A TC Mattia L MotoGP
    Pubblicato il 2 Maggio, 2021 alle 14:59

MotoGP | GP Spagna – Cronaca LIVE della gara di Jerez: Miller riporta la Ducati a vincere in MotoGP dopo 16 anni. Problemi per Quartararo che termina tredicesimo e perde la leadership del mondiale.

Jack Miller vince la sua prima gara con la Ducati ufficiale, la riporta la casa di Borgo Panigale alla vittoria in MotoGP dopo sedici anni e,con Bagnaia, compone una strepitosa doppietta. Morbidelli chiude sul podio. Quartararo, dopo aver dominato la prima parte, va in crisi e chiude tredicesimo. Segui con noi la cronaca LIVE del GP di Spagna MotoGP.

Credits: Twitter

La MotoGP arriva alla quarta prova del Mondiale 2020 con Fabio Quartararo che sarà sicuramente ingolosito dalla possibilità di allungare definitivamente in classifica ai danni di Bagnaia, Vinales e Zarco.

Il pilota francese di Yamaha ha conquistato la Pole Position. La prima fila verrà completata da Franco Morbidelli e Jack Miller al primo acuto di stagione. Sono state delle qualifiche agrodolci per i diretti inseguitori Bagnaia e Zarco che scatteranno, rispettivamente, in quarta e sesta posizione. In mezzo ai due piloti, in quinta posizione, partirà un ottimo Nakagami.

Rimanendo tra i piloti che hanno effettuato la Q2, hanno deluso Maverick Vinales, che scatterà dalla settima casella, e Joan Mir che, come da tradizione, si è andato a complicare la vita qualificandosi in una undicesima posizione che lo chiamerà, ancora una volta, a effettuare una rimonta in gara.

I grandi delusi delle qualifiche di ieri sono stati, invece Marc  Marquez, caduto anche nel Warm Up di stamane, che partirà quattordicesimo, e Valentino Rossi che ha accusato diversi problemi con la sua M1 e scatterà dalla diciassettesima casella.

Non ha preso parte al weekend Jorge Martin. Lo spagnolo di Pramac, infortunatosi a Portimao, è stato sostituito per questo weekend dal rientrante Tito Rabat.

Cronaca LIVE GP Spagna MotoGP


13:50 – Appassionati del Motomondiale, buon pomeriggio e benvenuti alla cronaca LIVE del GP di Spagna MotoGP. Su F1inGenerale potrete seguire, in tempo reale, tutti gli avvenimenti della gara della classe regina che avrà il via alle 14 in punto.

13:52 – Il meteo è assolutamente migliore rispetto ai giorni scorsi. Il cielo è assolutamente sereno, con temperature intorno ai 20°C e umidità al 35%. Il vento, rispetto soprattutto alla giornata di ieri, è calato e si attesta intorno ai 10 Km/h

13:54 – Si è da poco conclusa la gara di Moto2. La gara è stata vinta in solitario da Fabio Di Giannantonio, al suo primo trionfo nella classe di mezzo. A seguito Marco Bezzecchi e Sam Lowes.

13:58 – Inizia il giro di ricognizione. Al termine, il via del GP di Spagna MotoGP.

Giro 1 – Parte male Quartararo che viene subito infilato da Miller, Morbidelli e Bagnaia.

Giro 2 – Cambia poco dopo le prime curve. Alla tredici Bagnaia viene sorpassato dal Diablo e si riprende la posizione da podio.

Giro 3 – Alla due va leggermente largo Rins che perde l’anteriore e va a terra per la seconda gara di fila. Poche curve prima è caduto anche Brad Binder che è stato capace di ripartire. Nel mentre, alla tredici, Quartararo attacca anche Morbidelli e si mette alla caccia di Miller che gode di qualche decimo di vantaggio sul francese.

Giro 4 – Quartararo si è portato rapidamente sugli scarichi di Miller. Entrambi i piloti godono di quattro decimi sugli altri. Ancora alla tredici arriva il sorpasso del francese che, dopo una brutta partenza, si riporta in testa al gruppo. Nello stesso giro A. Espargaro supera Bagnaia per la quarta posizione.

Giro 6 – Nelle retrovie Mir è salito in settima posizione, appena davanti a Vinales, Marquez è salito in dodicesima, mentre Rossi rimane in diciassettesima posizione.

Giro 7 – Sul traguardo la classifica recita: Quartararo, Miller, Morbidelli, A. Espargaro, Bagnaia, Nakagami, Mir, Vinales, Zarco, P. Espargaro, Marc Marquez, Bradl, Bastianini, Oliveira, Petrucci, Lecuona, Rossi, Rabat e Savadori.

Giro 8 – Momento di pausa nelle gerarchie della gara. Bagnaia prende molto le misure su Aleix Espargaro ma, nonostante i tentativi, la ciclistica dell’Aprilia e le staccate dello spagnolo mettono in difficoltà il pilota di Chivasso.

Giro 9 – Quartararo, salito in vetta, si è messo a mettere decimi e secondi nel fienile. Il pilota Yamaha gode di un secondo su Miller, e di due secondi e quattro su un Morbidelli con un ritmo molto minore rispetto ai primi due.

Gito 9 – Finalmente Bagnaia riesce a infilare Aleix Espargaro e a mettersi alla caccia di Morbidelli che, come già detto, ha un ritmo molto minore rispetto a quello del duo di testa.

Leggi anche:

MotoE | Sintesi E-Pole: Un mostruoso Granado precede Tulovic e il super rookie Aldeguer

Giro 10 – Dopo un grande nono giro, Bastianini scivola a bassa velocità in approccio alla curva due. Anche il campione del mondo Moto2 è riuscito a ripartire.

Giro 11 – in fondo alla top ten Vinales è in grande difficoltà. Dopo essere stato sorpassato da Mir che ha preso velocemente margine sullo spagnolo, ora è insidiato da un Zarco volenteroso a diminuire il gap da Quartararo dopo lo 0 raccolto a Portimao.

Giro 12 – Come appena spiegato da Meregalli ai microfoni di Sky, Vinales sta pagando la scelta della morbida all’anteriore. Lo stesso errore è stato commesso in Moto2 da Gardner che, partito, dalla Pole, ha concluso abbastanza attardato in classifica.

Giro 13 – Se il vantaggio di Quartararo su Miller si è stabilizzato intorno al secondo e tre, aumenta il distacco tra lo stesso australiano e Morbidelli che, ad ora, si attesta sui due secondi e quattro. Nello stesso giro termina, alla tredici, la gara di Binder che, alla seconda caduta, è costretto al ritiro. Inoltre, Marquez supera il compagno di squadra Espargaro e conquista la decima posizione.

Giro 14 – Bagnaia si francobolla a Morbidelli e, ad ogni curva, il rischio sorpasso da parte di Bagnaia è sempre dietro l’angolo. Gli on-board dimostrano come Morbidelli allarghi molto le traiettorie rispetto a un Bagnaia molto squadrato nelle curve. Uscito largo anche alla tredici, Il torinese ha sfruttato la potenza del motore e la trazione per prendersi la posizione sul rettilineo.

Giro 15 – Non inquadrato, Quartararo va probabilmente lungo alla uno e perde tutto il vantaggio su Miller che, sul rettilineo finale, si riprende la vetta della classifica.

Giro 16 – Quartaro è in grande difficoltà. Per lui problemi all’anteriore o ai freni. Il francese frena molto delicatamente e Miller, anche con un lungo alla quattro, mette sette decimi di vantaggio in solo un giro.

Giro 17 – Bagnaia, sorpassato Morbidelli, mette sette decimi di vantaggio sul compagno di Accademy. Allo stesso tempo, Il ducatista ha cinque decimi di ritardo su Quartararo.

Giro 18 – Nei primi giri Bagnaia supera Quartararo che, in due settori, viene anche sorpassato da Morbidelli. E sul rettilineo, viene insidiato da Aleix Espargaro e Nakagami.

Giro 19 – Quartararo sta diventando un incognita X per la quarta posizione. Nakagami, prima di sorpassare il francese, si prende la posizione su Aleix Espargaro che, successivamente, viene sorpassato anche da Mir nel tentativo di sorpassare Quartararo. Ora, il pilota Yamaha, viene insidiato da Vinales.

Giro 20 – Mentre Quartararo esce dalla top ten, Bagnaia fatica a richiudere sul compagno di squadra che continua a godere di ben un secondo e nove. Sul traguardo, la top ten è composta da: Miller, Bagnaia, Morbidelli, Nakagami, Mir, A. Espargaro, Vinales, Zarco e Marc Marquez. Quartararo si è stabilito in decima posizione, ancora nelle retrovie estreme Valentino Rossi.

Leggi anche:

MotoGP | Accordo raggiunto tra KTM e Tech3: insieme fino al 2026

ventiduesimo giro – Morbidelli sembra aver risolto i problemi e si rimette in coda a un Bagnaia che, per ora, sembra averne molto di più.

Giro 23 – Bagnaia rosicchia quattro decimi nell’ultimo giro a Miller che, adesso, gode di un secondo e tre sul compagno di team.

Giro 24 – Con il sorpasso di Oliveira su Quartararo, Bagnaia sale in prima posizione nel mondiale. Proprio il Ducatista guadagna altri tre decimi su Miller. Il pilota di Chivasso, per prendere l’australiano, è chiamato a fare un giro record.

Ultimo giro – Bagnaia non guadagna nulla su Miller nel ventiquattresimo giro. Miller, così, va agilmente verso la prima vittoria da pilota ufficiale Ducati per lui che, già nel 2016, aveva vinto la prima gara di MotoGP con la Marc VDS sul bagnato di Assen.

14:42 – Jack Miller vince con la Ducati il GP di Spagna MotoGP. La casa di Borgo Panigale torna, dopo sedici anni, sul gradino più alto del podio del circuito andaluso. Sul podio ci saranno Bagnaia, che completa una strepitosa doppietta rossa, e Franco Morbidelli.

14:44 – Terminano fuori dal podio Nakagami, Mir (mai seriamente combattivo nel corso del weekend),  Aleix Espargaro, Vinales, Zarco, Marc Marquez e Pol Espargaro. Buon risultato per Honda che, su quattro moto a traguardo, ne piazza tre in top ten.

14:46 – L’unica Honda non in top ten è la moto laboratorio di Bradl che chiude dodicesimo, dietro ad Oliveira. Quartararo, dopo aver dominato la prima metà, chiude in tredicesima posizione; davanti a Petrucci, Lecuona, Marini, Rossi, Rabat, Savadori e Rins. Gli unici piloti ritirati sono Alex Marquez ed Enea Bastianini.

14:48 – Termina qui la cronaca LIVE del GP di Spagna MotoGP. Rimanete aggiornati con F1inGenerale per leggere le interviste ai protagonisti e la gara di MotoE che è stata posticipata alle 15:30 dopo la bandiera rossa nel Warm Up di Moto2 in seguito alla caduta di Dixon.

Seguici su Telegram

Moto3 | GP Spagna – Acosta trionfa in una gara ricca di colpi di scena, Fenati secondo seguito da Alcoba. P4 Migno

Studente di storia, appassionato di motori e speaker radiofonico
Disqus Comments Loading...