MotoGP | GP Francia – Sintesi Gara: Bastianini trionfa in solitaria, davanti a Miller e A. Espargarò. Ennesima caduta per Bagnaia

Enea Bastianini torna a vincere nel GP di Francia MotoGP. Il pilota del team Gresini precede Miller e Aleix Espargarò. Bagnaia cade mentre era in seconda posizione e butta al vento un podio made in Borgo Panigale.

GP Francia MotoGP
Credit: Twitter

La MotoGP arriva al culmine del weekend del GP di Francia con la gara. La tappa francese ha movimentato ulteriormente una classifica generale che rimane ancora molto corta. Prima della gara, Quartararo comandava con ottantanove punti, di cui sette in vantaggio su Aleix Espargarò. Più lontani, a tredici punti, Bastianini e Rins che, a loro volta, godono sempre di tredici punti su Bagnaia e Mir, fermi a quota cinquantasei.

Il weekend è iniziato con una miglior prestazione in FP1 per Pol Espargarò che, però, non ha saputo poi dare seguito a questi risultati. A inseguirlo nella classifica della prima sessione di Prove Libere Rins e Bagnaia che, invece, si sono confermati tra i protagonisti anche nelle sessioni successive. Quartararo ha colto il quarto tempo, mentre Marquéz non ha fatto meglio del tredicesimo crono.

La sessione pomeridiana del venerdì ha visto un acuto di Bastianini che, in 1.31.148, coglie il miglior tempo, davanti ad Aleix Espargarò e Rins. Bagnaia ha nuovamente preceduto Quartararo con la quinta posizione, mentre Pol Espargarò conclude con il tredicesimo crono e precedendo il compagno di squadra Marquéz.

Le FP3 del sabato mattina hanno visto un uno-due tutto Ducati. Zarco si è classificato primo in 1.30.570, davanti a Bagnaia e Quartararo.Marc marquéz è riuscito ad emergere con il quarto tempo. Aleix ha chiuso con il sesto crono, Rins con l’ottavo, Pol con il nono e Bastianini ha concluso con il tredicesimo.

Le Qualifiche hanno premiato Ducati e i due ufficiali. Bagnaia e Miller partono dalle prime due caselle, affiancati dall’Aprilia di Aleix Espargarò. Alle spalle dei primi tre scattano Quartararo, dato per favorito insieme al Poleman, Bastianini e Zarco. Terza fila per le due Suzuki di Mir e Rins, più la Ducati di Martìn. Quarta fila tutta Honda con le due ufficiali e Nakagami.

Sintesi GP Francia MotoGP


14:46 – La classifica generale vede Quartararo condurre ancora con centodue punti, seguito da A. Espargarò a novantotto e Bastianini a novantaquattro. Rimane quarto Rins a trentatre punti. Rins, come Bagnaia e Mir, perdono terreno dal vertice.

14:45 – Concludono la top ten Quartararo, Zarco, M. Marquéz, Nakagami, B. Binder, Marini e Vinales. Qualche punto per P. Espargarò, Bezzecchi, Di Giannantonio, A. Marquéz e Morbidelli.

motogp.com

14:43 – Terza vittoria stagionale per Bastianini in questo 2022. Il pilota di Gresini precede l’ufficiale Miller e Aleix Espargarò.

Ultimo giro – Bastianini inizia l’ultima tornata in solitaria, mentre Quartararo prova le ultime disperate mosse per sopravanzare la RS-GP di Aleix Espargarò. Dopo un timido tentativo in approccio alla tredici, Quartararo si arrende e consegna la scena a Enea Bastianini che VINCE il GP di Francia MotoGP!

Giro 26 – Bastianini, con il risultato in cascina, non si ferma e porta a tre secondi il vantaggio su Miller. Zarco, invece, finisce la gomma e arriva a perdere quasi sei secondi da Quartararo.

Giro 25 – Se Quartararo sta dando l’anima, A. Espargarò si sta difendendo da gran professionista. In uscita della tre Oliveira perde il posteriore e cade rimanendo nella traiettoria di Bezzecchi che lo evita per poco.

Giro 24 – Quartararo sta dando il tutto per tutto per andare a prendere la quarta posizione, spingendo oltremodo sulla sua M1.

Giro 23 – Con la caduta di Bagnaia, Bastianini si trova al comando con oltre due secondi e mezzo su Miller che, a sua volta, gode di un secondo e quattro su Aleix Espargarò che vive costantemente braccato da Quartararo. Zarco, liberatosi da Marquéz qualche giro fa, si trova con un passivo di quattro secondi e tre sul suo connazionale di Yamaha.

Giro 21 – DISASTRO BAGNAIA! Bastianini fa la staccata della vita alla tre e, prendendo l’interno di Bagnaia che rimane spiazzato.

Il pilota di Chivasso si rifà alla cinque ma, alla otto, va lungo e fa un Long Lap Penalty gratuito che apre la strada a Bastianini. Il giro nero del pilota italiano termina alla dodici dove pinza troppo i freni e viene scaricato definitivamente a terra.

Giro 20 – Arriva a due secondi il vantaggio dei primi due. Quartararo, forse, risolve i suoi problemi e si riporta sullo scarico dell’Aprilia dello spagnolo che perde tre decimisu Miller che, ora, gode di un secondo sull’inseguitore.

Giro 19 – I primi due, girando sul trentadue e zero, portano a due secondi il vantaggio su Miller. Quartararo, dopo aver minacciato la quarta posizione di Aleix, ha iniziato a soffrire e non è poi riuscito a tentare un nuovo attacco.

Giro 18 – in staccata alla nove del giro precedente cade Martìn che termina anzitempo la sua gara. Infatti, nonostante il pilota non ha subito conseguenza, sulla sua Desmosedici si è manifestato un principio d’incendio.  Espargarò, con la sua Aprilia, si porta a sei decimi da un Miller sempre più lontano dai primi due.

Giro 17 – Marquéz, dopo aver perso contatto da Quartararo, è retrocesso fino a essere sorpassato anche da Zarco alla cinque. Ora, lo spagnolo scende in settima posizione

Giro 16 – I primi tre tornano ad avere un secondo e due di vantaggio sulla coppia formata da Aleix Espargarò e Quartararo. Nel mentre, i primi due iniziano a dare una parvenza di fuga sull’australiano in terza posizione.

Giro 14 – Bagnaia si porta a mezzo secondo da Bastianini e Miller. L’australiano, dopo essere stato sorpassato dal pilota Gresini, non è riuscito a mantenere un ritmo valido per tentare il contrattacco. Alla tredici Mir viene scaricato a terra dopo aver toccato il cordolo all’interno della curva. In questo modo, il diretto inseguitore del trio Ducati è Aleix Espargarò.

Giro 13 – Gara molto ordinata sul circuito Bugatti. Infatti, dopo i primi giri molto convulsi, la gara è diventata molto tranquilla e ordinata.

Giro 12 – Bastianini continua a rimanere attaccato a Miller. L’attacco del pilota Gresini arriva in percorrenza della otto. Con questa bagarre, i primi cinque si compattano, con Quartararo a sei decimi da A. Espargarò.

Giro 11 – Sul traguardo la classifica è la seguente: Bagnaia, Miller, Bastianini, Mir, A. Espargarò, Quartararo, M. Marquéz, Zarco,  Nakagami, Martìn, B. Binder, Oliveira, P. Espargarò, Marini, Di Giannantonio, A. Marquéz, Vinales e Morbidelli.

Giro 10 – Bastianini si mette a francobollo sul posteriore di Miller che viene chiamato costantemente a staccare profondo.

Giro 9 – I primi tre portano a un secondo e due il vantaggio su un Mir in difficoltà e che, verosimilmente, ha anche sbagliato qualcosa.

Ottavo giro – Aleix, dopo essere stato quasi sorpassato da Quartararo, ha ritrovato il ritmo e ha rimesso cinque decimi tra sé e il Campione del Mondo in carica.

Giro 7 – Mir fatica a tenersi alla coda delle tre Ducati di testa. Fernandéz, alla sei, pone fine anzitempo al weekend di gara del team Tech3.

Giro 6 – Liberatosi di Marquéz, Quartararo si riporta su Aleix Espargarò che, alla sette, subisce un forte suquotimento. Bastianini, invece, rosicchia qualcosa sulla coppia di testa portandosi dietro anche Mir.

Giro 5 – Bagnaia segna il giro veloce in 1.31.778. Quartararo, invece, supera un Marquéz in difficoltà dopo una partenza a missile.

Giro 4 – Sul traguardo la top ten era la seguente: Miller, Bagnaia, Bastianini, Mir, A. Espargarò, Quartararo, M. Marquéz, Nakagami, Zarco e B. Binder. Alla curva sette Bagnaia infila Miller e si prende la vetta. Più indietro, nelle retrovie, cade Gardner che viene portato fuori dalla pista con l’ausilio dei marshall.

Giro 3 – Bagnaia fa il giro veloce in 1.31.894. Mentre alla curva uno Rins va lungo come Zarco nelle FP1 e, rientrato in pista in uscita dalla quattro, viene scaricato a terra al contatto con l’asfalto. Il pilota è successivamente rimontato in sella. Bagnaia, nel T4, chiude su Miller e si mette nei suoi scarichi.

Giro 2 – Errore alla tre per Nakagami che va lungo e rientra nono. Partito bene, invece, Marquéz, che transita per la prima volta sul traguardo in settima  posizione. Miller arriva a mezzo secondo sulla Ducati del compagno di team.

14:00 PARTITI! Allo scatto partono bene le due Ducati, con Bastianini che sale secondo alla tre e A. Espargarò viene risucchiato dal gruppo, ritrovandosi in settima posizione dietro a Mir. Miller transita primo alla curva 8, con Bastianini e Bagnaia alle sue spalle. Nella stessa curva Bastianini perde la posizione su Bagnaia e Rins. Parte malissimo anche Quartararo che, al termine del primo giro, si trova in nona posizione.

13:58 – Inizia il giro di ricognizione. Al termine, il via del GP di Francia MotoGP. le condizioni sulla pista francese sono di asciutto e la pioggia non dovrebbe fare capolino sul circuito Bugatti. Il cielo è sereno, con temperature di 29°C per l’atmosfera e di 37°C per quanto concerne l’asfalto.

13:55 – Michelin ha fornito la scelta delle gomme per i piloti in pista.  Soluzione comune per tutti quella della soft sull’asse posteriore.

Immagine

13:53 – torniamo alla pista, ricapitolando la griglia di partenza grazie al tweet del profilo ufficiale MotoGP.

13:52 – Questa di Miller è solo l’ultima delle notizie sorprendenti di queste ultime due settimane. Infatti, nel corso delle ultime due settimane sono arrivate le voci e la conferma del ritiro di Suzuki dalla MotoGP a partire dal 2023. Questo terremoto ha anche innescato che vedono Mir prossimo alla Honda al posto di Pol Espargarò

13:50 – Amici di F1inGenerale, buon pomeriggio e benvenuti alla Cronaca LIVE del GP di Francia classe MotoGP. Negli ultimi minuti è subito emersa una voce di mercato che vedrebbe Miller diretto in KTM al posto di Oliveira o, nel caso di permanenza del portoghese, in Tech3 al posto di Raùl Fernandéz che sarebbe sul punto di lasciare il marchio austriaco.

Seguici su Telegram

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico