MotoGP | GP San Marino – Quartararo: “Sono stato precipitoso, la caduta è colpa mia.”

Domenica da dimenticare quella di Quartararo al GP di San Marino. Il francese ha spiegato la caduta che gli ha fatto perdere il comando della classifica iridata, affermando che la colpa non è da attribuire alla pressione.

 

Quartararo GP San Marino
Foto: Twitter Fabio Quartararo

 

Fabio Quartararo non potrà certo essere soddisfatto del suo GP di San Marino, che lo ha visto scivolare ben due volte a terra. Il conseguente ritiro gli è costato la leadership del mondiale, ceduta a Dovizioso, giunto settimo al traguardo. Il francese mostra grande maturità assumendosi la completa responsabilità delle cadute.

La partenza non è stata delle migliori ed è scivolato subito in quinta posizione alle spalle di Vinales, partito male anche lui. I due non sembravano avere il ritmo per lottare per il podio, ma a detta del francese era Vinales che lo rallentava anche di mezzo secondo.

All’ottavo giro, dopo aver superato lo spagnolo, ecco la prima caduta di Quartararo. “Nel momento in cui ho superato Vinales mi sono detto ok, adesso devo spingere per riprendere Jack [Miller]. Ho spinto come se fosse stato l’ultimo giro, ma sfortunatamente, ne mancavano ancora 19” ha detto Quartararo. “E’ stato un mio errore, anche se restando dietro a Maverick la gomma davanti si era scaldata troppo” ha aggiunto.

Nonostante l’errore gli abbia fatto perdere la testa del mondiale, Quartararo ha dichiarato che non cambierà il suo approccio alle gare solo per conquistare dei punti. Il pilota Petronas SRT ha detto: “Onestamente, dalla prossima gara voglio tornare a lottare per la vittoria. Oggi sono stato troppo precipitoso, ma sentivo che restando dietro a Vinales ero troppo lento. Pensavo di poter andare anche mezzo secondo più veloce.”

Queste situazioni sono frustranti, perchè non riuscendo a superare ti senti bloccato. Poi appena l’ho sorpassato [Vinales] mi sono sentito libero di spingere e frenare tardi. La gomma però era surriscaldata, ma la colpa è mia” ha aggiunto.

Quartararo non vuole pensare al mondiale, dichiarando che preferisce concentrarsi sulle vittorie delle gare. “Molte persone pensano che io sia sotto pressione per via della classifica, ma onestamente non mi interessa essere davanti. Il mio obbiettivo quando sono arrivato a Misano era quello di essere veloce e poter lottare per la vittoria” ha detto il francese.

Sono al mio secondo anno in MotoGP e ho solo 21 anni. Certo, voglio vincere il mondiale, ma non è ancora il momento di pensarci. Non è la pressione di un obbiettivo così grande ciò di cui ho bisogno adesso” ha concluso.

Se il mondiale per ora non è un motivo di pressione, chissà se può dire lo stesso del suo compagno di squadra Morbidelli. Sicuramente dopo la vittoria dell’italiano nel GP di San Marino, Quartararo è chiamato a ritrovare in fretta la competitività necessaria per lottare in testa nella seconda gara di Misano.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

MotoGP | Gran Premio di San Marino – Franco Morbidelli: “Gli ultimi giri sono stati come una seduta psicologica”