima curva. L’australiano ha colpito la Suzuki del campione del mondo spagnolo, creando una situazione che poteva provocare una tremenda caduta a più di 200 km/h.

Le scaramucce tra i due erano cominciate già nelle curve precedenti, quando Mir, durante un tentativo di sorpasso in curva 10, non è riuscito ad evitare la Ducati di Miller che ha dovuto allargare la traiettoria.

Per entrambi i piloti il GP di Doha è stato negativo. Miller ha terminato in nona posizione mentre Mir in settima, entrambi a circa cinque secondi dal vincitore Quartararo. Lo spagnolo e l’australiano si sono resi protagonisti di una discussione iniziata in pista e terminata nel dopo gara ai microfoni dei giornalisti.

Le dichiarazioni di Joan Mir

Joan Mir ha spiegato la situazione che ha portato al contatto tra lui e Miller in uscita dall’ultima curva. Secondo il campione spagnolo la manovra di Miller è intenzionale e poteva causare un grave pericolo per i due piloti. “Quello che è successo con Jack è che curva 10 era l’unico punto in cui potevo sorpassare. Mi sono messo nella posizione giusta ma lui ha deciso di resistere all’esterno.”

“Ci siamo toccati e ho rialzato la moto. Sapevo che la manovra sarebbe stata rischiosa ma non sono andato oltre il limite. Per me era ok. Gli ho comunque chiesto scusa muovendo la gamba perché non sono riuscito ad evitarlo.”

“Nel corso dello stesso giro sono arrivato lungo all’ultima curva e, quando sono ritornato in traiettoria, ho visto Jack che aveva mosso la testa come se mi avesse visto. Sono salito sul cordolo e lui si è mosso verso di me. In quel momento ci siamo toccati.”

“Per poco non cadevamo entrambi sul dritto. Penso che sia stata una manovra troppo rischiosa e pericolosa. Penso che sia stata intenzionale. Se avete tempo guardate che cosa è successo tra me e Aleix Espargaro e confrontatelo con quello che è accaduto tra Jack e me. Aleix è uscito di traiettoria all’ultima curva, mi ha visto ed è rimasto fuori dalla linea ideale. Non l’ho colpito perché rispetto i miei avversari. Penso che Jack, in questo caso, non abbia avuto rispetto. È successa la stessa cosa con piloti differenti, si possono fare delle considerazioni.”

Il pilota della Suzuki ha espresso la sua opinione riguardo alla possibilità di infliggere una penalità a Jack Miller. “Penso che la squadra valuterà se fare ricorso o no. Sicuramente la manovra andrebbe investigata perché queste cose in MotoGP sono oltre il limite. Se la sua mossa è stata intenzionale come ho detto, Jack si merita una penalità. Se non lo ha fatto apposta allora no, ma penso che quando ha mosso la testa mi abbia visto perfettamente.”  

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

 

MotoGP | GP Doha – Le parole di Jack Miller: ” Con Mir cose che succedono, fosse stato irregolare mi avrebbero squalificato!”

Disqus Comments Loading...