MotoGP | GP Germania – Oliveira: “Oggi Marquez era il più veloce”

Miguel Oliveira conclude il GP di Germania al secondo posto dopo un duello a suon di giri veloci con Marc Marquez. Il portoghese della KTM conferma il suo ottimo stato di forma con il terzo podio consecutivo.

Oliveira GP Germania
Foto: KTM Factory Racing Twitter

Miguel Oliveira non si ferma nemmeno al GP di Germania. Il pilota portoghese della KTM ha ottenuto il suo terzo podio consecutivo in questa stagione, portando a casa un grandissimo secondo posto.

Nel giorno in cui Marc Marquez torna alla vittoria dopo essere rientrato dall’infortunio di Jerez 2020, Oliveira si riconferma uno dei piloti più talentuosi del paddock. Il #88 è l’unico pilota ad essere riuscito a tenere testa all’otto volte iridato della Honda. Tra i due è andato in scena un bellissimo duello a distanza a suon di giri veloci.

Il pilota della KTM non è riuscito ad essere veloce come Marquez nel momento in cui alcune gocce di pioggia hanno iniziato a cadere sulla pista. Questo ha creato quel margine che Oliveira non è più riuscito a ridurre, nonostante il passo del #88 fosse, in alcuni tratti del tracciato, migliore di quello dello spagnolo.

Nelle fasi finali di gara, Oliveira ha rallentato il suo ritmo, scegliendo di portare a casa un altro risultato sul podio. Il secondo posto nella tappa tedesca è il terzo piazzamento consecutivo nella top 3 per il pilota portoghese che, dal Mugello, grazie anche alle novità tecniche introdotte sulla sua RC16, sta attraversando uno straordinario periodo di forma che gli permette di essere sempre tra i contendenti alla vittoria.

Le dichiarazioni di Miguel Oliveira

Il portoghese della KTM è soddisfatto della sua prestazione al termine della gara in cui ha lottato ad armi pari con Marc Marquez che su questa pista ha vinto ben undici volte.

“In questa gara abbiamo quasi giocato al gatto con il topo. Visivamente mi sembrava di non guadagnare niente. La gara è stata molto interessante. Io e Marc abbiamo fatto una bagarre tra di noi, abbiamo lottato sul distacco. Mi piace tantissimo aver lottato con lui qui al Sachsenring. Sono contentissimo per questo nuovo podio. Spero di continuare così. Insieme al team e ai ragazzi a casa continueremo a fare del nostro meglio.”

Secondo Oliveira il momento critico della gara è stato quando sulla pista ha cominciato a cadere qualche goccia di pioggia. In quella fase, Marquez è riuscito a fare la differenza.

“Quando ha cominciato a piovere è stato il momento critico della gara. Marquez ha potuto spingere e prendere vantaggio mentre io sono rimasto nel gruppo. Aleix Espargaro ha rallentato troppo. In quei due o tre giri ho perso tanto. Dopo avevo lo stesso ritmo di Marc. Ero più veloce alla fine del giro mentre lui era più veloce nei primi due settori.”

“Nel momento in cui mi sono avvicinato non avevo più gomme e lui andava un po’ più forte. Da quel momento ho deciso di portare a casa il secondo posto.”

“Marc è molto bravo a capire velocemente le condizioni di grip della pista. Quando ha cominciato a piovere ha preso un rischio continuando a spingere. In questo modo ha preso vantaggio ed è riuscito a consumare meno le gomme ed ha fatto fare il lavoro agli altri.”

“Considerando la pista in cui siamo, per Marc oggi non c’era uno svantaggio fisico. Oggi era semplicemente il più veloce e ha fatto meno errori di tutti. Si è messo subito davanti e ha fatto quello che doveva fare.”

Oliveira si trova molto meglio con la sua moto dopo un inizio di stagione difficile. Guardando ai prossimi appuntamenti, il portoghese è convinto di avere altre opportunità per fare bene ed è pronto a sfruttarle.

“Abbiamo avuto un inizio di stagione difficile però dobbiamo guardare avanti. All’inizio era complicato finire le gare. Ora che abbiamo fatto tre podi consecutivi sono più contento quando inizio i week-end di gara. Pensare al campionato è un po’ presto. Mancano ancora tante corse. Bisogna fare sempre il meglio possibile e sfruttare ogni opportunità che abbiamo.” 

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

 

MotoGP| Quale futuro per Petrucci nel 2022?