MotoGP | GP Olanda: Quartararo vince con grande distacco su Vinales e Mir!

Fabio Quartararo vince il GP d’Olanda MotoGP. Il francese vince con grande distacco sul compagno di squadra Vinales e Joan Mir.

GP Olanda MotoGP
Credits: Twitter

Maverick Vinales è, al netto di come andrà la gara, il vero protagonista di questo weekend. Il pilota spagnolo ha chiuso in vetta tutte le sessioni del weekend, ad eccezion fatta per le FP4. Al netto di Vinales, direttamente le Yamaha sono state le moto migliori sull’asfalto dell’università del motociclismo.

Le Qualifiche di ieri ha confermato lo strapotere Yamaha. La casa dei tre diapasion è stata capace di mettere entrambe le moto ufficiali nelle prime due caselle della griglia di partenza, con Bagnaia che completa la prima fila grazie a una grande prestazione. Bagnaia sarà chiamato a una gara di sofferenza dopo che le Ducati sono apparse in difficoltà lungo tutto il weekend. Lo stesso discorso vale per Zarco che scatterà dalla quinta fila e sarà chiamato a limitare i danni su Quartararo che ha in mano una concreta occasione di allungare in classifica sul diretto inseguitore. Il francese di Pramac dovrà guardarsi anche da Miller che partirà alle sue spalle e che paga un passivo di soli nove punti sul pilota compagno di marca. Partirà abbastanza avanti Valentino Rossi che, tornato in Q2, ha colto un dodicesimo posto che non esclude il Dottore dalla lotta per la top ten.

Nel Q1 sono rimasti esclusi piloti come Petrucci che aveva trovato un buon ritmo nelle Prove Libere, ma che non ha trovato la prestazione nelle Qualifiche e oggi scatterà dalla diciottesima casella. Partirà ancora più indietro Marquez che, però, nel Warm Up di stamane ha dimostrato di essere determinato a ingranare un ritmo per risalire dalla ventesima posizione da cui partirà.

Cronaca LIVE GP Olanda MotoGP


13:50 – Amici di F1inGenerale, buon pomeriggio e benvenuti alla cronaca LIVE del GP d’Olanda MotoGP. Tra dieci minuti ci sarà il via della penultima gara del weekend del Motomondiale. Infatti, alle 15:30 sara al via la MotoE.

13:52 – Le condizioni meteo vedono cielo sereno con presenza di nuvole, temperatura atmosferica di 22°C e vento assente. L’assenza di vento, non scontata in un tracciato come quello olandese, sarà di grande aiuto per i piloti, specialmente nel veloce ultimo settore.

13:54 – La scelta delle gomme vede premiata l’accoppiata della mescola media all’anteriore e al posteriore. All’anteriore, l’unico a non montare la media sarà Quartararo che, per staccare Vinales, ha deciso di puntare sulla morbida all’anteriore. Diversi piloti, invece, hanno scelto la hard al posteriore.

13:58 – I piloti sono partiti per il giro di ricognizione per le 18 curve della pista olandese. Al termine di esso, il via del GP d’Olanda MotoGP.

1° giro – Al via partono bene le due Yamaha con Quartararo va a contatto con Vinales che perde qualche posizione e passa quinto, con Bagnaia in coda al francese e seguito Nakagami. Poche curve dopo Vinales si prende la quarta posizione ai danni di Rins e Bagnaia sorpassa Vinales e passa primo la prima volta sul traguardo.

2° giro – Sul traguardo la top ten viene formata, in ordine, così: Bagnaia, Quartararo, Nakagami, Vinales, Zarco, Miller,  Mir, Oliveira, A. Espargaro e Marc Marquez. Nel corso del giro avviene un contatto tra Zarco e Rins che paga dazio e scivola in ventiduesima posizione.

3° giro – Il duo Bagnaia-Quartararo mette quattro decimi sugli inseguitori capeggiati dal giapponese di LCR. Alla quindici attacco di Quartararo su Bagnaia che risponde all’incrocio della sedici e passa primo sul traguardo.

4° giro – Zarco segna il giro veloce e si porta su Vinales che occupa la quarta posizione. Nel mentre, La commissione gara annuncia che non ci saranno azioni dopo il contatto Zarco-Rins.

5° giro – Rossi, che paga una partenza molto scomposta con la moto che gli si è impennata, naviga in diciannovesia posizione. Alla Quindici Quartararo affonda l’attacco nuovamente alla quindici ma, sul rettilineo finale, Pecco libera i cavalli del suo motore desmodromico e risponde subito.

6° giro – La bagarre di testa apre al rientro di Nakagami, Vinales e Zarco che ricuciono sul duo di testa che, in uscita alla undici, vede Quartararo prendersi definitivamente la prima posizione su Bagnaia.

7° giro – Al tornantino della quattro Mir affonda su Zarco che risponde agilmente sul lungo rettilineo successivo.

8 giro – GIRO VELOCE DI Quartararo. Il francese chiude il giro in 1.32.897 e mette subito otto decimi su Bagnaia.

8° giro – BRUTTA CADUTA PER ROSSI. Il Dottore perde la moto nella veloce curva sette e, distruggendo la moto, pone termine alla sua gara.

9° Giro – Sale a un secondo e tre il vantaggio di Quartararo che abbassa di un decimo il suo miglior tempo assoluto in gara. Più indietro, Vinales continua a faticare nel riuscire a mettersi davanti a Nakagami.

10° giro – Quartararo gira ben otto decimi più veloce di Bagnaia che accusa ora due secondi e uno sul francese di Yamaha. Il pilota di Chivasso continua a soffrire nel ritmo e viene braccato dal giapponese di Honda che lo segue.

11° giro -Sul traguardo Quartararo guadagna un ulteriore mezzo secondo su Bagnaia. Il resto della top ten viene così formata: Nak, Vin, Zar, Mir, Oli, Mil, A. Esp, M. Mar.

11° giro – Bagnaia soffre il sorpasso anche di Nakagami ancora alla undici. Tuttavia, Il torinese di Ducati risponde sul rettilineo spingendo al massimo la sua Desmosedici.

13° giro – Dopo un giro opaco, il tredicesimo inizia con quasi due secondi di vantaggio per Quartararo su Bagnaia che continua a fare i conti con la pressione di Nakagami che, a sua volta, deve guardarsi dalla pressione di Vinales che non riesce, però, ad affondare il sorpasso.

14° giro – Nelle semicurve del T4 Nakagami si infila ancora su Bagnaia che, alla quindici, rischia il sorpasso di Vinales. Sul rettilineo, nonostante un’imbarcata, Bagnaia riesce nuovamente a restituire la posizione al giapponese di Honda.

15° giro – LONG LAP PENALTY PER BAGNAIA. Il pilota è andato oltre al limite della pista per troppe volta e sconta subito la penalità. Bagnaia rientra ottavo dopo la caduta alla cinque del compagno di team Miller. Nel mentre, Vinales riceve un track limits warning.

16° giro – Va in crisi Nakagami che, in un giro, commette tre lunghi e scivola fino alla nona posizione, a sandwich con le due Honda ufficiali.

16° giro – Si ritira Martin che ha accusato grandi difficoltà e dolori ad affrontare la gara su questa impegnativa pista.

17° giro – Sul traguardo Quartararo gode di quattro secondi su Vinales che viene minacciato da Zarco che mantiene un buon ritmo. A seguire troviamo Mir, Oliveira, Aleix Espargaro, Bagnaia, Marquez, Nakagami (che riceve un Track Limits Warning) e Pol Espargaro.

18° giro – Bagnaia, salito in sesta posizione dopo il Long Lap Penalty, accusa un secondo e tre di passivo su Oliveira. Nel mentre, vengono segnalati problemi tecnici per Miller che deve aver problemi dopo la caduta di qualche giro fa.

19° giro – Mir si infila alla nove su Zarco. Nel mentre, Quartararo si prende un giro di respiro e perde un secondo sul compagno di squadra. Alla quindici, invece, arriva una caduta per Lecuona che vede terminare così la sua gara.

20° giro – Alla dodici Quartararo si prende qualche rischio andando deciso sul cordolo in uscita dalla curva nel momento in cui il suo vantaggio torna a tre secondi e quattro su Vinales che, a sua volta, gode di due secondi e tre sul duo Mir-Zarco.

21° giro – Marquez, portatosi in settima posizione, impensierisce non poco Bagnaia che continua a patire tanto nel terzo e quarto settore.

22° giro – Vinales riprende a ricucire su Quartararo che sembra essere in difficoltà e il suo vantaggio scende sotto i tre secondi.

23° giro – Quartararo sembra stabilizzarsi intorno ai tre secondi di vantaggio su Vinales che, nonostante i tentativi, non riesce a ricucire decisamente sul francese compagno di squadra. Nel T4 si scatena una mischia tra Bagnaia, Marquez e Aleix Espargaro, con i due spagnoli che tentano di superare il pilota che li precede e rischiano di combinare la classica frittata. Il tutto, però, si risolve con un nulla di fatto anche nelle posizioni.

24° giro – Alla quindici Aleix Espargaro entra deciso su Marquez e, dopo un contatto tra le due pedane, si prende la settima posizione. A ringraziare è Bagnaia che respira e mette al sicuro la sesta posizione.

Ultimo giro – Dopo un penultimo giro spento, Quartararo inizia l’ultima tornata con due secondi e mezzo su Vinales che gode di tre secondi e sei su Mir, Zarco e Oliveira che godono di un secondo e quattro sul terzetto Bagnaia, Aleix Espargaro e Marc Marquez che, nel primo settore, si riprende la posizione sull’Aprilia dello spagnolo. Le Honda di Nakagami e Pol Espargaro chiudono la top ten.

14:42 – FABIO QUARTARARO VINCE IL GP D’OLANDA. Il francese gestisce il vantaggio anche nell’ultimo giro e taglia il traguardo per primo. Vinales e Mir gli terranno compagnia sul podio.

14:45 – A concludere la top ten troviamo, in ordine, Zarco, Oliveira, Bagnaia, Marc Marquez, Aleix Espargaro, Nakagami e Pol Espargaro.

14:47 – Gli altri piloti degni di nota sono Rins (11°), Petrucci (13°) Alex Marquez (14°), Bastianini (15°), Savadori (16°), Gerloff (17°) e Luca Marini diciottesimo e ultimo.

14:50 – termina qui la cronaca LIVE del GP d’Olanda MotoGP. Rimanete aggiornati su F1inGenerale per leggere le dichiarazioni dei protagonisti e la sintesi della gara di MotoE.

Seguici su Telegram

Moto2 | GP Olanda – Sintesi Gara: Raul Fernandez vince e conclude un week-end perfetto

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico