MotoGP | GP Qatar – Zarco: “Con il motore Ducati ho salvato il secondo posto.”

Un sorridente Johann Zarco ha concluso il GP del Qatar al secondo posto, dietro allo spagnolo Vinales. Il francese è stato il primo dei piloti Ducati a tagliare il traguardo e il migliore a gestire il calo di prestazione della GP21.

Zarco GP Qatar
Foto: Pramac Racing Twitter

Johann Zarco ha iniziato la su avventura nel Team Pramac, portando a casa un ottimo secondo posto al GP del Qatar. Il pilota francese è stato il migliore tra i piloti della Ducati, ma ha dovuto arrendersi alla Yamaha M1 dello spagnolo Vinales, che oggi era semplicemente il più veloce di tutti.

Il francese si è detto molto soddisfatto del suo primo week-end a bordo della Ducati Desmosedici GP21 e ha ringraziato la casa italiana per il “super motore”, che gli ha permesso di ottenere il podio ai danni del campione del mondo Mir.

Zarco è riuscito a gestire meglio dei suoi compagni di marca il degrado gomme, che ha rallentato la Ducati nella parte finale della gara. Degrado che ha permesso alla Yamaha di Vinales di rimontare e di involarsi verso la vittoria della gara e ha riportato la Suzuki di Mir nella lotta per un posto sul podio.

Le dichiarazioni di Johann Zarco

Johann Zarco ha commentato la sua gara nel parco chiuso, appena sceso dalla sua Ducati GP21. “Sono molto soddisfatto. È stata una gara molto buona, anche se molto lunga e difficile. Quando Vinales ha superato Bagnaia, sentivo di avere la velocità per seguirlo anche se sapevo che sarebbe stato velocissimo.”

“Sono riuscito a superare subito Pecco e ho cercato di riprendere Vinales ma la moto scivolava troppo. Così, ho cercato di respirare un po’ e spingere di nuovo. Grazie al motore sono riuscito ad arrivare sul podio. Per ora mi godo il momento e dopo analizzeremo i dati con la squadra.”

Subito dopo la cerimonia del podio, Zarco ha commentato la gara ai microfoni di Sky. Il francese ha elogiato il sistema di partenza della Ducati che ha permesso alle quattro GP21 di occupare le prime quattro posizioni nelle prime fasi di gara. “Ringrazio la Ducati perché è stato impressionante passare in quel modo le due Yamaha. Dietro a Bagnaia, avevo la possibilità di seguirlo e di gestire le gomme. Quando è arrivato Vinales ho provato a seguirlo ma è stato difficile.”

“Una volta arrivato Mir, dopo l’ultima curva ho solo dovuto aprire il gas in rettilineo e la potenza del motore Ducati mi ha permesso di salvare il secondo posto.”

Il feeling del pilota francese con la Ducati è aumentato nel corso dell’inverno. I passi in avanti della nuova Desmosedici e l’esperienza accumulata nella stagione 2020, hanno fatto la differenza per Zarco. “Conosco questa moto da un anno e ho potuto sfruttare tutte le sue caratteristiche già dal primo giorno di test. La mia esperienza e il miglioramento della moto mi ha permesso di lottare per le prime posizioni.”

Zarco è particolarmente soddisfatto della scelta di unirsi al Team Pramac per il 2021. Il rapporto con il personale della squadra non potrebbe essere migliore e questo è uno dei motivi della sua velocità in pista. “In Pramac mi sono trovato bene fin da subito. Già dal giorno della presentazione sembrava che ci conoscessimo da una vita. Con loro mi sento come a casa. È simile a come mi sentivo in Tech3, che era un team completamente francese. In questa squadra posso divertirmi ed essere serio sul lavoro.”

Segui il nostro canale Telegram dedicato alle due ruote.

Moto2 | GP Qatar – Sintesi Gara: Sam Lowes domina il primo GP della stagione