MotoGP | GP Portogallo – Cronaca LIVE della gara di Portimao: Fabio Quartararo vince davanti a Bagnaia e Mir. Bastianini in top 10, Rossi cade a metà gara

Quartararo domina e vince il GP del Portogallo MotoGP. Il francese approfitta anche della caduta di Rins, unico pilota a tenere il suo ritmo. Chiude secondo Bagnaia. Marquez approfitta delle diverse cadute e chiude sesto. Molto bene Bastianini che entra in top ten. Male Vinales (undicesimo) e Rossi che, nonostante una buona prestazione, cade a metà gara ed è costretto al ritiro.

Foto: profilo Twitter @YamahaMotoGP

A partire dalle 14 si corre il GP del Portogallo MotoGP, che qua potrete seguire grazie alla nostra cronaca LIVE. Fabio Quartararo ieri ha conquistato la Pole Position. Il francese è stato fortunato a godere del tempo cancellato a Bagnaia per non aver rallentato in regime di bandiera gialla. A fianco di Quartararo scatteranno Alex Rins e il leader provvisorio Zarco.  In seconda fila ci saranno Miller e Morbidelli, che precedono il rientrante Marquez. Bagnaia, che si è visto cancellare due volte il giro di qualifica, scatterà dall’undicesima casella.

Luca Marini, insieme ad essere stato la sorpresa della giornata, è il primo degli altri italiani grazie a un’ottima ottava posizione al via. Il fratello acquisito di Rossi precede un filotto, compreso dalla sedicesima alla diciottesima posizione, composto da Bastianini, il Dottore e Petrucci. Ultimo degli italiani, come da tradizione, Luca Savadori che scatterà giusto davanti a Nakagami.

Il circuito dell’Algarve nasconde diverse insidie, lo sanno bene Jorge martin e Takaaki Nakagami. Il primo, dopo essere caduto nel corso delle FP3, ha riportato un trauma cranico e la frattura del primo metacarpo della mano destra. Nakagami, caduto nella giornata di venerdì, non ha riportato fratture ma accusa un forte dolore alla spalla destra. Naturalmente, Martin è stato dichiarato non idoneo alla gara ed è ricoverato all’ospedale di Faro. Per Nakagami, che già ha saltato le qualifiche, è in dubbio la sua presenza sulla grigli di partenza. Seguiranno aggiornamenti a cronaca iniziata.

Cronaca LIVE GP Portogallo MotoGP


13:50 Amici di F1inGenerale, buon pomeriggio e benvenuti alla cronaca LIVE del GP del Portogallo MotoGP. La gara è valide per la terza prova del Motomondiale 2021 e si corre per la seconda volta nella storia sul circuito di Portimao. Questo GP passerà alla storia per via del ritorno in pista di Marc Marquez che, sul giro secco, è subito tornato sui livelli pre infortunio. Tuttavia, per quanto riguarda nei long run, lo spagnolo ha accusato delle difficoltà e del dolore al braccio infortunato.

13:53 – Le condizioni metereologiche vedono un cielo prevalentemente nuvoloso, con una temperatura di 22°C, un leggerissimo vento e umidità al 50 percento.

13:56 – I favori del pronostico vanno soprattutto verso il poleman Quartararo e del quarto in griglia Miller. Tra circa un’ora avremo il risultato di questo entusiasmante GP.

13:58 – Inizia il giro di ricognizione. Al termine, il via al GP del Portogallo MotoGP!

14:00 – I piloti tornano sul rettilineo principale. Tra poco si spegneranno i semafori e inizierà la gara.

Giro 1 – Partiti! Parte bene Quartararo e Rins. Il francese si impunta a metà rettilineo e scende subito in sesta posizione. Parte a cannone anche Marquez che si  mette subito in terza posizione. Partenza disastrosa per Bagnaia che, alla partenza, perde tre posizioni.

Giro 1 – Alla 10 Mir si mette all”interno di Marquez e si prende la terza posizione.

Giro 2 – Zarco transita per primo sul traguardo, seguito da Rins, Mir, Marquez, Quartararo, Miller e Aleix Espargaro. Alla 3 Marquez frena tardi e sfiora il posteriore di Mir. Il pilota Honda perde tre posizioni, scendendo in settima posizione.

Giro 3 – Alla 4 e alla 5 Quartararo e Miller si scambiano le posizioni. Il francese sta alzando il ritmo per non permettere al trio Zarco, Rins e Mir di prendere margine sui diretti inseguitori.

Giro 4- Quartararo prende la scia di Mir sul rettilineo e, tirando una grande staccata alla uno, si prende la terza posizione ai danni di Mir. Nello stesso giro Rins si mette a insidiare seriamente la posizione di vertice in mano a Zarco. Il sorpasso dello spagnolo di Suzuki si concretizza nella terz’ultima curva.

Giro 5 – Zarco sfrutta ogni cavallo della sua Desmosedici sul rettilineo e, prendendo la scia, svernicia la Suzuki di Rins. Sempre alla uno va lungo Miller che cede la quinta posizione ad Aleix Espargaro. Se Aleix fa bene, il fratello Pol si ritira per problemi al posteriore.

Giro 6 –  Dopo aver perso due poizioni nelle ultime curve del giro precedente, Zarco non riesce a risalire in vetta ai danni di Rins e Quartararo. Alla 3 cade Miller che, al momento di toccare il freno, perde il grip al posteriore e viene scaraventato a terra. Il pilota sta bene. Nello stesso giro cade alla 14 il vincitore della gara del anno scorso Oliveira.

Giro  7 – Zarco viene infilato alla due anche da Mir ed esce dalla zona podio. Nel mentre, Morbidelli risale fino alla quinta posizione, accusando qualche decimo di distacco da Zarco.  Indietro stanno facendo una buona gara Marini, Alex Marquez e Valentino Rossi che, dalla decima alla dodicesima posizione, stanno tenendo il ritmo dei primi.

Giro 8 – Errori delle Suzuki in uscita dalla due e dalla 7. Rins riesce a respingere il tentativo di sorpasso di Quartararo, mentre, inizialmente, Mir deve arrendersi al francese di Pramac.

Giro 9 – Mentre Bagnaia si mette sesto ai danni di Espargaro, Quartararo sorpassa Rins in fondo al rettilineo e si mette in testa alla gara. Il francese dimostra di avere un grande ritmo e, al termine del giro, mette ben 4 decimi tra lui e lo spagnolo di Suzuki.

Giro 10 – Dopo essere partito molto bene, Marc Marquez è nono, a due secondi e mezzo dal trenino composto dal fratello e dai fratelli Marini-Rossi.

Giro 11 – Fase di momentanea pace tra le posizioni di vertice. L’unico duello è quello per la sesta posizione tra Binder e Bagnaia. Il pilota di Chivasso sta avendo a che fare con le forti staccate del sudafricano e, per tentare il sorpasso, Probabilmente dovrà tentare sul rettilineo.

Giro 12 – Sul rettilineo si concretizza quanto ipotizzato qualche attimo fa. Bagnaia, alla uno, passa in sesta posizione ai danni di Binder. La classifica, all’ultimo passaggio sul traguardo recita: Quartararo, Rins, Mir, Zarco, Morbidelli, Bagnaia, Binder, Espargaro, Marc Marquez e Alex Marquez. Attaccati ai dieci ci sono Alex Marquez, Luca Marini e Valentino Rossi.

Giro 13 – Rins tenta di impensierire, per ora con risultati vani, Quartararo. Lo spagnolo di Suzuk, nonostante un giro veloce, non riesce ad avvicinarsi al francese di Yamaha.

Giro 14 – Nelle prime sei posizioni si stanno creando tre coppie: Quartararo-Rins, Mir-Zarco e Morbidelli-Bagnaia. Quest’ultima sembra essere quella più accesa, con Bagnaia pronto a prendere la quinta posizione ai danni del connazionale.

Giro 15 – Manco il tempo di scriverlo e vengo contraddetto. Sul rettilineo finale è Zarco a riprendersi la terza posizione sfruttando il motore desmodromico della sua Ducati e dando un piccolo margine sul campione del mondo in carica.

Giro 15 – A poche curve dalla fine e dopo aver superato il fratello acquisito per l’undicesima posizione, Rossi perde l’anteriore alla undici e viene messo a terra dalla sua M1.

Giro 16 – Sempre alla undici arriva il primo tentativo concreto di sorpasso a opera di Bagnaia su Morbidelli. Il Morbido riesce a tirare una staccata folle e a metterci una pezza.

Giro 17 – Il pilota Petronas non può farci nulla contro il motore Ducati di Bagnaia che, sul rettilineo, gli prende la scia e lo supera agevolmente. Degno di una nota negativa è Vinales che, partito dodicesimo, naviga in quattordicesima posizione.

Giro 18 – A otto giri dal termine, si può dire che la battaglia per la vittoria sia un affare solo tra Quartararo e Rins che hanno oltre due secondi e mezzo di vantaggio su Zarco che sembra essersi liberato da Mir.

Giro 19 – Succede di tutto. Bagnaia gira al tempo dei migliori e si prende agilmente la posizione su Mir e, alla 5, Rins tarda troppo la staccata, gli si chiude l’anteriore, cade ed è costretto al ritiro. A questo punto, la vittoria è saldamente in mano a Quartararo.

Giro 20 – Bagnaia è semplicemente scatenato e, alla 5, si infila all’interno di un Zarco che, disattento, si fa sorpassare. Zarco, dopo il sorpasso, va nel pallone e scivola alla otto dicendo addio alla gara.

Giro 22 – Sul traguardo la classifica recita: Quartararo, Bagnaia, Mir, Morbidelli, Binder, Aleix Espargaro, Marc Marquez, Alex Marquez,  Enea Bastianaini e Taka Nakagami. Deve aver commesso qualche errore Marini che è scivolato in dodicesima posizione.

Giro 23 – Bagnaia sta apparendo in leggera difficoltà con le gomme. Di questa difficoltà ne sta approfittando Mir che è ansioso di mettere un pilota tra lui e un Morbidelli che è ingolosito dal vedere davanti a se il campione del mondo in carica.

Ultimo giro – Dopo un ventiquattresimo giro calmo, inizia un giro pazzo per la lotta alla seconda posizione e del podio.

Ultimo giro – Fabio Quartararo, con oltre 4 secondi di vantaggio sugli inseguitori, vince il GP del Portogallo MotoGP!

14:43 – Nessun cambiamento nelle posizioni da podio. Bagnaia termina secondo davanti a Mir e Morbidelli.

14:44 – Arriva però un sorpasso importante nel corso delle ultime curve: Binder si infila su Aleix Espargaro e conquista la quinta posizione sul traguardo. Completano la top ten Marc Marquez, Alex Marquez, Enea Bastianini e Nakagami che, sul rettilineo finale, vince il duello in velocità con uno spento Maverick Vinales. I restanti italiani terminano in dodicesima posizione con Marini, in tredicesima con Petrucci e in quattordicesima con Savadori.

14:47 – termina qui la cronaca LIVE del GP del Portogallo MotoGP che ha visto Quartararo uscire vincitore. L’invito è di rimanere su F1inGenerale per leggere le dichiarazioni dei protagonisti e la sintesi della gara di Moto2 che scatterà alle 15:30.

Seguici su Telegram

Moto2 | GP Portogallo – Sintesi qualifiche: Sam Lowes cade ma conquista comunque la Pole

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico