MotoGP | GP Spagna – Aleix Espargaro: “Ero più veloce di Jack e Marc ma non riuscivo a superarli. In partenza rischiavamo di perdere il podio”

Aleix Espargaro chiude in maniera positiva il weekend del GP di Spagna. Il pilota spagnolo conclude con il terzo posto e mantiene la seconda posizione nella classifica generale.

Credit: Dorna

Weekend senza dubbi positivo per l’Aprilia e per Aleix Espargaro che chiude il weekend del GP di Spagna con un terzo posto inaspettato fino a pochi giri dal termine. Lo spagnolo rimane in seconda posizione nella classifica generale e dieci punti da Quartararo, secondo al traguardo.

Il weekend era iniziato con un promettente quarto tempo nelle FP1, a due soli decimi dalla migliore prestazione. Non promettente allo stesso modo il tredicesimo tempo del pomeriggio di venerdì, dopo lo spagnolo ha accusato un distacco di sette decimi.

Le FP3 hanno visto Aleix migliorarsi chiudendo in settima posizione con meno di tre decimi di distacco, ma rimanendo dietro a Vinales. Nelle Qualifiche, dove ha iniziato dal Q2, ha saputo riscattarsi cogliendo il terzo miglior tempo, a sette decimi dall’inarrivabile tempo segnato da Bagnaia.

In Gara, dopo una partenza non propriamente perfetta, è sceso fino alla quinta posizione dove ha navigato fino a pochi giri dal termine dove, dopo un errore alla tredici di Marquez e dopo aver affondato il sorpasso su Miller, lo spagnolo è riuscito a prendere due posizioni e a concludere sul terzo gradino del podio che, per Aprilia, significa il terzo stagionale e la fine delle concessioni di cui la casa ha goduto fino a questo campionato.

Le parole di Aleix Espargaro

Al parco chiuso: “Mi sento bene e sono molto contento. A livello mentale è stata una gara davvero difficile perché ero molto più veloce di Jack e Marc ma non riuscivo a superarli perché facevano delle serpentine sul rettilineo e poi era difficile superare Marc in frenata perché stacca molto forte ed era velocissimo in percorrenza. Sapevo sin da subito che dovevo aspettare un loro errore, e quando Jack ha frenato in anticipo, ne ho approfittato subito. Marc ha anche chiuso l’anteriore e da lì la mia gara è cambiata completamente. Da lì ho spinto come un matto e ho messo subito un secondo. Avevo la velocità ma non riuscivo a superare, ma sono cose che fanno parte della gara. Dovremo migliorare in quel settore preciso. Faccio i complimenti a Pecco e a Ducati perché è un grande risultato. Noi rimaniamo secondi a dieci punti dalla vetta e sono contentissimo.”

Ai microfoni di Sky: “Io avevo più passo e più grip di Marc e Jack. Tuttavia, frenavano fortissimo e tardissimo ed ero nervoso perché non riuscivo a passarli e, se ci avessi provato, rischiavo di prendere Marc. Mi sono detto che non avevo il passo dei primi due e ho deciso di aspettare un errore di Miller e Marquez. Sapevo che in quaranta minuti un errore lo avrebbero fatto e mi sono tenuto pronto. Da quel momento ho spinto al massimo e ho girato uno e trentotto basso. Peccato perché non eravamo troppo lontani dal ritmo dei primi. Dobbiamo migliorare la frizione perché lo stacco è il nostro problema più grande che abbiamo. Il contatto con Marc è nato per colpa mia. Io ero davanti e lui indietro. Per questo problema con il launch control abbiamo rischiato di perdere il podio alla partenza.”

Seguici su Telegram

Mattia Lisa

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico