MotoGP | GP Misano – Novità in casa Yamaha e le parole di Valentino Rossi e Mverick Viňales

Poche ore fa è arrivata l’ufficialità da parte di Yamaha che il loro pilota collaudatore sarà  Jonas Folger, il quale darà un grande aiuto anche ai piloti ufficiali nello sviluppo della moto. GP Misano

GP Misano
Valentino Rossi e Maverick Viňales a Misano

Le parole dei due piloti Yamaha al termine della prima giornata di prove libere al Misano World Circuit Marco Simoncelli.

Valentino Rossi

Una discreta giornata di prove libere oggi per Valentino Rossi. Nel primo turno di libere chiude al 15° posto staccato di un secondo dal primo, ma nel secondo turno migliora il proprio tempo finendo la giornata con l’ottavo tempo staccato di circa mezzo secondo dal primo. Così finendo, in caso di mal tempo domani, sarebbe già qualificato per la Q2. “Sono nei primi dieci e questo è molto importante e anche il tempo sul giro non è male”. – dice Rossi, poi continua –  “Il feeling è migliorato anche rispetto ai test, abbiamo usato un setting diverso con il quale mi trovo bene soprattutto nella parte veloce. Dobbiamo ancora lavorare meglio sull’elettronica. Al momento sono in difficoltà sulla frenata. Nel pomeriggio ho provato a lavorare con la gomma hard al posteriore pensando che si potesse utilizzare per la gara, ma c’era poco grip. Lavoreremo sulle altre. – Rossi conclude dicendo – “C’è ancora molto lavoro da fare.”

Maverick Viňales

Per Maverick Viňales è stata una buona giornata. Nel primo turno di libere finisce con il 3° tempo, mentre nel secondo turno di libere finisce con il 4° tempo e questo gli da una grande fiducia anche il vista delle qualifiche di domani e della gara di domenica. “Dopo i test ho molta più fiducia con la gomma anteriore, avevo il bisogno di trovarla” – dice Maverick, poi aggiunge – “La pista oggi era molto diversa da come l’abbiamo trovata nei test e le gomme oggi si consumavano molto, soprattutto la morbida sarà difficile poterla utilizzare in gara. Però sono contento della mia giornata perché quando ho messo le gomme giuste ero lì davanti. Domani dobbiamo lavorare di più con le gomme.”

“Nei test fatti e nel week end di Silverstone siamo andati veloci perché abbiamo trovato la strada giusta.” – poi continua – “All’inizio mi dicevano di guidare la M1 come faceva Jorge Lorenzo, ma per me era impossibile. Siamo piloti diversi che hanno punti di forza diversi. Ognuno ha il proprio stile” – Maverick conclude dicendo – “Adesso ho trovato il mio modo di guidare e il lavoro fatto sull’elettronica mi ha aiutato molto.”

mm

Silvia Maestrelli

Ragazza appassionata del motor sport da sempre, in particolare di Moto Gp, Moto 2, Moto 3 e F1. Sono uno degli amministratori del gruppo Facebook VALENTINIANIDOC46.