MotoGP | GP Italia – Sintesi FP2: Bagnaia conquista il miglior tempo a sessione scaduta

Dopo una sessione abbastanza spenta, gli ultimi minuti della FP2 del GP d’Italia MotoGP hanno visto diversi piloti correre per la migliore sessione della classifica combinata dei tempi. Rins e Bagnaia si giocano la migliore prestazione che, all’ultima occasione, va proprio al pilota di Chivasso.

FP2 GP Italia MotoGP
Foto: profilo Twitter @motociclismo_es

La MotoGP torna in pista in questo pomeriggio per le FP2 del GP d’Italia MotoGP. Nella prima sessione di stamane è stato il neo papà Maverick Vinales ha conquistare il miglior tempo. Lo spagnolo di Yamaha ha fermato il cronometro mentre segnava 1.46.593, precedendo Zarco e Rins.

Le Suzuki hanno fatto finalmente di nuovo capolino nelle prime posizioni dopo le prime difficili tappe del Mondiale che, soprattutto nelle prove libere, le hanno sempre viste apparire in difficoltà. Non hanno brillato, invece, le due Ducati ufficiali. Infatti, se Zarco con la Pramac è stato il secondo più veloce, le due ufficiali si sono classificate più indietro in classifica.

Le condizioni meteo di questo pomeriggio sono state ottimali per sfruttare al massimo le gomme e i piloti ne hanno approfittato per migliorare i loro riferimenti in vista delle FP3 di domani mattina, in cui verranno decisi i piloti che prenderanno parte direttamente alla Q2 delle qualifiche.

Sintesi FP2 GP Italia MotoGP


La FP2 del GP d’Italia MotoGP inizia con 26°C di temperatura atmosferica, vento quasi inesistente e cielo sereno.

Il riferimento di 1.46.593 non viene subito abbassato. Infatti, nonostante le condizioni metereologiche fossero assolutamente favorevoli, nessun pilota ha saputo avvicinarsi al miglior tempo della classifica combinata. Uno dei motivi di questo “fallimento di gruppo” è proprio il grande numero di moto ravvicinate in pista.

Il primo a migliorarsi è Oliveira che, al secondo tentativo, migliora il proprio sesto tempo prendendosi, nel T4, la migliore prestazione assoluta di soli nove millesimi su quello di Vinales.

Nelle prime fasi di sessione è stato molto sfortunato Quartararo che, nonostante abbia dimostrato di essere capace di raggiungere il miglior tempo, ha sempre trovato traffico o avuto difficoltà nell’ultimo settore.

Nonostante delle condizioni ottimali rispetto alla mattinata di oggi, pochissimi piloti sono stati capaci di fare grandi miglioramenti in classifica.

Leggi anche:

MotoGP | GP Italia – Conferenza stampa, Bagnaia: “Sarebbe speciale ottenere la mia prima vittoria in MotoGP al Mugello”

Non solo Fabio Quartararo ha dovuto fare i conti con la sfortuna e i piccoli errori: diversi piloti hanno mancato il punto di staccata alla San Donato. Tra i tanti, anche Valentino Rossi che, dopo aver staccato troppo tardi, è stato artefice di un lungo.

 

A ventidue minuti dal termine si è accesa la fiamma di Bagnaia che, dopo due settori in casco rosso, perde qualche centesimo di troppo nel quarto settore. Il pilota di Chivasso, nonostante non batte la migliore prestazione di Oliveira, conquista il terzo miglior crono.

È stata una sessione assai complicata per Valentino Rossi e Marc Marquez. I due piloti, nonché ex avversari, hanno optato di fare un lungo stint con una gomma dura al posteriore che, dopo essere stata brevemente testata da altri piloti, si è dimostrata non adatta al time attack.

A otto minuti dal termine compie un gran bel giro Alex Rins che, dalla quinta posizione, non raggiunge il tempo di Oliveira per pochissimi millesimi nel T3 ma, sul traguardo, paga un decimo e tre dal portoghese di KTM. Nonostante ciò, Rins conquista la quarta posizione.

Immediatamente dopo è Miller ha fare un giro fotocopia a Rins e, sul traguardo, lo fa salire dalla quattordicesimo al sesto tempo assoluto.

Al termine del tentativo di Miller arriva la seconda conferma del brutto rapporto tra Rossi e la San Donato. Infatti, dopo essersi lanciato con la gomma soft al posteriore, il Dottore è andato nuovamente largo alla uno.

Nel giro successivo ci riprova Miller che, dopo aver preso un casco rosso in tutti i primi tre settori, paga la mancanza di scia nel quarto e, migliorandosi in quarta posizione, manca nuovamente il sorpasso al tempo di Oliveira.

Leggi anche:

MotoGP | Ducati rinnova con Jack Miller per la stagione 2022 del motomondiale

Negli ultimi tre minuti iniziano ad accendersi i caschi rossi: Quartararo migliora il tempo di Oliveira di ben tre decimi nel T3 prima di trovare un grande traffico che lo costringe ad abortire. Si ripropone la stessa situazione de “il Diablo”  anche a Rins e al compagno di squadra Vinales.

Rins riesce a battere finalmente Oliveira nel giro successivo. Lo spagnolo conclude il penultimo tentativo cronometrato in 1.46.218, con tre decimi e mezzo sul tempo del portoghese e, così, aprendo le porte alla possibilità di scendere sotto il muro dell’uno e quarantasei. Insieme a Rins è Binder che, dalla quindicesima posizione, si mette secondo a un decimo dallo spagnolo di Suzuki.

Quartararo, per l’ennesima volta in linea con il miglior tempo, trova il traffico di Petrucci che gli fa perdere quel decimo che, però, gli garantisce comunque la seconda posizione.

Rins termina la sessione senza migliorarsi. Morbidelli sul traguardo manca di un decimo l’aggancio a Rins ma, comunque, rientra tra i piloti da Q2 passando da dodicesimo a secondo.

Gli ultimi tentativi interessanti sono di Bagnaia e Quartararo che, distanziati di pochi millesimi, erano andati a giocarsi la vetta della classifica. Quartararo paga un decimo e sette per via della poca cavalleria di cui dispone la sua M1, mentre Bagnaia sfrutta tutti i cavalli desmodromici della sua Ducati e conquista il miglior tempo in 1.46.147.

Ricapitolando: i risultati delle FP2 del GP d’Italia MotoGP vede Bagnaia salire in vetta alla classifica combinata che vede promossi virtualmente in Q2, insieme al leader, Rins, Morbidelli, Quartararo, Binder, Oliveira, Nakagami, Vinales, Aleix Espargaro e Miller. Rimangono fuori Zarco (11°), Mir (12°), le due Honda ufficiali di Marquez ed Espargaro (13° e 14°) e Valentino Rossi (21°).

La MotoGP torna in pista domani mattina per le FP3 del GP d’Italia.

Seguici su Telegram

MotoGP | Andrea Iannone: “Quella che è stata fatta non è giustizia”

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico