MotoGP | GP Emilia Romagna – Sintesi FP3: A Zarco la migliore prestazione assoluta. Bagnaia e Quartararo non si qualificano per il Q2

Una terza sessione di Prove Libere, corsa su una pista ancora umida, premia Johan Zarco e le Ducati. La casa di Borgo Panigale schiera due moto nelle prime tre posizioni. Il terzo tempo va a Miguel Oliveira. Dovranno passare, invece, dal Q1 i due in lotta per il titolo. Bagnaia si qualifica con l’undicesimo  tempo, Quartararo con il quattordicesimo.

FP3 Emilia Romagna MotoGP
Credit: Twitter

La MotoGp arriva alle FP3 del GP dell’Emilia Romagna con la consapevolezza che il Mondiale può essere deciso in questo weekend. La classifica generale, infatti, vede Fabio Quartararo in vantaggio di cinquantadue punti su Pecco bagnaia. Il pilota piemontese, per tenere aperto il mondiale, dovrà raccogliere almeno tre punti in più del francese di Yamaha. Bagnaia, però, non deve sbagliare per essere sicuro di mantenere quantomeno la terza posizione. infatti, Joan Mir si distacca di soli ventisette punti dal pilota di Chivasso.

Questo weekend vede sia Ducati, sia Aprilia schierare tre piloti in griglia. Ducati ha mandato in pista il collaudatore Michele Pirro, mentre Aprilia, che rabbraccia Vinales dopo la tappa in Texas, schiererà anch’ella il collaudatore Lorenzo Savadori.

Il venerdì di prove libere è stato ampiamente condizionato dalla pioggia caduta sul circuito romagnolo per quasi tutta la giornata. Le FP1, corse in condizioni di bagnato pesante, hanno visto Johan Zarco cogliere il miglior tempo in 1.42.374, facendo meglio di Marc Marquez e Jack Miller, suoi diretti inseguitori nella classifica generale. Bagnaia è stato il migliore dei primi tre in classifica generale con il sesto tempo, precedendo Mir con il decimo tempo e Quartararo con il diciottesimo.

La seconda sessione di Prove Libere, corsa con condizioni quasi intermedie, ha visto Jack Miller cogliere il miglior tempo in 1.41.305 davanti a un riconfermato Zarco e Aleix Espargaro. Bagnaia ha chiuso con l’ottavo tempo, Mir con l’undicesimo e Quartararo con il sedicesimo. In tutta la giornata hanno fatto bene i piloti italiani, con Morbidelli apparso nuovamente in forma nelle FP1. Anche Marini e Savadori hanno ben figurato, entrando in top ten nelle FP2.

FP3 Emilia Romagna MotoGP
motogp.com

Sintesi FP3 GP Emilia Romagna MotoGP


Anche la terza sessione di Prove Libere non si è corsa in condizioni ottimali. Infatti, la pista è risultata nuovamente umida per via di una leggera pioggia. Inoltre, sulla pista di Misano è scesa una forte foschia che non ha permesso alle temperature di salire. Infatti, le FP3 del GP dell’Emilia Romagna MotoGP si è corsa con temperature di 15°C per l’atmosfera, e di 14°C per l’asfalto.

Per l’ultimo GranPremio in Italia di Valentino Rossi, il Dottore correrà con un modello speciale del suo casco, presentato a pochi minuti dall’inizio della sessione.

Nei primi minuti non si sono registrati tempi interessanti, con la maggior parte dei piloti in casco grigio dopo le prestazioni degli ultimi minuti di FP2 in cui la pista andava ad asciugarsi. Inoltre, dopo cinque minuti di sessione. Savadori cade alla Variante del Parco e viene portato via in barella. A preoccupare è la condizione della sua caviglia sinistra che da tempo gli da problemi. Il pilota, pochi minuti dopo, è stato trasferito al centro medico per alcuni controlli.

I primi caschi gialli si sono accesi dopo dieci minuti dall’inizio. Quartararo segna un tempo migliore del suo sedicesimo nel T1, mentre Bagnaia si migliora sul traguardo e passa con il quinto tempo. Negli stessi secondi, Oliveira accende un casco rosso al T1, prima di perdere sei decimi sul traguardo. Tale ritardo, però, gli vale comunque il secondo miglior tempo del weekend. Pochi attimi dopo è Marc Marquez a salire in terza posizione. Quartararo, invece, fatica a staccarsi dalla diciassettesima posizione.

Nel giro successivo è Marquez che si porta secondo, mentre Pirro sale fino alla terza posizione. Nel quarto giro si sblocca anche Quartararo che, in 1.42.449, prende il decimo miglior tempo.

Al primo quarto d’ora cade Michele Pirro alla Misano Due. Il tutto mentre Bagnaia torna in quinta posizione, Mir passa da decimo a primo con dieci centesimi di vantaggio su Miller che passa sul traguardo in 1.41.203, migliora il tempo dello spagnolo di Suzuki di un decimo.

Tre minuti più tardi cade Rins che subisce un high side in percorrenza della semicurva numero tredici del tracciato romagnolo. Il pilota si è subito rialzato e ha preso la strada del paddock su un motorino. A metà sessione, due minuti dopo la caduta dello spagnolo, Bagnaia si porta in prima posizione in 1.41.160. Dopo il passaggio del Ducatista, la classifica era la seguente: Bagnaia, Miller, Martin, Mir, M. Marquez, Zarco, Marini, Lecuona, Oliveira e Petrucci con il virtuale pass per il Q2, mentre rimanevano esclusi Pirro, Quartararo, P. Espargaro, A. Espargaro, A. Marquez, Rins,  Savadori, Binder, Bastianini, Morbidelli, Dovizioso e Nakagami.

Poco dopo che Bagnaia coglie la miglior posizione, Oliveira, in 1.41.137, lo scalza dalla vetta della classifica dei tempi. Nel giro successivo, Oliveira si migliora nuovamente, abbassando il riferimento di ulteriori tre decimi. Un ulteriore giro dopo, il pilota portoghese viene scaricato a terra in percorrenza della Misano Uno. Martin, passato poco dopo sul traguardo, segna il secondo tempo, con un ritardo di soli otto millesimi sulla migliore prestazione.

Nel giro successivo, Martin batte il tempo di Oliveira di tre decimi, girando  in 1.40.471. Dopo qualche minuto di calma, i piloti sono scesi nuovamente in pista con gomme nuove per fare l’ultimo attacco al tempo negli ultimi dieci minuti di sessione. Il primo importante tempo lo segna Morbidelli che sale in ottava posizione. Un minuto più tardi, Marc Marquez che, con gomma già usata, passa sul traguardo completando il terzo miglior tempo, dietro solo a Martin e Oliveira.

A sette minuti dal termine, Zarco sale in seconda posizione e, a completare un virtuale terzetto Ducati, Miller segna il terzo miglior tempo. A cinque minuti dal termine, la classifica era la seguente: Martin, Zarco, Miller, Oliveira, M. Marquez, Bagnaia, Mir, Lecuona, Morbidelli, Pirro, Marini, Petrucci, P. Espargaro, Binder, Quartararo e Vinales.

Zarco, in 1.40.384, si riprende la vetta della classifica dei tempi, mentre Quartararo, con una gomma usata da oltre venticinque giri, transita con il decimo tempo che, tuttavia, viene scalzato poco dopo da Danilo Petrucci.

La sessione termina con Aleix Espargaro e Luca Marini che entrano in top ten con l’ottavo e decimo tempo.  Questi due miglioramenti in classifica estromettono clamorosamente Bagnaia da Q2 e lo condannano a passare dalle force caudine del Q1 insieme a Quartararo. Il francese, nonostante i costanti tentativi, non riesce ad andare oltre al quindicesimo tempo.

Dunque, con il tempo di 1.40.384, Johan Zarco segna il miglior tempo delle FP3 del GP di Emilia Romagna MotoGP, precedendo Martin, Miller, Oliveira, M. Marquez, P. Espargaro, Morbidelli, A. Espargaro, Petrucci e Luca Marini. Questi sono i piloti che oggi pomeriggio si batteranno per la Pole Position del Gran Premio dell’Emilia Romagna classe MotoGP. Insieme a questi dieci, si uniranno due piloti tra: Bagnaia, Mir, Pirro, Lecuona, Quartararo, Binder, Vinales, Bastianini, A. Marquez, Nakagami,  Rins e Dovizioso. Rimane in dubbio la presenza di Luca Savadori, per cui si teme la frattura della clavicola.

La MotoGP tornerà in pista dalle 13:30 per le FP4 del GP dell’Emilia Romagna.

 

 

Seguici su Telegram

MotoGP | UFFICIALE! Sepang Racing Team cambia nome e diventa RNF Racing. WithU nuovo sponsor al posto di Petronas

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico