MotoGP | GP Emilia Romagna – le parole di Bastianini: “il ritmo finale mi ha aiutato a superare Fabio. A Portimao posso pensare alla vittoria”

È un Enea Bastianini felice, ambizioso, ma che fa anche autocritica nel post gara del GP dell’Emilia Romagna MotoGP. Il pilota Avintia, classificatosi terzo sul traguardo, si è detto felice del piazzamento e della prestazione, ma scontento per le difficoltà e gli errori commessi nella gestione del lavoro nel venerdì. Tuttavia, non ha celato l’ambizione di andare oltre al podio nel prossimo round.

Bastianini GP Emilia Romagna
Foto: profilo Twitter @eneabastianini

Il weekend del GP dell’Emilia Romagna è stato un weekend travagliato per Enea Bastianini che, dopo due giorni difficili, oggi ha saputo fare una grande rimonta, sorpassando anche il neo Campione del Mondo Fabio Quartararo.

Dopo un venerdì difficile, passato nelle retrovie, il sabato mattina di Enea era stato migliore, con il pilota che aveva dimostrato maggiore confidenza sul bagnato. Le condizioni di tracciato miste delle Qualifiche lo hanno, però riportato nelle posizioni meno nobili, non riuscendo a qualificarsi per il Q2, e chiudendo con il sedicesimo tempo. In Gara, dopo una prima metà di gara sofferta, ha avuto un forte miglioramento che, in pochi giri, lo ha portato al margine del podio e, nelle ultime curve, a conquistarlo con un sorpasso magistrale su Quartararo.

Le parole di Bastianini

Al parco chiuso: “Mi sento strano, dopo le qualifiche pensavo fosse impossibile fare bene in gara. Ho spinto molto e nell’ultima parte di gara ho avuto un passo niente male, un po’ come alla prima di misano. È stato incredibile. Dopo che è caduto Pecco sono salito in quarta posizione e, quando ho visto fabio vicino mi sono detto che dovevo andare al limito per prenderlo e all’ultimo giro c’è l’ho fatta e ho chiuso terzo. Per me è stato un podio incredibile.”

Ai microfoni di Sky:  “Devo dire che non mi aspettavo il podio. Però alcune sfortune altrui e un mio buon ritmo sul finale mi hanno permesso di arrivarci. Gli ultimi tre giri sono stati tosti perché Fabio, nonostante sapeva di essere ormai Campione del Mondo, spingeva forte e ho fatto fatica a prenderlo. All’ultimo giro sono riuscito a passarlo e direi che abbiamo fatto un’ottima gara. Mi piacerebbe partire più avanti, però ancora le condizioni del bagnato non sono le mie preferite. Il mio problema è il venerdì dove non riesco a essere veloce subito e, forse, perché faccio stint troppo corti. Dalla prossima volta cercheremo di cambiare la tabella del lavoro. Qui a Misano il tempo non mi ha aiutato e ho fatto tanta fatica in condizioni miste. Ieri sono caduto tre volte e mi sono abbastanza depresso. Portimao mi piace molto, ma non sono stato molto veloce alla precedente gara. Ora, però, sono maturato e riesco a capire subito su quale ambiente della moto lavorare per essere veloce. Credo sarà diverso da inizio stagione. A Valencia non posso sicuramente pensare di vincere perché non amo la pista. Il potenziale finale era il massimo possibile. All’inizio avevo le gomme surriscaldate per via della bagarre con tanti piloti e soffrivo nelle curve a sinistra.”

Seguici su Telegram

 

Moto2 | GP Emilia Romagna – Sintesi Gara: Doppietta Marc VDS con Lowes e Fernandez. Cadono Raul Fernandez e Bezzecchi

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico