MOTOGP – GP OLANDA SINTESI GARA – Vinales vince e la Yamaha torna a far festa

È Maverick Vinales il vincitore del GP d’Olanda 2019. Il pilota della Yamaha precede al traguardo il solito Marc Marquez e un sempre più costante Fabio Quartararo. Gara opaca per le Ducati, altro ritiro per Valentino Rossi.

Credit: MotoGP.com

Era il favorito ed ha rispettato il pronostico. È infatti Maverick Viñales a vincere il GP d’Olanda della MotoGP, ottavo round della stagione.
Il pilota della Yamaha regola con una gara tatticamente perfetta Marc Marquez e Fabio Quartararo.


Il pilota della Honda conquista l’ennesimo podio della sua carriera e continua a guadagnare punti su tutti i suoi avversari in classifica.


Per Quartararo invece si tratta del secondo podio consecutivo che lo confermano come uno dei top rider della categoria.


Brutta gara per la Ducati, che nonostante una 4
a e una 6a posizione non è mai stata in lotta per la vittoria.
Altra gara disastrosa per Valentino Rossi, che cade nelle prime battute della corsa e coglie il suo terzo zero consecutivo.

CRONACA GARA

Partenza non perfetta dalla pole per Fabio Quartararo (Yamaha) che alla prima curva si vede sfilare dalla due Suzuki di Alex Rins e Joan Mir.
Nel frattempo Marc Marquez (Honda) prova a spezzare il ritmo a Maverick Viñales (Yamaha), andandolo a passare alla staccata della curva 16.


Il pilota della Yamaha però non ci sta e si riprende la 4
a posizione alla curva 10.
Nello stesso giro Rins che era in testa alla gara cade e lascia la leadership al suo compagno di squadra.
La 1
a posizione di Mir dura però poche curve. Un errore dello spagnolo alla curva 15 lo fa retrocedere fino alla 4a posizione.


Rientra nel gruppo di testa anche Andrea Dovizioso (Ducati) che si porta in 4
a posizione alle spalle di Viñales che, complice un suo errore, si è fatto ripassare da Marquez.
Caduta anche per Valentino Rossi (Yamaha) che coinvolge Takaaki Nakagami (Honda) nella caduta e colleziona il suo terzo zero consecutivo.


Quando mancano 16 giri dalla bandiera a scacchi Marquez, approfittando di una “sbacchettata” in rettilineo di Quartararo, guadagna la testa della corsa.
Marquez commette però un errore alla curva 1 e il pilota francese dalla Yamaha torna davanti.


Ai -13 al traguardo Viñales infila Marquez alla staccata dell’ultima chicane e si porta in 2
a posizione.
Due giri dopo Viñales sfrutta ancora gli scuotimenti della moto di Quartararo per passare in testa alla gara.


Nel frattempo Danilo Petrucci (Ducati) passa il suo compagno di squadra Dovizioso.
Nello stesso giro Quartararo perde la posizione anche su Marquez che lo passa con uno stupendo attacco alla curva 15.


Il giro successivo Marquez sfrutta un errore di Viñales alla curva 1 per passare in testa alla gara. Il pilota Yamaha però non ci sta e ripassa Marquez in percorrenza alla Curva 13.


Perde invece un’altra posizione Dovizioso che viene infilato da Mir ancora una volta alla Curva 5, punto debole del ducatista.
Nella battaglia per la 4
a posizione è Petrucci a sbagliare. Il suo errore gli costa ben due posizioni, per la felicità di Mir e Dovizioso.
Passano alcuni passaggi e i due piloti della Ducati ripassano nuovamente avanti a Mir con Petrucci 5
o e Dovizioso 4o. Nel frattempo nel gruppo si è anche riunito Franco Morbidelli (Yamaha).


Il pilota della Yamaha sorpassa Mir e guadagna la 6
a posizione.
Nell’ultimo giro un’emozione la regala Morbidelli che all’ultima curva sorpassa Petrucci.


A vincere è Maverick Viñales che dopo aver controllato i suoi avversari nella prima parte di gara una volta passato in testa ha imposto un ritmo imprendibile per gli altri.


Secondo un ottimo Marc Marquez che nonostante un week-end un po’ sottotono per i suoi standard sale sul podio e guadagna su tutti i suoi avversari.


Terzo Fabio Quartararo che porta a casa il suo secondo podio consecutivo e si conferma un pilota di calibro nella categoria.


Terzetto di italiani poi appena fuori dal podio con Dovizioso, Morbidelli e Petrucci.


Chiudono in zona punti anche Andrea Iannone (Aprilia) e Francesco Bagnaia (Ducati).

Credit: MotoGP.com

 


La classifica di campionato vede un ulteriore allungo di Marc Marquez sui suoi avversari principali.
Le cadute di Rossi e Rins e il week-end sottotono delle Ducati, mai state in lotta per la vittoria, fanno salire il suo vantaggio a 44 punti sul primo inseguitore, rappresentato da Dovizioso.

 

Credit: MotoGP.com

Gran Premio Austria 2019 – La gara in diretta [LIVE RACE]

Riccardo Orsini

Marchigiano classe '99, sono cresciuto tra una pista di kart e una di motocross. Il motorsport è sempre stato parte integrante della mia vita e spero di condividere la mia passione ai lettori.